Cos'è la cadenza nella musica: Tutti i tipi spiegati

Cos'è la cadenza nella musica: Tutti i tipi spiegatiCos'è la cadenza nella musica: Tutti i tipi spiegati

La musica è così potente perché è dinamica. Quando si ascolta una canzone, si vive l'inizio, la parte centrale e la fine di una storia, il tutto nell'arco di un paio di minuti. Le melodie e le progressioni di accordi guidano la canzone, ma cosa ci porta a un senso di rivoluzione? È qui che entrano in gioco le cadenze nella musica.

La comprensione della cadenza è essenziale per diventare un musicista e un creatore più forte. Qui di seguito spiegheremo cos'è la cadenza, i diversi tipi di cadenza nella musica e come funziona la cadenza all'interno di una canzone. Buttiamoci nella mischia!

Che cos'è la cadenza nella musica?

Ma cos'è la cadenza in musica? Le cadenze in musica forniscono una risoluzione o una chiusura alla fine di una frase musicale, di una progressione di accordi, di una melodia o di un intero brano. Le cadenze sono strutturate in modo da creare una forte relazione tra la nota finale e quella conclusiva, evocando in tal modo un senso di fine per l'ascoltatore. Di solito si passa da un accordo o da una nota dominante all'accordo o all'armonia tonica, ma esistono diverse varianti di cadenze che illustreremo di seguito.

Si può pensare alla cadenza come a una punteggiatura musicale. Se le melodie, le progressioni di accordi e il ritmo aiutano a costruire una frase in una canzone, la cadenza crea il "punto" o il "punto esclamativo". Le cadenze erano particolarmente importanti nella composizione classica, ma si trovano in tutti i generi musicali, anche oggi. Anche "Happy Birthday" è ricca di cadenze nella sua famosa melodia.

In parole povere, la cadenza in musica descrive il movimento tra le frasi musicali. Tutte le cadenze possono essere classificate come aperte o chiuse. Le cadenze aperte nella musica tendono a invitare alla continuazione e le frasi musicali di una canzone hanno l'impressione di poter continuare a suonare. Se posta alla fine di un brano, una cadenza aperta suona incompleta. Le cadenze chiuse, invece, indicano solitamente la fine di un'idea melodica o di una composizione.

Una composizione musicale può contenere più cadenze alla fine di una frase e molto probabilmente avrà una cadenza chiusa alla fine del brano per fornire una chiusura melodica.

cadenza in musica

Come funzionano le progressioni di accordi?

Per capire come funzionano le cadenze nella musica, è importante scomporre le progressioni degli accordi. Gli accordi sono costruiti su 3 o più note all'interno di una particolare tonalità o famiglia di note. Ogni accordo produce un suono diverso in base a queste combinazioni di note.

Una delle cose migliori delle progressioni di accordi è che le relazioni tra le note rimangono invariate, indipendentemente dalla tonalità in cui ci si trova. I tipi di accordi all'interno di una tonalità sono i seguenti:

1° (I) - Tonico

2° (ii) - Supertonic

3° (iii) - Mediant

4° (IV) - Sottodominante

5° (V) - Dominante

6° (vi) - Submediante

7° (vii°) - Tono principale

I numeri romani minuscoli contraddistinguono gli accordi minori, mentre i numeri maiuscoli sono associati agli accordi maggiori all'interno di una tonalità. Quasi ogni cadenza comune passa da un accordo maggiore alla tonica (anch'essa maggiore). È più facile costruire un forte senso di risoluzione tra questi accordi potenti, che li rendono adatti a fungere da punteggiatura musicale.

Per mettere in pratica tutto questo, esaminiamo la tonalità di Do maggiore. In Do maggiore, gli accordi sono i seguenti:

1) Do maggiore

2) Re minore

3) Mi minore

4) Fa maggiore

5) Sol maggiore

6) Un minore

7) Si diminuito

Il movimento dall'accordo di sol all'accordo di do in do maggiore creerebbe una perfetta cadenza autentica, poiché si passa dal quinto grado al primo grado o alla nota tonica.

Non preoccupatevi se vi sembra di non avere una forte padronanza di come creare accordi nel contesto di una scala. Tutto quello che dovete capire è che gli accordi all'interno di una tonalità hanno tutti i loro gradi di scala, che aiutano a definire e creare le cadenze che usiamo oggi.

I 6 diversi tipi di cadenza nella musica

Come esistono molti modi per concludere una frase musicale, esistono vari tipi di cadenze. Ognuno di questi tipi di cadenza può evocare sensazioni diverse nell'ascoltatore, il che le rende un potente strumento compositivo. Ecco le 6 principali cadenze che si trovano nella musica occidentale e che dovrete comprendere come musicisti:

Cadenza autentica o perfetta autentica

La cadenza autentica, o cadenza autentica perfetta (PAC), è una cadenza forte e chiusa che offre agli ascoltatori una risoluzione soddisfacente. La cadenza autentica perfetta viene spesso utilizzata alla fine dei brani per chiudere una composizione.

In questa cadenza, le progressioni degli accordi si spostano dall'accordo di quinta (accordo di V) all'accordo di tonica o V - I. Gli accordi sono tradizionalmente suonati in posizione di radice per creare la relazione più forte tra l'accordo finale e l'accordo conclusivo della canzone. Si può anche aggiungere una settima all'accordo di V per creare un legame ancora più forte con l'accordo di tonica in posizione di radice.

La cadenza autentica perfetta si sente sempre nella musica, ma uno degli esempi più evidenti è l'inno nazionale degli Stati Uniti, "The Star Spangled Banner". L'arrangiamento termina su un accordo di V che si sposta sull'accordo di tonica in posizione di radice:

Cadenza autentica imperfetta

La cadenza autentica imperfetta, o IAC, è sorprendentemente molto simile alla cadenza autentica perfetta. L'unica differenza è che l'accordo di dominante o l'accordo di tonica non sono necessariamente in posizione di radice, gli accordi sono invertiti (IAC invertita) o l'accordo di V è sostituito da un tono principale (IAC a tono principale).

È possibile ascoltare un'autentica cadenza imperfetta alla fine del brano "Frühlingsleid" di Louise Reichhardt:

Notate come le cadenze autentiche imperfette vi forniscano comunque una relazione soddisfacente tra i due accordi, ma più sottile di quella che si crea con una cadenza autentica perfetta.

Cadenza plagale

La cadenza plagale è una figura cadenzale basata sulla relazione tra l'accordo di sottodominante o IV e la tonica. È possibile trovare una cadenza plagale in tutti i tipi di musica, ma poiché è stata resa popolare negli inni del XIX secolo, a volte viene chiamata cadenza amen. Come si vedrà in questo esempio, la parola "Amen" è impostata specificamente su questa cadenza amen in "Preces & Responses":

Potreste anche imbattervi nella cadenza plagale minore. Invece di passare dall'accordo di quarta maggiore all'accordo di tonica, la cadenza plagale minore utilizza un accordo di sottodominante minore. Le cadenze plagali si trovano ancora in abbondanza negli inni ecclesiastici, ma sono presenti anche nella musica moderna e popolare.

Cadenza ingannevole

La cadenza ingannevole inganna il cervello iniziando con un accordo di V dominante. Il cervello spera naturalmente di sentire una risoluzione alla tonica come in una cadenza perfetta. Invece, la cadenza ingannevole risolve con un altro accordo. Di solito si tratta di un accordo di IV o di sottodominante, e il finale della cadenza sembra piuttosto aperto. Gli ascoltatori potrebbero ancora aspettare la risoluzione dopo la fine di questa cadenza.

Si può sentire la cadenza ingannevole nella canzone dei Beatles "Octopus' Garden" intorno al minuto 2:30, dove si tiene di proposito una sezione con cadenza ingannevole per creare la soddisfacente risoluzione finale con una cadenza perfetta che termina sull'accordo di tonica.

Mezza Cadenza

La mezza cadenza può essere definita come una cadenza che termina sull'accordo di dominante o sull'accordo di V. Le mezze cadenze terminano sull'accordo di V, ma possono essere precedute da qualsiasi altro accordo. Evoca un sentimento aperto che desidera essere risolto, motivo per cui è generalmente considerata una cadenza debole.

Le mezze cadenze, quindi, raramente concludono un brano. Questa cadenza a rischio tiene l'ascoltatore sul filo del rasoio, alla ricerca di una soluzione dagli accordi di dominante. Le mezze cadenze sono disseminate in "Let's Dance" di Bowie:

Sei-quattro cadenzato

Una delle cadenze più complesse è la cadenza sei-quattro. Questa forma cadenzale è un po' confusa perché si riferisce alla lettura dei simboli del basso figurato che aiutano a comunicare che la tonalità dominante dell'accordo di dominante è invertita come nota di basso. Si risolve poi in un accordo invertito che in alcuni casi può essere interpretato come accordo di tonica.

Questo può creare molta confusione, ma la cadenza sei-quattro, in poche parole, si basa sul contesto in cui la cadenza produce l'armonia dominante.

Si può sentire un sei-quattro cadenzale alla fine del classico di Elvis "I can't help falling in love with you" sulle parole "love" e "with":

Come usare la cadenza nella musica

È possibile controllare ciò che l'ascoltatore si aspetta da un brano musicale utilizzando deliberatamente alcuni tipi di cadenze. Ecco solo alcuni dei modi in cui si può usare la cadenza nella propria musica :

Costruire l'attesa

Il nostro orecchio crea naturalmente risoluzioni di tonica in base al contesto degli accordi e delle frasi melodiche. Per esempio, se un accordo di dominante o di armonia dominante precede una tonica, l'ascoltatore si aspetta una risoluzione completa prima ancora che venga suonata.

In questo modo, l'utilizzo dell'accordo di dominante all'inizio di una cadenza crea un'anticipazione naturale. Questo è un ottimo modo per creare transizioni naturali nel corso di una canzone.

Prosa Una domanda

La cadenza aperta alla fine di un brano o di una frase può contribuire a evocare una sensazione di mistero in un pezzo. La creazione di un punto interrogativo sonoro è particolarmente efficace quando si utilizza una cadenza aperta alla fine del brano, quando l'ascoltatore desidera una risoluzione forte e si sente leggermente scosso dalla sua assenza.

Creare tensione

Le cadenze possono aiutare a costruire la tensione e il rilascio nel corso di una canzone, rendendo la creazione più interessante dal punto di vista dinamico. Questo può aiutarvi a dipingere la storia della vostra canzone in una luce più autentica, piuttosto che rimanere bloccati nelle tipiche cadenze autentiche che ci si aspetta dalla maggior parte della musica.

Chiudere una composizione

Alcune canzoni richiedono un finale forte e potente, che può essere raggiunto solo attraverso la potenza e la semplicità di cadenze autentiche. Le cadenze possono essere presenti ovunque in una canzone, ma spesso brillano al massimo quando chiudono le battute finali di una composizione.

3 idee sbagliate comuni sulle cadenze

Le cadenze sono strumenti facilmente fraintesi e, in ultima analisi, sottovalutati nel mondo della musica. Di seguito chiariremo 3 idee sbagliate comuni sulle cadenze.

Non tutte le cadenze si verificano alla fine di una composizione.

Ricordate che le cadenze sono tipicamente identificabili alla fine di un brano, ma possono essere collocate ovunque in una composizione. Questo ha molto senso, poiché non tutte le cadenze sono progettate per creare la sensazione di risoluzione totale che si trova nelle cadenze autentiche perfette o nella cadenza plagale.

Le cadenze ingannevoli o le mezze cadenze, ad esempio, sono pensate per creare tensione. Questa tensione può essere utilizzata per creare un ponte tra le diverse parti di una composizione, anche se la relazione tra i due accordi è un po' più debole. Ogni tipo di cadenza ha il suo tempo e il suo luogo preferito.

Non sono più rilevanti.

Molti musicisti ignorano semplicemente la teoria musicale che sta dietro alle cadenze e insistono sul fatto che non sono più rilevanti. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità, poiché le cadenze continuano a influenzare il modo in cui godiamo della musica oggi. Se vi prendete il tempo di capire la relazione tra un accordo e l'altro, sarete naturalmente molto più efficaci nell'evocare certe emozioni nel vostro pubblico.

Le cadenze non aiutano i musicisti moderni.

Le cadenze sono strumenti creativi che vanno presi sul serio con la stessa riverenza di una melodia o di un' armonia . Capolavori moderni come "Dani California" non avrebbero il groove e il fascino unici che hanno oggi senza l'aiuto della cadenza plagale:

Come trovare la cadenza nella musica

Per comprendere la cadenza, è necessario avere una conoscenza di base della teoria musicale. Vi spiegheremo come trovare la cadenza in qualsiasi brano o composizione.

1. Determinare la tonalità del brano.

Per iniziare, è necessario determinare la tonalità del brano. Questo può essere trovato leggendo la tonalità del brano. Poiché le cadenze sono del tutto contestuali, è necessario sapere in quale famiglia di note si lavorerà.

2. Capire la progressione degli accordi della canzone.

Iniziate a identificare gli accordi creati nel corso del brano musicale. L'interpretazione degli accordi può richiedere un po' di pratica, ma senza dubbio migliorerete con una sufficiente esposizione agli spartiti.

Studiate la relazione tra gli accordi.

Per facilitare l'interpretazione delle cadenze, può essere utile classificare ogni accordo in base al suo grado della scala. Ad esempio, la tonica è I, la dominante è V e l'accordo di sottodominante è IV.

Identificare ogni cadenza.

Guardate alla fine delle frasi musicali e iniziate a identificare le relazioni analizzando il movimento da un accordo all'altro. Congratulazioni, siete riusciti a determinare la cadenza di una canzone!

identificare la cadenza nella musica

Per questo motivo, la comprensione delle relazioni tra cadenza perfetta, cadenza imperfetta, cadenza plagale, cadenza ingannevole, mezza cadenza e anomalie come la cadenza sei-quattro può aiutarvi ad esprimervi meglio come musicisti. Speriamo che questa guida vi abbia facilitato l'inserimento delle cadenze nella vostra musica e la comprensione della teoria musicale che le sottende.

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!