Ableton vs. Pro Tools: Il dilemma dei produttori musicali

Ableton vs. Pro Tools: Il dilemma dei produttori musicaliAbleton vs. Pro Tools: Il dilemma dei produttori musicali

Quando si intraprende un'attività di produzione musicale, la prima cosa da stabilire è quale DAW utilizzare. Quale ha le caratteristiche più utili per le vostre esigenze? Nella ricerca, ci sono le scelte più ovvie e la questione Ableton vs. Pro Tools è spesso il punto di arrivo. Due programmi e due DAW molto diversi. Entrambi sono strumenti eccellenti. Ecco una panoramica di Ableton Live Suite e Avid Pro Tools Ultimate per evidenziare le differenze principali e aiutarvi a prendere una decisione.

Ableton vs. Pro Tools Livello di difficoltà

Ableton Live

Vista della sessione Ableton Live vuota
Vista della sessione Ableton Live vuota

Il plug and play di Live è davvero stellare. È possibile imparare Ableton abbastanza rapidamente se si ha qualche ora ininterrotta a disposizione. Dipende dal vostro livello di esperienza, come tutte le cose, ma i creatori di Live lo hanno creato per fare una cosa sola: creare ed eseguire musica. Quando si impara a conoscere le sue funzioni, si apprende uno strumento destinato esclusivamente alla creazione di musica. Si va subito al sodo e in poche ore si può essere già operativi con un modello. In breve, il livello di difficoltà è medio-facile. Non si può dire che sia completamente facile, perché tutte le DAW richiedono un po' di tentativi ed errori per abituarsi.

Avid Pro Tools

Vista della sessione vuota di Pro Tools
Vista della sessione vuota di Pro Tools

Pro Tools, lo standard del settore, non è una DAW facile da usare subito. L'interfaccia utente non ispira la creatività e la natura pesantemente legata ai comandi dei tasti la rende qualcosa che richiede un uso piuttosto prolungato. Rispetto ad Ableton Live, sembra una lavagna vuota. Sebbene entrambi siano tecnicamente vuoti quando si avvia una nuova sessione, il layout di Live è più evidente, mentre Pro Tools è nascosto in finestre e sottomenu. È meglio imparare con un corso o un libro di testo piuttosto che aprirlo e tuffarsi. Il livello di difficoltà è relativamente alto.

Ableton vs. Pro Tools Strumenti di editing e flussi di lavoro

Ableton Live

Gli strumenti di editing di Live sono molto ridotti rispetto a Pro Tools. Non sono altrettanto personalizzabili e sono molto meno numerosi. Ci sono i trim di base per modificare le forme d'onda audio, la matita per scrivere manualmente l'automazione, la dissolvenza sui bordi della clip, ecc. Come nella maggior parte delle DAW, aree diverse del clip attivano strumenti diversi per manipolare i clip audio. Il fatto che siano diretti al punto permette di comprenderli rapidamente, consentendo così un apprendimento e un'esecuzione più rapida dei flussi di lavoro.

Avid Pro Tools

Gli strumenti di editing di Pro Tools sono piuttosto profondi. I tasti F consentono di scorrere ogni strumento, oppure è possibile premerne 3 contemporaneamente per accedere a uno "strumento intelligente" multiuso. Lo strumento intelligente è reattivo al punto in cui si passa il mouse nella clip, come in Ableton Live. Passando il mouse sul bordo in alto a destra si ottiene uno strumento di dissolvenza, sul fondo del clip c'è un grabber (per spostare i clip) e sul bordo centrale del clip c'è uno strumento di taglio per modificare le forme d'onda audio. Tutte le azioni di taglio e consolidamento vengono eseguite con i comandi dei tasti. Inoltre, Pro Tools dispone di funzioni di nudge e consente una precisione di campionamento che può essere misurata nel righello del tempo per effettuare modifiche di precisione. In questo modo è possibile spostare le clip, con la massima precisione possibile, senza mai toccare il mouse. Questo è uno dei molti vantaggi di Pro Tools.

Capacità di mixaggio di Pro Tools vs. Ableton

Ableton Live

Ableton Live dispone di funzionalità di mixaggio complete e i fader sono accessibili tramite le viste mix o arrange. Non c'è il tradizionale design a strisce di canali verticali, ma si possono rilasciare dispositivi audio sulle tracce visualizzate orizzontalmente. La creazione di gruppi in Live è uno degli aspetti meno professionali. Il raggruppamento si limita a sommare le tracce, ma non è possibile assegnare simultaneamente fader, assoli, sordine o qualsiasi altro attributo della traccia.

Sul fronte dell'automazione, Ableton Live è molto limitato. È possibile accedere rapidamente all'automazione con il tasto A e c'è una sola modalità di automazione: attiva quando si registra e disattivata quando non si registra. Questo può creare confusione quando si vogliono sovraincidere passaggi di automazione o confrontare passaggi automatizzati con versioni precedenti del mix.

Avid Pro Tools

Vista del mix di Avid Pro Tools con la finestra di dialogo Modifica gruppi
Vista del mix di Avid Pro Tools con la finestra di dialogo Modifica gruppi

L'efficienza del mixaggio è l'aspetto in cui Pro Tools eccelle. Il suo design di tipo SSL è tratto dal leggendario banco dello studio di registrazione su cui sono stati mixati tanti dischi straordinari. La personalizzazione dei gruppi da parte dell'utente consente il controllo completo e la condivisione degli attributi delle tracce. È possibile condividere assolo, mute, pan, registrazione, abilitazione degli ingressi, controllo degli inserti e altro ancora. È qui che inizia il "pro" di Pro Tools. Quando si tratta di semplificare il mix, questo è molto utile.

Anche l'automazione è molto più profonda in Pro Tools, in quanto consente di leggere, bloccare, toccare, scrivere, spegnere e toccare/lacciare. Avid Pro Tools supporta anche i plugin nativi. Quando si sta mixando e si devono utilizzare plugin che richiedono molta CPU, questo può essere utile per evitare che il sistema diventi lento.

Pro Tools si integra anche con i dispositivi EuCon, come Artist Mix, S3 e S6. Se desiderate una superficie hardware tangibile con cui mixare insieme alla vostra DAW per rendere il tutto più semplice, Avid Pro Tools ha puntato molto su questa funzione.

Suoni stock, strumenti virtuali ed effetti audio

Ableton Live

I plugin Wavetable, Compressore e Chorus di Ableton Live sono disponibili in dotazione
I plugin Wavetable, Compressore e Chorus di Ableton Live sono disponibili in dotazione

Ableton Live Suite è dotato di una serie di eccellenti effetti audio stock, plugin host e suoni stock. Si può fare molta strada anche senza plugin di terze parti. Ecco perché molti produttori di musica elettronica scelgono Ableton rispetto a Pro Tools.

Avete un ottimo sintetizzatore in Wavetable, Drum Rack per organizzare i vostri drum kit personalizzati, Drum Synth per creare suoni di batteria simili ai classici 808, un campionatore per tutte le vostre esigenze di campionamento classico e molte altre funzioni e strumenti utili per creare musica interessante.

Anche gli effetti sono tra le caratteristiche principali di Ableton. Ableton offre numerosi delay, filtri, echo, riverberi, effetti di modulazione del pitch e plugin di elaborazione della dinamica per aggiungere colore, chiarezza e profondità alla nuova musica che state mixando.

Avid Pro Tools

Plug-in di effetti e dinamica Avid Stock
Plug-in di effetti e dinamica Avid Stock

Gli strumenti e i loop disponibili in Pro Tools sono stati piuttosto insoddisfacenti nel corso degli anni. Avid ha fatto dei tentativi per creare groove box e synth, ma non è ancora riuscita a imporsi nel settore. Il suo utilizzo più importante, finora, è come host per strumenti virtuali di terze parti. Tuttavia, di recente sono state aggiunte alcune nuove gemme, Groove Cell e Synth Cell.

Groove Cell, il sequenziatore di batteria, e Synth Cell hanno una marcia in più rispetto ai synth precedenti. Xpand! aveva un suono datato e Boom, il sequencer di batteria, era semplice e poco personalizzabile. Ciascuno di essi ha un suono molto più modernizzato, il che significa che suona più come un hardware che come un synth morbido. Oggi tutti vogliono toni caldi dalla sintesi digitale. Inoltre, gli sviluppatori di DSP sono riusciti a mettere a punto algoritmi così validi da rendere possibile questo risultato. Entrambi i sintetizzatori sono molto intuitivi ed eleganti, con pochi menu secondari nascosti e una matrice di routing facile da usare.

I plug-in di effetti forniti con Pro Tools Ultimate, tuttavia, sono piuttosto vasti. Si riceve l'Avid Complete Plug-in Bundle che contiene tutto ciò che è stato prodotto. Equalizzatori, compressori, stompbox e amplificatori per chitarra, delay, riverberi: tutto quanto. Non si sono certo tirati indietro.

Ableton vs. Pro Tools MIDI

Ableton Live

La vista di editing MIDI di Ableton, che mostra le note, gli inviluppi e le opzioni di espressione delle note sulla sinistra.
La vista di editing MIDI di Ableton, che mostra le note, gli inviluppi e le opzioni di espressione delle note sulla sinistra.

Gli effetti MIDI fanno risaltare Live in modo particolare. Non solo Ableton Live viene fornito con alcuni effetti utili, ma è possibile crearne di propri da zero utilizzando MAX for Live. La creatività può davvero fluire con alcuni dei suoni interessanti che si possono combinare. È anche possibile ottenere gratuitamente effetti MIDI di terze parti, come il Probability Pack, che possono essere ospitati in Live.

È inoltre possibile accedere facilmente alle mappature MIDI e mappare l'intero software sui parametri di qualsiasi dispositivo MIDI. Questo è l'ideale per le performance dal vivo e per un'ulteriore personalizzazione da parte dell'utente in studio.

Pro Tools e Ableton dispongono di funzionalità di editing MIDI simili, ma la facilità di accesso alle note, agli inviluppi e all'espressione delle note di Ableton Live lo rende molto efficace per far uscire nuove idee in modo tempestivo. I musicisti elettronici lo amano proprio per questo motivo. Naturalmente si tratta di una preferenza personale, ma la qualità della vostra musica elettronica dipende molto dalle vostre capacità di editing MIDI e dalla vostra creatività.

Avid Pro Tools

La finestra di editing MIDI fluttuante di Pro Tools
La finestra di editing MIDI fluttuante di Pro Tools

Il MIDI è migliorato molto in Pro Tools rispetto ai primi tempi. Un tempo l'editing e la registrazione MIDI erano piuttosto noiosi nell'applicazione. Come software standard del settore, non avrebbe resistito alla prova del tempo se Avid non avesse fatto un passo avanti. Al giorno d'oggi la registrazione non è più sufficiente.

Ableton e Pro Tools attivano entrambi la finestra di editing MIDI facendo doppio clic su un clip MIDI sulla timeline. Tuttavia, ciascuno di essi dispone di meccanismi diversi all'interno della finestra di editing MIDI. I cursori appaiono nella parte inferiore del piano roll MIDI e si possono aggiungere diversi parametri MIDI, in modo simile a come si aggiungono le corsie di automazione. Da qui sono disponibili tutti i controlli comuni: velocity, pitch bend, volume, mute, pan, aftertouch, ecc.

Anche con tutte le ottimizzazioni MIDI apportate da Pro Tools nel corso degli anni, non è ancora in cima alla lista degli editor MIDI. Se il MIDI è il vostro flusso di lavoro principale, probabilmente troverete le funzioni e gli effetti di Ableton più semplici.

Registrazione e ingegneria

Ableton Live

Ableton Live in modalità di registrazione
Ableton Live in modalità di registrazione

Come software di registrazione, Live va dritto al punto. Niente fronzoli, niente modalità di punzonatura uniche, basta armare una traccia, premere record e preparare gli strumenti dal vivo, la voce o qualsiasi altra cosa. Non ha nemmeno funzionalità di take-comping, il che è certamente utile se siete ingegneri audio. In senso tradizionale, Live non è un grande strumento di ingegneria audio.

Per la registrazione durante le performance dal vivo, il modo leggero in cui Live opera è ideale. Potreste non aver bisogno di tutte le modalità e le funzioni di Pro Tools. Al contrario, potreste aver bisogno solo di ricampionare una chitarra e assegnarla a un trigger MIDI usando una delle vostre scorciatoie personalizzate per la registrazione. Ableton è leggero e veloce in questo tipo di situazioni.

Avid Pro Tools

Pro Tools in registrazione mostra il menu a tendina delle diverse modalità di registrazione disponibili vicino al pulsante del braccio di registrazione globale.
Pro Tools in registrazione mostra il menu a tendina delle diverse modalità di registrazione disponibili vicino al pulsante del braccio di registrazione globale.

Tra Pro Tools e Ableton, Pro Tools vince ovviamente la battaglia della registrazione. Io sostengo (e sono sicuro che molti artisti e produttori sarebbero d'accordo) che Pro Tools è la migliore DAW per la registrazione di musica e la produzione audio post-centrica. Non solo la Digidesign originale ha creato un modo innovativo di registrare, ma ha anche creato probabilmente la migliore interfaccia audio digitale e la migliore scheda DSP PCIe, rispettivamente la HD I/O e la HDX. Plugin ad alta intensità di CPU? Nessun problema. Utilizzatene 1.000.

Per la registrazione in particolare, Pro Tools dispone di 6 modalità di punch. Normale, loop, distruttivo, punch rapido, punch su traccia e punch distruttivo. Le versioni punch significano semplicemente che è possibile inserire e disinserire i punch a piacimento mentre si esegue la riproduzione. Questo rende molto più semplice l'attività di tecnico audio per band e cantanti, in quanto è possibile inserire qualsiasi errore o sovraincisione in modo rapido ed efficiente. È anche possibile rilasciare marcatori in Pro Tools e registrare da diversi punti della timeline utilizzando i comandi chiave.

La composizione di playlist è un aspetto in cui Pro Tools eccelle. È possibile impostare una preferenza per la creazione di nuove playlist quando si registra in loop, quindi registrare le voci principali, le tracce di accompagnamento, gli adlibs, i doubles, ecc. Registrate tutte le riprese che desiderate, quindi rivelatele nella vista playlist, evidenziate le parti migliori e promuovetele con un pulsante a forma di freccia verso l'alto nella playlist della traccia principale.

Infine, quando si registra in Pro Tools, i file contengono molti metadati che possono essere letti nella finestra Workspace di Pro Toos. Timestamp (originale e utente), frequenza di campionamento, profondità di bit, percorso del file, formato, numero di canali, data di creazione e molto altro ancora. Questo è incredibilmente utile per organizzare i progetti di registrazione.

Conclusione

Sia Pro Tools che Ableton Live sono due macchine molto diverse tra loro nello spazio DAW. Dall'editing di forme d'onda e dalla produzione musicale alle mappature MIDI e alle performance dal vivo, entrambi sono in grado di reggere il confronto. Dai comandi dei tasti personalizzati ai comandi dei tasti più vecchi, radicati nella mente della maggior parte degli ingegneri audio del settore. Ognuno di essi apporta qualcosa di speciale. Non c'è motivo per cui non si possano imparare entrambi e utilizzare tutto ciò che hanno da offrire.

Per esempio, un flusso di lavoro potrebbe consistere nell'utilizzare Pro Tools per importare i vinili registrati, per poi utilizzare le funzioni chiave di cui dispone per tagliare i transienti e creare loop. La funzionalità tab-to-transients è uno degli strumenti più utili per i tecnici audio. È quindi possibile portare i loop in Live, elaborarli, perfezionarli e quindi utilizzare la vista di lancio dei clip per una performance dal vivo.

È tutta una questione di preferenze personali. Come volete che sia il vostro flusso di lavoro? Cosa avete bisogno di fare? È sufficiente una DAW o vi trovate spesso bloccati e desiderate che sia disponibile una determinata funzione? Il mio consiglio è di imparare tutti gli strumenti che fanno le cose che volete. Sarà utile conoscere gli strumenti al momento giusto ed essere in grado di eseguire l'editing, il mixaggio, suonare in un contesto live, utilizzare un'interfaccia unica, ecc. Può anche essere utile avere una sessione separata per la composizione e l'organizzazione. In questo modo, quando avrete tutti i pezzi che desiderate per la vostra canzone, li porterete nella DAW con cui siete più creativi e finirete tutte le cose divertenti con lo slancio che avete acquisito.

Ableton e Pro Tools, Logic e FL Studio, Cubase e Garageband sono solo mezzi per raggiungere un fine. Strumenti del mestiere che possono essere usati insieme per raggiungere l'obiettivo principale: fare buona musica.

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!