Mixaggio musicale: Prepararsi per un mix

Mixaggio musicale: Prepararsi per un mixMixaggio musicale: Prepararsi per un mix

Il missaggio può essere la parte più intimidatoria della carriera di un produttore/ingegnere. Una canzone è come una macchina ben fatta, con centinaia di piccole parti mobili che la compongono. Nella maggior parte dei casi, è possibile evitare di essere sopraffatti da un missaggio con una preparazione adeguata.

1. Raccogliere le risorse di riferimento

È importante avere a disposizione una manciata di riferimenti durante il processo di missaggio. Questi possono essere altri brani musicali, video tutorial o articoli. Un buon tecnico di mixaggio userà spesso un altro brano come mix di riferimento per orientare il processo. È meglio trovare il brano più simile possibile a quello che si sta mixando. Individuate gli aspetti del mix di riferimento che vorreste ottenere nel vostro mix. Prendete appunti su questi risultati e assicuratevi che siano facilmente accessibili durante il processo di missaggio.

Un'altra grande risorsa per il mixaggio è YouTube. Se c'è una parte del mixaggio di cui non si è sicuri, è utile ricevere un aggiornamento dalle migliaia di professionisti presenti sulla piattaforma. Uno degli YouTuber più popolari per la teoria del mixaggio è WickieMedia .

Molti ingegneri preferiscono le risorse in forma scritta. Ci sono innumerevoli blog disponibili per le tecniche di missaggio generali e specifiche. Qui a eMastered abbiamo molte risorse scritte di libero accesso, come questa guida iniziale approfondita sul mixaggio.

2. Organizzare il progetto

Lavorare su un progetto disordinato è come lavorare su una scrivania disordinata: si potrebbe fare, ma perché affrontare il mal di testa? In ogni caso, il missaggio è un processo visivo quasi quanto quello uditivo. Uno dei vantaggi della moderna Digital Audio Workstation è che possiamo ottimizzare la nostra esperienza visiva per riflettere la presentazione dinamica e spettrale dell'audio. Questo processo è possibile grazie a una combinazione di titolazione, disposizione visiva delle tracce, colorazione e rimbalzo di più canali all'audio. Assicurarsi che tutte le tracce siano intitolate in modo appropriato è il primo passo verso un mix organizzato. Dare a ogni traccia un nome che si possa ricordare è utile quando si scorre il progetto per correggere rapidamente un suono.

È anche un'ottima occasione per lasciarsi delle note tra parentesi, come "Bass 1 (Needs Low Cut)". Titolare correttamente tutte le tracce facilita anche il processo di arrangiamento visivo. Sistemare visivamente il progetto significa posizionare i canali nell'ordine che meglio si adatta al flusso di lavoro del mixaggio. Alcuni tecnici amano organizzare i canali in base ai gruppi di strumenti, altri in base allo spettro delle frequenze, altri ancora in ordine alfabetico. Ci sono molti metodi di disposizione visiva delle tracce che potete sperimentare e decidere quale sia il più comodo. Un modo più avanzato ma utile per ordinare il mix è quello di far rimbalzare il maggior numero possibile di raggruppamenti di canali nell'audio. In molti casi, è meglio farlo durante il missaggio del brano.

Ad esempio, se vengono riprodotti contemporaneamente tre suoni simili a corde che creano un effetto pad, il loro rimbalzo sull'audio ridurrà di due il numero di tracce nel progetto. Questo metodo ridurrà anche il numero di plug-in utilizzati nel mix, con una migliore organizzazione e un minore utilizzo della CPU.

3. Comunicare/ottenere feedback

È sempre utile avere almeno un'altra opinione su un missaggio grezzo. I produttori sono spesso soggetti a "stanchezza da produttore" dopo ore di lavoro su un brano. In questo caso, alcune parti grezze del pre-mix passano inosservate al produttore. Rivolgersi ad amici con orecchie ben allenate è un ottimo modo per individuare gli elementi essenziali del mix che potrebbero sfuggirvi. È utile avere più pareri possibili; ogni tecnico ha punti di forza diversi e può offrire una prospettiva nuova. Se riuscite a ottenere appunti da più amici, create un documento che li elenchi. Evidenziate o mettete in grassetto le note citate da più amici. Organizzare questi pensieri per iscritto aiuta a ottimizzare il flusso di lavoro con una tabella di marcia del mix.

Nota : se state mixando il brano di qualcun altro, consultatevi con lui per chiedere pareri ad altri tecnici. Alcuni artisti potrebbero preferire che il lavoro venga mantenuto riservato. In questo caso, la forma di comunicazione più importante è quella con l'artista del brano. Se l'artista richiede delle specifiche, assicuratevi di prendere nota anche di quelle.

Una volta raccolti gli appunti, identificate le risorse e organizzato il progetto, siete pronti a mescolare!

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!