Cos'è l'equalizzazione nella musica e come si usa?

Cos'è l'equalizzazione nella musica e come si usa?Cos'è l'equalizzazione nella musica e come si usa?

Quando si parla di strumenti cruciali per il mixaggio e la produzione musicale, l'equalizzazione è di solito il primo a essere menzionato. E sebbene possa sembrare uno strumento di missaggio piuttosto semplice, si tratta di un argomento ENORME e sorprendentemente complesso quando lo si analizza.

Per aiutarvi a comprendere questo fondamentale processo di mixaggio, vi illustreremo tutto ciò che dovete sapere sugli EQ e sui plug-in EQ!

Che cos'è un equalizzatore?

equalizzatore musicale

L'equalizzazione, o in breve "EQ", è una forma di elaborazione audio di base che ci permette di regolare il livello di volume di una singola frequenza o di una gamma di frequenze di un suono o di un segnale audio specifico. In sostanza, l'equalizzazione consente di manipolare il tono o il timbro di un suono, curandone le imperfezioni e accentuandone i lati positivi.

Il processo di equalizzazione inizia con il taglio delle frequenze indesiderate e l'aumento di quelle che suonano bene, il tutto per bilanciare i suoni in modo che si armonizzino bene tra loro nel mix.

Quando si lavora con l'equalizzazione, si opera nella gamma dell'udito umano. L'orecchio umano può sentire da circa 20 Hz a 20 kHz . In genere, quando si lavora con l'equalizzazione, i tecnici suddividono queste frequenze in diversi intervalli dello spettro audio.

Ecco una piccola ripartizione della divisione dello spettro di frequenza:

  • Sub-bass (20-60Hz) - Queste frequenze bassissime sono le più basse nella gamma dell'udito umano. Potreste sentirle presenti nei sub-bassi o nei tamburi bassi con tonalità molto basse. Le frequenze sub-basse sono molto potenti e richiedono molta attenzione. È molto difficile per le nostre orecchie individuare le frequenze sub-basse su diffusori non dotati di subwoofer, quindi assicuratevi che, se decidete di equalizzarle sul vostro sistema, possiate effettivamente sentirle.
  • Medio-bassi (60-250Hz) - I medio-bassi forniscono calore e pienezza in un mix. Qui si trovano i bassi e i kick, nonché le frequenze più basse di chitarre, voci, sintetizzatori e tastiere. Questa gamma è necessaria per far suonare bene i mix, anche se richiede attenzione per eliminare il fango.
  • Medi (250Hz-1,5kHz) - Questa specifica gamma di frequenze è al centro dell'udito umano. L'amplificazione di uno strumento in questa gamma di frequenze può fornire presenza. Tuttavia, un potenziamento eccessivo delle medie frequenze può risultare eccessivo per l'ascoltatore.
  • Medi superiori (1,5-6,6 kHz) - È possibile conferire agli strumenti presenza e chiarezza nella gamma di frequenze superiori. Tuttavia, come per i medi, è necessario essere molto cauti quando si esaltano pesantemente i medi superiori. Una quantità eccessiva di questa gamma di frequenze può rendere il brano difficile da ascoltare.
  • Alti (6,6-20kHz) - Le alte frequenze sono quelle in cui si trovano brillantezza e aria. Aumentando queste frequenze alte si può aiutare la chitarra acustica a brillare o la voce a stare in cima al mix. Tuttavia, in questa gamma si trovano anche tonnellate di rumore ad alta frequenza. Le chitarre elettriche hanno spesso un sacco di sibili in questa zona, che possono risultare stridenti se amplificati.
spettro di frequenza eq

Come funziona un equalizzatore?

Sebbene esistano migliaia di plug-in di equalizzazione diversi, tutti con pulsanti e manopole uniche, il modo in cui l'equalizzazione funziona è praticamente lo stesso in tutti i casi. Prendiamo in esame un equalizzatore parametrico di serie, che ha più controlli di un equalizzatore grafico .

L'equalizzatore parametrico dispone di alcuni controlli principali:

  • Filtri
  • Pendenza
  • Q Valore
  • Frequenza
  • Guadagno

Filtri

Gli strumenti fondamentali di un equalizzatore sono i filtri . Il funzionamento dell'equalizzatore può essere modificato in base al tipo di filtro utilizzato.

Ecco una breve panoramica dei tipi di filtri più comuni:

Filtro passa-alto

filtro passa-alto nell'equalizzatore

Un filtro passa-alto, altrimenti noto come filtro taglia-bassi, filtra le frequenze basse lasciando inalterate le alte frequenze. I filtri passa-alto sono ideali per eliminare le frequenze basse non necessarie o indesiderate.

Filtro passa-basso

filtro passa basso in eq

Un filtro passa-basso, altrimenti noto come filtro taglia-alto, è l'opposto polare di un filtro passa-alto: filtra le frequenze alte lasciando inalterate le basse. I filtri passa-basso sono perfetti per respingere i suoni in un mix o per eliminare le alte frequenze indesiderate.

Campana

filtro a campana in eq

Il filtro a campana è uno strumento standard per aumentare o ridurre le frequenze. È possibile regolare il numero di frequenze su cui agisce il filtro a campana utilizzando il controllo 'Q', di cui parleremo tra poco.

Un filtro a campana sarà il vostro punto di riferimento per modellare il vostro tono e scolpire i vostri suoni.

Scaffale

filtro shelving in eq

Un filtro shelf o shelving può potenziare o tagliare tutte le frequenze al di sopra o al di sotto di un punto prescelto. Un filtro a mensola è un'ottima scelta se si desidera manipolare il tono nel modo più ampio possibile! Ad esempio, gli ingegneri utilizzano spesso i filtri di amplificazione ad alto livello per conferire alle voci brillantezza e aria.

Tacca

filtro notch in eq

I filtri notch, altrimenti noti come filtri EQ band-stop, rimuovono chirurgicamente le frequenze in una gamma di frequenze molto ristretta .

Gli ingegneri utilizzano spesso filtri notch per eliminare le risonanze indesiderate della stanza, dovute alla registrazione in ambienti non trattati.

Pendenza

pendenza eq

Alcuni tipi di filtro, come i filtri passa-alto, i filtri passa-basso e gli scaffali, utilizzano controlli di pendenza per indicare all'equalizzatore quanto aggressivo sia l'impatto su un suono al di sopra o al di sotto della sua frequenza d'angolo. La pendenza si misura in "dB per ottava". Un numero di dB elevato crea una pendenza maggiore.

Ad esempio, le pendenze di 6 dB o 12 dB sono ottime per roll-off morbidi e trasparenti. Tuttavia, se è necessario rimuovere completamente tutto ciò che si trova al di sopra o al di sotto di un certo punto, è preferibile una pendenza maggiore, come una pendenza di 24 dB per ottava o 96 dB per ottava.

Q Valore

Valore q nell'equalizzatore musicale

Il valore "Q", che sta per "fattore di qualità", rappresenta la larghezza di banda di un equalizzatore.

Un valore di Q superiore a 1 offre una larghezza di banda molto più stretta, consentendo di essere selettivi con gli incrementi e i tagli. D'altra parte, un valore di Q inferiore a 1 vi darà una larghezza di banda molto più ampia e musicale.

CONSIGLIO: è meglio utilizzare una larghezza di banda stretta per il taglio e una larghezza di banda più ampia per il potenziamento.

Frequenza

L'obiettivo principale della banda di equalizzazione viene controllato mediante il controllo della frequenza . Scegliendo una frequenza, ad esempio 1 kHz, è possibile determinare il punto in cui si desidera effettuare incrementi e tagli.

I filtri, tuttavia, non sono perfetti.

Anche se si è scelto 1 kHz per la frequenza e si è utilizzato un valore Q stretto, un equalizzatore avrà sempre un certo impatto sulle frequenze circostanti. Questo è molto importante da tenere a mente quando si equalizzano segnali diversi o la traccia nel suo complesso.

Guadagno

Con il controllo del guadagno è possibile determinare la quantità di volume tagliato o aumentato con la banda o il filtro. Il guadagno si misura in "dB".

Un valore dB positivo indica un aumento , mentre un valore dB negativo indica un taglio .

EQ additivo e sottrattivo

eq additiva e sottrattiva

Nella comunità dei mixatori si discute da tempo su quale di questi approcci all'equalizzazione sia migliore. Ecco una piccola sintesi di ciò che ci si può aspettare da uno di questi approcci all'equalizzazione:

  • L'equalizzazione additiva è il processo di potenziamento delle frequenze di una sorgente audio per accentuare alcune bande che si desidera mettere in risalto.
  • L'equalizzazione sottrattiva è il processo di attenuazione delle frequenze di una sorgente audio per ripulire o eliminare le gamme di frequenza non necessarie.

EQ additiva

L'equalizzazione additiva è un'ottima soluzione per le applicazioni creative , in quanto può aiutarci a rendere un segnale audio più interessante per l'ascoltatore. È possibile utilizzare l'equalizzazione additiva per accentuare le componenti di frequenza di un segnale per conferirgli un suono grasso, distinto o presente. La maggior parte dei suoni ha un punto di forza , come i 100 Hz del basso o i 3 kHz del rullante.

Se volete migliorare un suono che ritenete in qualche modo carente , l'equalizzazione additiva è un buon approccio.

EQ sottrattiva

Quando si eliminano alcune frequenze con l'equalizzazione sottrattiva, si aumenta l' headroom nel mix. In sostanza, si aumenta il limite massimo di volume delle canzoni. Eliminando le frequenze non necessarie dai singoli strumenti e aggiungendo guadagno a ciascun segnale, si può dare agli ascoltatori l'impressione che il brano sia più forte.

Inoltre, quando si mixa, l'obiettivo finale è quello di far combaciare ogni elemento con l'altro, in modo che si integrino come un'unica unità coesiva. Per esempio, cercare di far combaciare un basso e una chitarra acustica potrebbe significare eliminare le frequenze basse della chitarra acustica per fare spazio alla gamma di frequenze fondamentali del basso o eliminare le frequenze medio-alte del basso per permettere alla chitarra acustica di emergere.

Quando e come usare l'equalizzazione nel missaggio

Ci sono alcuni motivi per cui si può usare l'equalizzazione nel missaggio:

  • Rimuovere le frequenze indesiderate o non necessarie da diversi suoni.
  • Riducete l'effetto di mascheramento delle frequenze in un mix, in modo da far sentire ogni strumento
  • Valorizzare o accentuare le frequenze desiderate
  • Creare un suono "effettato

Rimuovere la roba cattiva

Il modo migliore per iniziare con l'equalizzazione è quello di rimuovere le cose più sgradevoli.

Spesso mi piace utilizzare bande strette per rimuovere le frequenze indesiderate. A volte sono assolutamente sicuro di non volere una specifica gamma di frequenze in un particolare segnale nel mio mix prima ancora di arrivare al missaggio. Per eliminare questo contenuto, utilizzo l' equalizzazione chirurgica .

Eliminando le risonanze della stanza o le frequenze non necessarie, si lascia emergere le parti migliori del segnale. Molti ingegneri e io ci riferiamo a questa tecnica come "equalizzazione chirurgica", perché utilizza tagli molto stretti .

Se sapete che c'è qualcosa che non vi piace in un certo suono nel vostro mix, ma avete difficoltà a capire quale frequenza vi disturba, potete usare la tecnica boost and sweep .

È sufficiente amplificare una banda utilizzando un valore Q ristretto e scorrere lo spettro di frequenza fino a trovare la frequenza che dava fastidio. È bene ascoltare gli aumenti improvvisi di volume, poiché ciò significa che probabilmente c'è stato un accumulo di risonanza nella stanza in cui è stato registrato il segnale. Potreste anche scoprire che un segnale suona costantemente male a una certa frequenza che potete permettervi di escludere.

Una volta individuata la frequenza incriminata, è possibile eliminarla.

DISCLAIMER: Ci sono tantissimi produttori e tecnici che promuovono questa tecnica senza preoccuparsi di spiegare quando usarla. Molti consigli dicono di usare questa tecnica su ogni traccia come parte del processo di "preparazione" prima di passare alla fase di missaggio. Sfortunatamente, se iniziate a ridurre le frequenze in modo casuale, perderete molte delle parti migliori del vostro segnale prima di sentire come avrebbe potuto suonare naturalmente nel vostro mix.

Inoltre, molte persone effettuano boost massicci e ristretti e si muovono nell'intervallo di frequenze a caccia di frequenze che suonano male. Lasciate che vi dica che tutte le frequenze suoneranno male se potenziate di oltre 20 dB utilizzando una banda stretta, il che significa che potreste finire per tagliare TONNELLATE di contenuti necessari dai vostri suoni. Invece, prima di utilizzare questa tecnica, è bene avere un' intenzione . Ascoltate attentamente il vostro suono e chiedetevi perché state decidendo di usare questa tecnica prima di farlo.

Utilizzo dei filtri

Per eliminare il contenuto di frequenza non necessario nel segnale, è necessario iniziare con i filtri. I filtri sono fondamentali per le frequenze.

Ad esempio, molti tecnici ripuliscono le voci con un passaggio alto tra gli 80Hz e i 100Hz . In questo modo, si sbarazzano dei rumori microfonici non necessari e dei rumori di fascia bassa che consumano spazio in testa senza contribuire alla voce.

Allo stesso modo, molti ingegneri fanno il passa-basso alle chitarre elettriche distorte per eliminare gli acuti aspri e frizzanti che possono affaticare l'ascoltatore.

SUGGERIMENTO PRO: alcuni tecnici e produttori vi diranno di mettere TUTTO in passa-alto nel vostro mix. È un ottimo consiglio se volete ottenere un mix sottile e senza vita. Io dico di usare i filtri passa-alto solo se notate che le frequenze basse inutili consumano spazio nel vostro mix o intralciano gli strumenti che hanno bisogno di frequenze basse.

Riduzione del mascheramento di frequenza

Anche se si tratta di un approccio della vecchia scuola, mi è sempre piaciuto usare l'approccio dell' allocazione del range per limitare il mascheramento delle frequenze nei miei mix e dare più spazio a strumenti specifici.

L'idea di allocazione del range è quella di dare a ogni elemento importante del mix un posto dove stare. Per esempio, il vostro basso synth potrebbe suonare benissimo da 80 a 200Hz , quindi tagliare le frequenze degli altri strumenti per dargli spazio di respiro è una buona idea! Potreste anche amare la presenza e la visibilità della vostra voce da 1 a 3 kHz , quindi tagliare gli altri strumenti in quell'intervallo per dare alla voce una tasca di frequenze in cui sedersi può essere un buon approccio per creare chiarezza.

Accentuare le cose buone

Una volta eliminate le frequenze indesiderate e creato un po' di spazio, si può iniziare a valorizzare le frequenze piacevoli nei vari segnali. Di solito mi piace usare equalizzatori di tipo analogico per accentuare le frequenze, in quanto tendono ad aggiungere il colore e il calore che mi piace nei miei mix.

Prima di iniziare a potenziare senza motivo, chiedetevi cosa volete migliorare .

Ad esempio, supponiamo di avere una voce che suona pulita e presente, ma che si vuole rendere più ariosa e brillante per farla sembrare una voce pop di primo piano. In questo caso, si potrebbe utilizzare un boost shelving di circa 10 kHz per ottenere più frequenze alte.

CONSIGLIO: con l'equalizzazione additiva non si possono introdurre nuove frequenze. Si può solo migliorare ciò che è già presente. Ecco perché è così importante ottenere un buon suono durante la fase di registrazione. Per aggiungere contenuti di frequenza durante la fase di missaggio, si possono utilizzare altri tipi di elaborazione come la saturazione e la modulazione, di cui parliamo nella nostra guida "Come mixare la musica ".

Utilizzo dell'equalizzatore come effetto

filtro telefonico in eq

Con l'equalizzazione è possibile far suonare le cose in modo diverso. Ad esempio, è possibile filtrare tutti i bassi e gli alti di una voce e lasciare intatte le medie frequenze per ottenere l'effetto del filtro telefonico .

Si può anche pensare di eliminare tutte le alte frequenze con un filtro passa-basso per dare al segnale un suono da "festa della porta accanto" o di filtrare le basse frequenze di un segnale durante la strofa per poi reinserirle durante il ritornello, in modo da dare maggiore impatto al ritornello.

Ci sono tantissimi modi per divertirsi con l'equalizzazione e aggiungere interesse ai vostri mix.

5 consigli per usare l'equalizzatore come un professionista

#1 Essere intenzionali

L'intenzionalità è importante in ogni parte del mix. L'ultima cosa da fare è potenziare e tagliare le frequenze solo perché qualcuno vi ha detto di farlo. Ogni mix è diverso. Alcuni mix possono richiedere tonnellate di lavoro di equalizzazione, mentre altri non ne richiedono affatto. Inoltre, non esistono "impostazioni di equalizzazione migliori" per ogni strumento.

Sta a VOI stabilire cosa volete ottenere prima di raggiungere il QE.

Per esempio, potrei mixare una chitarra acustica e pensare: "Wow, questa chitarra ha un suono super-fangoso e poco chiaro. Mi sembra che intasi i medio-bassi e intralci il mio basso".

Ora che ho in mente un obiettivo, posso prendere un equalizzatore per attenuare i medio-bassi. Potrei aumentare una banda e spaziare tra i 200 e i 400Hz, alla ricerca del fango di cui voglio liberarmi. Una volta eliminato, all'improvviso la chitarra acustica si apre completamente e suona benissimo nel mix!

Capisco che essere intenzionali richiede molta energia mentale, ma se vi fidate del vostro istinto e ascoltate ciò che suona bene, sarete in grado di prendere le migliori decisioni di mixaggio.

#2 Privilegiare i tagli rispetto agli aumenti

Ora, non sto suggerendo di non effettuare mai incrementi con l'equalizzazione, anche se è meglio attenersi alla pratica di dare priorità ai tagli rispetto agli incrementi, in quanto spesso si può ottenere lo stesso risultato che si sta cercando senza consumare headroom e far suonare gli strumenti in modo innaturale (a meno che non si utilizzi l'equalizzazione come effetto).

Quando si mixa un brano, l'obiettivo principale è far combaciare tutti gli elementi tra loro. Tagliando le frequenze degli strumenti per fare spazio ad altri, si otterrà un mix più chiaro. Una volta ottenuta la chiarezza e la coesione desiderate, potete usare i boost per aggiungere emozioni al vostro mix.

#3 Applicare l'equalizzazione nel contesto di un mix

Quando ho iniziato il mio percorso di tecnico di mixaggio, ho avuto difficoltà a comprendere l'idea di applicare l'equalizzazione nel contesto di un mix piuttosto che in un assolo.

Ho sempre avuto difficoltà a sentire quello che facevo, quindi spesso prendevo la strada più facile e associavo la sorgente sonora su cui stavo lavorando per equalizzarla in quel modo. Di conseguenza, spesso prendevo decisioni di equalizzazione che suonavano benissimo quando la sorgente sonora era da sola, anche se non si adattava bene al mix. Poi trascorrevo ore a ripercorrere la strada a ritroso, cercando di capire dove avevo sbagliato.

NON COMMETTERE GLI STESSI ERRORI.

Applicate le modifiche all'equalizzazione nel contesto del vostro mix per far sì che le cose suonino bene insieme. Potreste scoprire che è necessario togliere molti medi bassi da quelle chitarre elettriche per farle combaciare con tutto il resto. Sebbene possano suonare sottili e deboli in assolo, saranno l'aggiunta perfetta alla gamma alta del basso girthy nel mix.

Nessuno si siederà mai ad ascoltare le vostre chitarre in assolo, quindi perché mai dovreste spendere tanto tempo per equalizzarle in assolo?

Se avete difficoltà a percepire i piccoli incrementi o tagli che state facendo nel contesto del vostro mix, alzate di qualche dB lo strumento in questione in modo da poter decifrare i cambiamenti. Una volta che le impostazioni dell'equalizzatore sono corrette, abbassatelo di nuovo.

#4 Equalizzazione dei suoni in mono

Uno dei modi migliori per ottenere chiarezza nel mix utilizzando l'equalizzazione è il mixaggio in mono. L'equalizzazione e l'assegnazione del range in mono vi costringono a creare lo spazio necessario per ogni strumento senza la distrazione del panning stereo .

Fidatevi di me quando vi dico che fa un'enorme differenza.

#5 Utilizzare l'automazione

L'equalizzazione non è uno strumento che si imposta e si dimentica.

A volte, particolari impostazioni di equalizzazione sono ottime per una sezione specifica del brano, ma suonano male in altre sezioni. È qui che l'automazione si rivela utile.

Per esempio, di recente ho lavorato a un mix rock in cui il basso suonava benissimo durante le strofe. Tuttavia, quando è arrivato il muro di chitarre durante il ritornello, il basso si è un po' perso. Per rimediare, ho automatizzato l'equalizzazione per dare al basso un boost di 800Hz durante il ritornello.

In sostanza, sono stato in grado di ottenere un suono di basso intenso durante il ritornello senza rovinare il mix di bassi nelle strofe che avevo lavorato così duramente per realizzare.

Pensieri finali

L'equalizzazione è uno strumento così importante e potente che probabilmente utilizzerete in ogni mix. Tutti gli ingegneri audio lo usano per rendere la loro musica POP. Poiché è così importante, è fondamentale avere una base solida su cui utilizzarlo.

Speriamo che questa guida sia stata utile per portare la vostra produzione musicale al livello successivo!

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!