Il cerchio delle quinte: La guida completa per i principianti

Il cerchio delle quinte: La guida completa per i principiantiIl cerchio delle quinte: La guida completa per i principianti

Per gli autori di canzoni che hanno la forza di superare la confusa ruota della morte della teoria musicale che è il Circolo delle Quinte, questo strumento di scorciatoia unico può fornire una vasta gamma di vantaggi. In effetti, non è molto difficile da memorizzare e, una volta che lo conoscerete come una banca della vostra mano, sarete in grado di navigare facilmente attraverso progressioni di accordi , firme in chiave e molto altro ancora!

Potreste ricordare il Circolo delle Quinte dalle lezioni di musica del liceo, oppure potreste essere nuovi a questo concetto. In ogni caso, vi guideremo passo dopo passo, in modo da non confondervi mai più!

Perché imparare il circolo delle quinte è importante

Per essere del tutto onesti con voi, potreste non trovarvi mai a usare il Circolo delle Quinte.

Questo fa di te un dilettante musicista o autore di canzoni?

Assolutamente no! Tuttavia, riteniamo che possa essere uno strumento utile per capire come si ricavano le firme delle tonalità e come funzionano le progressioni degli accordi. L'aspetto visivo del circolo delle quinte è ciò che lo rende così utile, in quanto è possibile tenerlo a mente ogni volta che ci si sente musicalmente disorganizzati.

È importante notare che quasi tutti i brani di musica occidentale seguono un qualche tipo di schema . Naturalmente, anche nella musica orientale fanno lo stesso! Questi schemi, chiamati scale o modi, ci portano in viaggio attraverso i brani musicali e ci riportano a casa sani e salvi. Pattern diversi ci fanno sentire in determinati modi e quando si impara a manipolare le emozioni dell'ascoltatore utilizzando questi pattern, si è raggiunta la vera padronanza musicale.

La domanda diventa quindi,

Come diavolo funziona questa cosa?

Ma prima, un po' di teoria musicale di base

Se avete già una conoscenza di base della teoria musicale, potete passare alla sezione successiva. Se invece siete nuovi o avete la sensazione di aver bisogno di un buon ripasso delle basi, continuate a leggere.

Firme in chiave

Le chiavi di violino sono raggruppamenti musicali di sette note di cui sono fatte le composizioni. Quando si suona un brano in una determinata tonalità, è possibile utilizzare le note incluse nelle progressioni e nelle melodie che hanno un suono piacevole e musicale.

Nella musica scritta, le firme delle chiavi sono rappresentate come serie di accidenti (diesis o bemolle) che definiscono le altezze musicali nella chiave. Esistono 12 chiavi (24 se si contano le maggiori e le minori), che derivano dai 12 tasti del pianoforte.

firme delle chiavi

Bemolle e diesis

I diesis e i bemolli, altrimenti detti accidentali, sono semitoni o mezzi passi tra le sette note dell'alfabeto musicale: C-D-E-F-G-A-B.

L'accidente è posto dopo una di queste lettere per indicare se la nota è un mezzo passo in più o in meno rispetto alla nota della lettera.

Se aggiungessimo un simbolo di diesis (#) alla nota C per ottenere C#, la suoneremmo un mezzo gradino più in alto rispetto a C.

diesis e bemolle

D'altra parte, se aggiungessimo un simbolo di bemolle (b) alla nota G per ottenere Gb, la suoneremmo un semipasso più basso di G.

Capire come funzionano i diesis e i bemolli è fondamentale per capire come funziona il circolo delle quinte, poiché le accidentali ci dicono in che tonalità ci troviamo e il circolo delle quinte è composto da firme in chiave.

La fondazione del Circolo delle Quinte

Il primo schema da conoscere sul Circolo delle Quinte è quello delle firme in chiave .

Una tonalità è un insieme di sette note, che insieme vengono chiamate scala . Le scale vengono costruite utilizzando relazioni specifiche tra le note di una scala. Ad esempio, le relazioni tra le note di una scala in una scala maggiore o in una scala minore sono diverse.

Per iniziare, analizziamo le note di una scala di Do maggiore:

scala di do maggiore

All'inizio della Scala di Do maggiore si trova la nota "C", altrimenti nota come tonica . Da C si sale di una nota alla volta attraverso la scala fino a raggiungere la nota successiva C , che è un' ottava . Si noterà che queste note sono le stesse quando vengono suonate insieme, anche se una è più alta dell'altra.

Se si suonassero queste note su una tastiera, ci vorrebbero 12 mezzi passi per raggiungere l'ottava, spostandosi di una nota alla volta. Il motivo per cui questo è importante è che ci dà un quadro di riferimento quando pensiamo alle quinte.

La quinta perfetta nella Scala di Do maggiore è G , poiché G è il quinto grado della scala. Tuttavia, è importante notare che una quinta è in realtà sette mezzi gradini in più rispetto alla radice o alla tonica C , e non cinque. La stessa cosa vale sia per le tonalità maggiori che per quelle minori.

quinta perfetta

Quindi, se osserviamo l'illustrazione del Circolo delle Quinte qui sotto, possiamo vedere che la lettera successiva (muovendoci in senso orario) a C è G , poiché G è un intervallo di quinta perfetta sopra C. Se ci spostiamo di un'altra lettera da G, arriviamo a B, poiché B è un intervallo di quinta perfetta da G, e così via.

D'altra parte, se ci muoviamo in senso antiorario, ci muoviamo per quarte invece che per quinte. Quindi, ad esempio, se partiamo da C e ci muoviamo di una lettera in senso antiorario, arriviamo alla nota F , che è una quarta perfetta (cinque mezzi passi) da C. A volte si usa il termine "Circolo dei quarti" quando ci si riferisce a questo stesso cerchio in senso antiorario, anche se, ai fini di questo articolo, ci concentreremo sulla parte in senso orario.

Se ve lo state chiedendo, il motivo per cui ci riferiamo a ogni quinta successiva come "quinta perfetta" è che la quinta rimane la stessa, indipendentemente dal fatto che la tonalità sia maggiore o minore. La terza, la sesta e la settima cambiano a seconda che ci si trovi in una tonalità maggiore o minore.

L'idea è che è importante capire come suona e come si sente una quinta per capire perché l'abbiamo messa su questo piedistallo musicale.

Il circolo delle quinte in Accidentali

accidentali

Per molti musicisti è più facile pensare al circolo delle quinte in base al numero di accidenti presenti nelle diverse tonalità. Per dare un esempio di come funziona, cominceremo con il Do.

La teoria musicale di base ci dice che la tonalità di Do maggiore non ha accidentali (diesis o bemolle). Quindi, se si inizia con la tonalità di Do maggiore sul cerchio delle quinte e ci si sposta in senso orario al gradino successivo, si arriva a Sol maggiore, che ha un'unica nota accidentale: il Fa#.

Continuate a girare intorno al cerchio in senso orario e vedrete che ogni passo aggiunge un altro acuto.

Sebbene molti pianisti debbano imparare l'ordine dei diesis quando imparano a suonare il pianoforte, per alcuni può essere difficile ricordarlo. Per queste persone abbiamo un utile strumento mnemonico:

  • Padre
  • Auto
  • Vai
  • Pericolosamente
  • Intorno
  • Ogni
  • Curva

Continuate a rimbalzare intorno al cerchio delle quinte in senso orario, aggiungendo un diesis a ogni passaggio fino a raggiungere il Do#, che ha sette diesis !

Ora, naturalmente, potreste chiedervi: e se ci si muovesse in senso antiorario nel cerchio partendo da Do maggiore?

Partendo da C e muovendosi in senso antiorario, si scende di una quinta a ogni passaggio successivo, aggiungendo un bemolle.

Un utile strumento mnemonico per ricordare questi appartamenti è il seguente:

  • Battaglia
  • Fine
  • E
  • In basso
  • Va
  • Carlo
  • Padre

Il primo gradino in senso antiorario è F , che contiene un bemolle, e il gradino successivo è Bb , che contiene due bemolli. Continuate a muovervi fino ad arrivare a Cb maggiore , dove troverete sette bemolli!

Il Circolo delle Quinte - Chiavi minori

minori relativi

A questo punto, dovreste aver capito bene come sono disposte le chiavi maggiori sul circolo delle quinte. Ora analizziamo le tonalità minori.

Il bello delle tonalità maggiori e minori è che condividono le firme delle chiavi. Se si inizia nel punto giusto, si possono aggiungere diesis e bemolle come per le tonalità maggiori.

Ogni tonalità maggiore ha una tonalità minore relativa che inizia dal sesto grado della scala maggiore. Quindi, ad esempio, se ci si trova nella tonalità di Do maggiore e si contano sei gradi della scala, si arriva al La, che è la tonalità minore relativa.

Ciò significa che il La minore condivide esattamente la stessa tonalità del Do maggiore, senza bemolli o diesis. La stessa cosa vale per tutte le tonalità maggiori del cerchio. Ad esempio, se si parte da G maggiore e si contano sei gradi della scala, si arriva a E, che è la relativa minore di G maggiore.

Applicazioni pratiche per il circolo delle quinte

Le quinte perfette sono i mattoni della teoria musicale occidentale. Per molti secoli, compositori e autori di canzoni hanno utilizzato il circolo delle quinte per costruire progressioni di accordi, armonizzare melodie e cambiare tonalità durante un brano musicale. La bellezza del circolo delle quinte è che fornisce una mappa per gli accordi diatonici e la loro funzionalità.

È possibile considerare qualsiasi grande brano di musica occidentale e inserirlo nel Circolo delle Quinte per dargli un senso. Da Beethoven a Brahms, dai Beatles a Britney Spears, tutti i grandi musicisti hanno utilizzato il Circolo delle Quinte in un modo o nell'altro, che lo riconoscessero o meno.

Vediamo alcune delle applicazioni più pratiche di questo strumento di teoria musicale.

Trovare le note giuste in una chiave di violino

Sebbene sia una buona idea conoscere le note della propria tonalità, è possibile trovare le note presenti in qualsiasi scala maggiore partendo dalla nota immediatamente antioraria in una tonalità maggiore e contando le sette note in senso orario .

Una volta ottenute le sette note, è possibile riorganizzarle nell'ordine corretto della scala per ottenere la scala diatonica!

Quindi, per esempio, supponiamo di voler capire gli accordi in Do maggiore. Si può iniziare con una nota in senso antiorario, cioè il Fa , e contare le sei note successive della scala - Do-G-D-A-E-B.

trovare le note nelle firme in chiave

Trovare le relative chiavi maggiori e minori

Come ormai sapete, tutte le tonalità maggiori hanno le relative tonalità minori con lo stesso numero di accidenti. L'unica cosa da fare per trovare una tonalità minore relativa è spostarsi di tre gradini in senso orario . Se state cercando una tonalità maggiore relativa, potete muovervi di tre passi in senso antiorario .

CONSIGLIO PRO: uno dei modi più interessanti per utilizzare le tonalità minori relative è durante il bridge di una canzone. Poiché una tonalità minore utilizza tutte le stesse note della sua controparte in tonalità maggiore, è possibile creare un bridge dal suono familiare che offre uno stato d'animo e un'atmosfera completamente opposti.

Costruire progressioni di accordi

Basta dare un'occhiata alla musica popolare degli ultimi 100 anni per rendersi conto che spesso si riciclano le stesse progressioni di accordi in continuazione. Probabilmente, la progressione di accordi più popolare nella musica occidentale è l' I-IV-V-I .

Se non conoscete i numeri romani nella teoria musicale, essi vengono utilizzati per indicare i diversi gradi della scala. Nel caso precedente, la notazione I-IV-V-I rappresenta gli accordi 1-4-5-1 della scala maggiore.

In una scala maggiore, la progressione di accordi I-IV-V-I è composta da tutti gli accordi maggiori, compresi la tonica, la quarta e la quinta. Se iniziate dalla tonalità di Do maggiore e percorrete questi accordi uno alla volta, vi garantiamo che riconoscerete la tonalità e la cadenza.

Quindi, se iniziate con la tonalità di Do maggiore e guardate il vostro circolo delle quinte, vedrete immediatamente la quarta e la quinta a destra e a sinistra della nota Do, permettendovi di creare la più elementare progressione di accordi in pochi secondi!

Ora, se si supera la quarta e la quinta per ogni lato, si arriva alla seconda e alla settima, che sono ottime per ampliare le progressioni di accordi e renderle più uniche. Anche attenendosi a questi cinque accordi e utilizzando questi raggruppamenti di note suonate insieme si può ottenere una progressione di accordi consonante.

Si noti che quando si parla di numeri romani, gli accordi maggiori sono indicati con lettere maiuscole, mentre gli accordi minori sono indicati con lettere minuscole o non maiuscole.

costruire progressioni di accordi

Trasposizione di un brano


La trasposizione è molto simile alla modulazione, motivo per cui molti nuovi musicisti spesso confondono i due termini e li usano in modo intercambiabile quando parlano di composizione musicale. Tuttavia, quando si traspone un brano, l'obiettivo è quello di utilizzare la stessa progressione di accordi in una tonalità diversa.

I compositori spesso traspongono le canzoni per i cantanti se non si sentono a proprio agio con la gamma. Il bello di usare il circolo delle quinte per trasporre una canzone è che basta trovare la tonica che si vuole usare e trovare gli stessi accordi usando la stessa relazione di forma.

Quindi, per esempio, supponiamo di utilizzare la progressione di base I-IV-V-I, ma di voler trasporre il brano di un gradino inferiore da C maggiore a B maggiore. Sapete già che la tonica è I (l'accordo di C maggiore), un passo in senso orario è V (l'accordo di G maggiore) e un passo in senso antiorario è IV (l'accordo di F maggiore).

Per trasporre il brano da Do maggiore a Si maggiore, è sufficiente ruotare l'intero cerchio e utilizzare le stesse forme.

trasposizione di do maggiore in si maggiore

Prendere in prestito chiavi non diatoniche

Prima o poi si vorrà abbandonare l'uso dei soli accordi diatonici (accordi che si trovano naturalmente all'interno di una tonalità).

In effetti, alcune delle migliori progressioni in circolazione utilizzano accordi presi in prestito da altre tonalità. Molti si riferiscono agli accordi al di fuori delle chiavi di violino come "accordi presi in prestito". Si possono usare per aggiungere un elemento tonale unico alla canzone.

Un buon punto di partenza per gli accordi presi in prestito è l'utilizzo delle dominanti secondarie. Una dominante secondaria è la quinta della quinta della tonalità - V/V.

Quindi, se siete nella tonalità di C maggiore, il quinto accordo è un accordo di G maggiore. L'accordo di dominante o di quinta in sol maggiore è il si maggiore, che si può usare come accordo preso in prestito al di fuori della tonalità di do maggiore per creare interesse. Si può fare la stessa cosa anche con la sottodominante della quinta - IV/V.

Ci sono molti modi per utilizzare gli accordi presi in prestito e il circolo delle quinte può semplicemente aiutarvi a trovare quelli che hanno più senso utilizzare.

Modulazione

Sebbene molte canzoni utilizzino la stessa tonalità per tutta la durata del brano, ce ne sono molte che fanno uso della modulazione, ovvero l'atto di cambiare tonalità durante la canzone.

Cambiare la tonalità durante il brano può dare agli ascoltatori una nuova prospettiva dopo lunghe sezioni ripetute. Sebbene sia possibile passare direttamente a una nuova tonalità, è molto più interessante passare in modo fluido a una nuova tonalità utilizzando chiavi correlate.

Con il circolo delle quinte, è possibile vedere quali sono le firme di tonalità più in contrasto con la firma di tonalità in cui si sta lavorando. Ad esempio, sapete già che G maggiore ha solo un diesis in più rispetto a C maggiore. Quindi, si può passare senza problemi da Do maggiore a Sol maggiore senza che ciò risulti stridente per chi ascolta.

Ci sono molte tonalità che condividono alcuni degli stessi accordi, spesso definiti "accordi cardine". Quando si cerca di modulare da una tonalità all'altra, è una buona idea utilizzare questi accordi perno per offrire una transizione più fluida.

Ad esempio, se si volesse utilizzare la tonalità di Do maggiore, si potrebbe usare il La minore come accordo cardine, poiché sia il Do maggiore che il Sol maggiore hanno l'accordo di La minore.

Riflessioni finali - Imparare ad amare il circolo delle quinte

C'è un motivo per cui l'inizio della maggior parte dei corsi di teoria musicale si concentra sul circolo delle quinte. È ovunque nella musica!

Ci auguriamo che ora possiate vederla come un utile strumento di base piuttosto che come un banale concetto tecnico, in quanto può aiutarvi a navigare nel mondo della teoria musicale con facilità!

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!