Guida per principianti al trattamento acustico dello studio domestico

Guida per principianti al trattamento acustico dello studio domesticoGuida per principianti al trattamento acustico dello studio domestico

Uno degli aspetti più importanti di ogni home studio è il trattamento acustico .

Senza un adeguato trattamento acustico dell'home studio, non importa quanti soldi si spendano in monitor o apparecchiature. Un'acustica scadente comporta decisioni di missaggio errate, il che significa che non si otterranno missaggi che si tradurranno bene in altri sistemi.

Naturalmente, molti di noi mixano in home studio non trattati, la maggior parte dei quali è stata costruita in stanze non adatte al mixaggio. Questo costringe molti produttori e tecnici a lavorare esclusivamente in cuffia, il che può essere altrettanto dannoso.

Per fortuna, abbiamo preparato una guida facile da seguire per aiutarvi a ottenere un ambiente di ascolto ottimale, indipendentemente dal tipo di stanza in cui lavorate o dal budget che avete a disposizione.

Capire il trattamento acustico

Prima di immergerci in questo argomento, è fondamentale avere una conoscenza di base dell'acustica.

Contrariamente a quanto si potrebbe credere, non è necessario essere uno scienziato missilistico per capire il suono!

Come si muove il suono nella stanza?

Quando si emette un suono in una stanza, non importa se forte o debole, accadono alcune cose:

  • Dalla sorgente sonora, le onde si proiettano verso l'esterno e viaggiano in ogni direzione.
  • Il suono diretto (una porzione minore del suono) viaggerà in linea retta dalla sorgente sonora alla sorgente preferita (ad esempio, un cantante che canta direttamente in un microfono).
  • Il suono riflesso (l'altra parte della sorgente sonora) rimbalzerà nella stanza in modo casuale.
  • Alcuni millisecondi dopo (a seconda delle dimensioni della stanza), il suono rimbalzerà dalle varie sorgenti e tornerà al punto iniziale del suono diretto (ad esempio, il suono della voce rimbalzerà sulla parete posteriore e tornerà al microfono).
Come si muove il suono nella stanza

Cosa significa tutto questo?

Il suono diretto è un aspetto di cui non ci si deve preoccupare, poiché questa porzione di suono non interagisce con il resto della stanza. Il bilanciamento delle frequenze dalla sorgente è lo stesso che si ottiene nella registrazione (o nelle orecchie, se si parla del suono proveniente dai monitor).

Tuttavia, il suono riflesso può essere alterato in vari modi a seconda delle dimensioni della stanza e dei tipi di superfici riflettenti presenti. Ad esempio, il suono di una chiesa è molto diverso da quello della vostra camera da letto, e una stanza profonda 6 metri suonerà molto più grande di una profonda 3 metri.

Come sapere se il mio studio domestico ha bisogno di un trattamento acustico

La risposta a questa domanda è abbastanza semplice. Se state cercando di determinare se avete veramente bisogno di un trattamento acustico, verificate la presenza di una di queste poche cose:

  • È una stanza? Se è così, probabilmente avete bisogno di un trattamento acustico. Sappiamo che una risposta del genere potrebbe non sembrare sincera, ma il punto è che qualsiasi stanza utilizzata come studio può beneficiare di un trattamento acustico!
  • La stanza non suona bene.
  • I vostri mix non si traducono bene (ad esempio, suonano bene nel vostro studio domestico ma suonano male altrove).

Se volessimo essere un po' più dettagliati nella risposta, una cosa da verificare è se il suono cambia drasticamente a seconda della posizione nella stanza.

Ad esempio, si può sentire un evidente accumulo di basse frequenze quando ci si trova nell'angolo posteriore.

Si può anche provare a battere le mani.

Avete sentito un'eco veloce, simile a un'increspatura?

Questo si chiama eco di flutter ed è un segno inequivocabile della necessità di un trattamento acustico!

In generale, a meno che la vostra casa non sia un'anomalia strutturale, è molto probabile che abbiate bisogno di una qualche forma di trattamento acustico per ottenere una risposta in frequenza quasi piatta con riflessioni limitate.

Uso del riverbero artificiale nel mix

Il mixaggio è oggi più sofisticato che mai.

Non è necessario registrare in uno studio da un milione di dollari con accesso a una camera d'eco per simulare il suono del riverbero ambientale esterno.

Al giorno d'oggi, disponiamo di plug-in di riverbero digitale in grado di simulare il suono di qualsiasi ambiente che si possa immaginare!

Il bello di questi plug-in di riverbero è che potete registrare in spazi morti e aggiungere il suono del vostro riverbero in un secondo momento.

Uso del riverbero artificiale nel mix

Naturalmente, l'aggiunta di un finto riverbero ambientale non ha senso se il suono del riverbero ambientale non trattato rimane in sottofondo.

Per utilizzare veramente il verbo artificiale, è necessario prima rimuovere i riflessi della stanza.

Come eliminare il riverbero in una stanza

Come eliminare il riverbero in una stanza

Se siete mai stati in uno studio di registrazione professionale o avete visto online foto o video di persone che lavorano in veri studi di registrazione, è probabile che abbiate visto sullo sfondo pareti rivestite di pannelli.

Lo scopo di questi grandi blocchi di schiuma, vi chiederete?

Servono ad assorbire i riflessi del suono .

Spesso si parla di pannelli acustici o di pannelli in schiuma.

L'idea è quella di assorbire il suono riflesso di cui abbiamo parlato prima, in modo che rimanga solo il suono diretto .

Naturalmente, non basta appendere un mucchio di pannelli di schiuma alla parete per risolvere il problema. Questo è solo uno degli elementi del trattamento acustico di uno studio.

Molti ritengono che l'assorbimento funzioni davvero solo se utilizzato insieme alla diffusione , un altro importante tipo di trattamento acustico.

Il ruolo della diffusione

Il ruolo della diffusione

Se si riempisse un'intera stanza di schiuma fonoassorbente, si otterrebbe un ambiente che si potrebbe definire "intollerabilmente morto".

Invece di spremere le riflessioni fuori dalla stanza e portarle nell'oblio, è una buona idea disperdere le riflessioni aggiuntive post-assorbimento con la diffusione .

Quando le riflessioni non sono trattate, spesso rimangono intrappolate in un unico punto. Ad esempio, se vi trovate nell'angolo posteriore del vostro studio, potreste notare un accumulo di circa 200Hz. Potreste anche notare che alcune frequenze sono quasi difficili da distinguere, perché potrebbero essere state annullate dall'accumulo.

Anche se la stanza è molto assorbente, questo accumulo di frequenze può distruggere l'equilibrio.

È qui che entra in gioco la diffusione.

Un pannello di diffusione limita i riflessi intrappolati disperdendoli nella stanza, preservando il tono naturale.

Guardate in qualsiasi studio di livello mondiale e vi garantiamo che troverete qualche caso di diffusione. La combinazione di diffusione e assorbimento crea la miscela perfetta tra asciutto e bilanciato, aiutando a trasformare qualsiasi spazio in uno studio di registrazione all'altezza.

Problemi acustici comuni

Indipendentemente dal tipo di ambiente in cui si lavora, è probabile che ci si trovi di fronte a uno di questi problemi acustici. Alcuni di questi problemi sono:

  • Filtro a pettine
  • Eco di fluttuazione
  • Modalità della camera
  • Tempo di decadimento

Lavorare in qualsiasi ambiente presenta dei problemi, poiché bisogna preoccuparsi di come il suono si rifletta sulle superfici e influisca sul modo in cui lo si percepisce.

Naturalmente, anche sistemare l'attrezzatura in un campo aperto non è una scelta pratica .

Per questo motivo, è importante capire questi problemi acustici per sapere come risolverli.

Filtraggio a pettine

Filtraggio a pettine

Il filtraggio a pettine si verifica quando un suono diretto si combina con le sue riflessioni.

Si chiama filtraggio a pettine per le leggere tacche che crea nello spettro di frequenza, che assomiglia molto a un pettine a denti stretti.

La posizione delle tacche dipende dalla quantità di tempo che intercorre tra il suono diretto e la riflessione. Questo suono è facilmente distinguibile da altri problemi acustici grazie alla sua caratteristica di flanger.

Eco fluttuante

Eco fluttuante

L'eco di flutter si verifica quando il suono rimbalza rapidamente avanti e indietro tra due pareti parallele. È possibile sentire questi echi come una serie di echi distinti , in genere distanti tra loro circa 30-50ms. Spesso il loro volume è paragonabile a quello del suono originale.

Ad esempio, se vi trovate in una piccola stanza non trattata e battete le mani, è probabile che sentiate più echi del vostro battito in rapida successione.

È importante notare che un'eco di flutter è diversa da un'eco o da un riverbero ritardato a lungo.

Modalità della stanza

Modalità della stanza

Quando le onde sonore viaggiano tra due confini opposti, come la parete anteriore e quella posteriore o il pavimento e il soffitto, si ottengono i modi ambiente .

I modi della stanza sono influenzati dai diversi livelli di pressione sonora nella stanza creati dalle onde stazionarie . In sostanza, alcuni punti della stanza risuoneranno più di altri in diverse parti dello spettro di frequenze, causando risonanze insolite.

Le persone che hanno un numero eccessivo di modi ambiente spesso hanno problemi a impostare correttamente le basse frequenze.

Ad esempio, se la postazione di missaggio è posizionata in un luogo in cui sono presenti onde stazionarie, è probabile che si verifichi una sovrabbondanza di basse frequenze, inducendovi a effettuare regolazioni del livello per cercare di compensare la percezione del mix. In realtà, il tentativo di aggiustare il livello senza intervenire sulla causa del problema non farà altro che peggiorare il livello delle basse frequenze.

Tempo di decadimento

Tempo di decadimento

Il tempo di decadimento è probabilmente il più facile da capire, visto che ci pensiamo fin da bambini.

Se siete mai andati in chiesa e avete sentito un pastore parlare o vi siete seduti a lezione di ginnastica e avete ascoltato l'allenatore urlare, è probabile che abbiate sentito una "coda" udibile dopo il suono iniziale che si è lentamente attenuata nel tempo.

Ora, paragonate questi scenari al fatto di entrare nel vostro armadio pieno di vestiti e urlare. Probabilmente quel suono ha una coda molto piccola (a meno che il vostro armadio non abbia le stesse dimensioni di quello di Kim Kardashian).

In sostanza, il tempo di decadimento varia a seconda delle dimensioni della stanza.

Ai locali di musica piace avere un suono di sala dal vivo con decadimenti più lunghi, perché fa sentire la band più grande. Tuttavia, in un ambiente di registrazione, una stanza che suona troppo vivace interferisce con il suono diretto proveniente dai diffusori.

In uno studio casalingo non si vuole un'atmosfera eccitante, da live room. Si vuole una stanza che restituisca il suono reale di ciò che esce dai monitor.

Naturalmente, non si vuole nemmeno una stanza così silenziosa da poter sentire il battito del proprio cuore.

Il suono proveniente dai monitor da studio dovrebbe interagire in una certa misura con la stanza. Tuttavia, sta a voi controllare il modo in cui interagiscono.

In sostanza, il trattamento acustico consiste nel controllare il caos uditivo.

Diversi tipi di trattamento acustico

Prima di iniziare a conficcare chiodi nelle pareti per appendere pannelli acustici o di spendere centinaia di dollari per diffusori artigianali, è importante che la posizione di missaggio sia corretta.

Ottimizzare la posizione di mixaggio significa posizionare la testa nel punto giusto tra i diffusori per ridurre al minimo i problemi acustici. Potreste essere sorpresi di quanti problemi si possano combattere senza alcun trattamento acustico, semplicemente bloccando la posizione di missaggio.

Abbiamo parlato un po' di come ottenere una posizione di ascolto ottimale nel nostro articolo sull' impostazione dell'Home Recording Studio .

Passiamo ora alle diverse forme di trattamento acustico!

Assorbimento

Assorbimento

Quando appendiamo i pannelli fonoassorbenti, non cerchiamo di distruggere l'energia sonora presente nella stanza. Infatti, secondo la legge di conservazione dell'energia , non potremmo distruggere tale energia nemmeno se ci provassimo!

L'assorbimento ha invece lo scopo di convertire le onde sonore in calore .

Non preoccupatevi. Non c'è nessun incendio!

Pensateci in questo modo:

Quando le onde sonore entrano in contatto con un materiale assorbente, questo riduce l'energia delle onde sonore. Mentre una parte del suono riflesso continuerà a propagarsi nell'ambiente di ascolto, gli assorbitori ne fermeranno una parte.

Si può pensare ai pannelli di assorbimento come a dei blocchi stradali . Dicono alle onde sonore dove fermarsi. È meglio utilizzare pannelli assorbenti densi e porosi, in quanto le onde sonore rimbalzano nei pori prima di essere intrappolate all'interno e trasformate in calore .

Spesso si vedono pannelli di assorbimento sotto forma di schiuma acustica.

La schiuma porosa è migliore per le alte frequenze , mentre i pannelli più densi e impermeabili sono migliori per le basse frequenze .

Accoppiamento/Disaccoppiamento

Accoppiamento

Se doveste scomporre il vostro diffusore, vedreste una grande membrana al centro che vibra avanti e indietro per creare il suono che sentite. Purtroppo, molti diffusori sono dotati di involucri che vibrano insieme a questa membrana, causando imprecisioni sonore.

Per ridurre queste vibrazioni si possono applicare due metodi: l' accoppiamento e il disaccoppiamento .

Con l' accoppiamento , l'idea è quella di unire i monitor da studio al pavimento dello studio. Per farlo, i tecnici utilizzano spesso punte per diffusori . È importante accoppiare i diffusori solo se il pavimento è ultra-denso e ad alta massa.

I pavimenti in cemento sono ottimi per l'accoppiamento, perché aiutano a dissipare le vibrazioni dai monitor dello studio.

D'altra parte, il disaccoppiamento funziona riducendo il livello di vibrazioni che si muovono tra i diffusori e il pavimento. Per combattere queste vibrazioni, i tecnici utilizzano spesso dispositivi di smorzamento , come cuscinetti o piedini.

Questi dispositivi di smorzamento possono essere considerati degli assorbitori che convertono l'energia delle vibrazioni in calore. È buona norma disaccoppiare il più possibile i diffusori, interponendo dispositivi di smorzamento tra i diffusori e i supporti dei diffusori e tra i supporti dei diffusori e il pavimento.

Riflessione/Diffusione

Diffusione

L'energia sonora si reindirizza quando entra in contatto con una superficie riflettente.

Mentre una parte di questa energia sonora diretta viene assorbita dal materiale con cui viene a contatto, la maggior parte del suono viene riflessa nell'ambiente.

Il legno è un ottimo esempio di materiale organico e denso che riflette il suono, motivo per cui spesso si realizzano elementi riflettenti.

I riflessi fanno parte del nostro mondo naturale. Ci aiutano a determinare il tipo di spazio in cui ci troviamo. Anche se non siamo in grado di ecolocalizzare come i pipistrelli o le balene, possiamo percepire l'ambiente circostante utilizzando i suoni. Per esempio, è possibile distinguere subito tra il battito di mani in una chiesa o in una camera da letto.

In alcuni casi, i professionisti dell'audio più esperti possono persino dire di che tipo di materiali è fatta la stanza in base alle riflessioni.

Il punto che vogliamo sottolineare è che è giusto avere una stanza che suoni come una stanza .

Non si deve avere uno spazio morto innaturale, poiché nessuno ascolterà mai la vostra musica in una camera anecoica. L'obiettivo è quello di utilizzare assorbitori per impedire la riflessione di una parte del suono, mentre si utilizzano strumenti di riflessione e diffusione per mantenere una parvenza di vivacità.

Zone di trattamento acustico

Zone di trattamento acustico

Esistono fasi distinte in cui si percepisce il suono proveniente dai monitor.

Il primo stadio, come abbiamo detto in precedenza, è il suono diretto , cioè il suono inalterato che esce direttamente dal diffusore. Poi ci sono le prime riflessioni , cioè il punto dopo il quale il suono rimbalza su qualsiasi confine, come le pareti, il pavimento o la scrivania.

Infine, si ottiene il suono del campo riverberante, che è il punto in cui il suono interagisce con i confini della stanza in modo complesso. Le aree più importanti o problematiche in questo senso sono le pareti posteriori, le pareti laterali o parallele e gli angoli.

È importante applicare un trattamento acustico adeguato per combattere i problemi di acustica della stanza che derivano da queste aree.

Suono diretto

Prima che il suono rimbalzi nella stanza, si sente il suono diretto dalla posizione di ascolto. Questa parte del suono è quella più inalterata.

L'obiettivo è fare in modo che il suono diretto sia la parte più prevalente del suono, in modo da non sentire tonnellate di riflessioni quando si è seduti in posizione di ascolto.

Prime riflessioni

Poco dopo che il suono diretto colpisce la posizione di ascolto, si sentono le riflessioni del suono, chiamate prime riflessioni. Si tratta dei suoni riflessi che rimbalzano sulle pareti accanto alla scrivania, sul soffitto sopra la posizione di ascolto e sulla scrivania stessa, a seconda di come si orientano i diffusori.

Dopo queste prime riflessioni, si hanno riflessioni che si presentano sotto forma di una complessa rete di riverberi provenienti da tutta la stanza.

Per individuare la posizione di queste prime riflessioni nella stanza, è possibile utilizzare uno specchio nella posizione di ascolto. Mentre siete seduti nella vostra posizione d'ascolto, chiedete a qualcun altro di far scorrere delicatamente un piccolo specchio lungo ogni lato, fino a quando l'asse acustico del diffusore non sarà visibile.

Questo è il punto in cui si vuole appendere il pannello per attenuare i primi riflessi. Per trattare i primi riflessi sull'altro lato, eseguire lo stesso procedimento ancora una volta sull'altra parete laterale.

Pareti posteriori

Se si lavora in una stanza media, è probabile che la parete posteriore sia parallela a quella anteriore. Come sapete, le pareti parallele possono causare l'eco di flutter. Inoltre, questo orientamento parallelo può anche causare onde stazionarie.

Gli ingegneri spesso utilizzano un ibrido di pannelli di diffusione e acustici per combattere questi problemi.

Pareti laterali

Anche le pareti laterali possono essere un problema, soprattutto quelle vicine alla parete posteriore su cui sono puntati i diffusori. Spesso si installano assorbitori in queste posizioni vicine alla parete posteriore per evitare l'eco di flutter.

Angoli

Uno dei maggiori responsabili delle modalità della stanza sono gli angoli degli studi domestici. Spesso si posizionano trappole per bassi negli angoli per convertire l'energia accumulata in calore, eliminando le frequenze basse eccessive.

Per iniziare, si consiglia di posizionarli negli angoli alti vicino alla parete posteriore.

Le forme essenziali di trattamento acustico

Spesso si tende a complicare eccessivamente le cose quando si tratta di applicare un trattamento acustico. Tuttavia, se riuscite a comprendere i tre principali tipi di trattamento acustico, potrete creare una stanza con una qualità sonora superiore.

Diamo un'occhiata a ciascuna di queste forme uniche di trattamento acustico:

Trappole per bassi

Trappole per bassi

Le trappole per bassi sono l' elemento più importante del trattamento acustico in qualsiasi studio.

Se potete acquistare un solo tipo di trattamento acustico, procuratevi delle trappole per bassi.

Molti pensano che le trappole per bassi servano solo ad assorbire le basse frequenze. Tuttavia, questi dispositivi per la cattura dei bassi sono assorbitori a banda larga , in grado di domare anche le frequenze medie e alte.

In sostanza, l'installazione di bass traps potrebbe essere più che sufficiente per molti home studio. Se si lavora in una stanza piccola, le trappole per bassi sono essenziali.

La posizione migliore per installare una trappola per bassi è quella degli angoli triedrici . Gli angoli triedrici si trovano negli angoli superiore e inferiore della stanza e sono collegati a tre pareti.

Pannelli acustici

Pannelli acustici

I pannelli acustici sono spesso la prima cosa che viene in mente quando si pensa a un trattamento acustico adeguato. Tuttavia, i pannelli acustici non sono molto efficaci quando si tratta di catturare o trattare le frequenze basse.

Per questo motivo, ci piace pensare ai pannelli acustici come a un trattamento supplementare.

Tuttavia, questo non significa che i pannelli acustici non abbiano caratteristiche uniche che per certi versi possono superare le trappole per bassi.

Per cominciare, i pannelli acustici sono più sottili delle trappole per bassi e quindi utilizzano meno materiale. Meno materiale significa una maggiore copertura delle pareti a un costo inferiore.

È possibile posizionarli intorno alle pareti in varie posizioni per eliminare le onde stazionarie. A differenza delle trappole per bassi, che si trovano negli angoli degli studi domestici, i pannelli acustici possono essere collocati sulla parete anteriore, su quella posteriore e su entrambe le pareti laterali.

Sebbene molti installino i pannelli sulle pareti per catturare i primi riflessi, consigliamo di installarli anche negli angoli diedri . Gli angoli diedri lavorano su due dimensioni delle pareti. Per coprire gli angoli diedri, è necessario utilizzare speciali staffe angolari.

SUGGERIMENTO: assicuratevi di lasciare una piccola fessura dietro il pannello angolare, in modo da consentire all'energia di riflettersi verso il pannello, consentendo un maggiore assorbimento.

Diffusori

Diffusori

Nella maggior parte degli studi domestici non si trovano diffusori. Spesso perché possono essere costosi. Inoltre, molte persone credono che le stanze più piccole non abbiano bisogno di diffusione. Naturalmente, se si parla con un gruppo di ingegneri, è probabile che qualcuno non sia d'accordo.

Se potete permettervi di utilizzare la diffusione o di realizzare i vostri pannelli diffusori, dovreste assolutamente farlo.

I diffusori acustici funzionano al meglio nel punto di riflessione principale della stanza (ovvero il primo punto di riflessione del suono). Nella maggior parte dei casi, si consiglia di posizionare i diffusori su ciascuna parete laterale e sulla parete di fondo, in quanto si tratta delle aree in cui i diffusori sono probabilmente rivolti e in cui si riflette il suono diretto.

Filtri di riflessione vocale

Filtri di riflessione vocale

I filtri di riflessione vocale possono essere strumenti estremamente utili per la registrazione domestica nella maggior parte degli studi domestici, anche se si dispone già di una qualche forma di trattamento. Chi ha una stanza non trattata potrebbe trovare del tutto necessario eliminare le riflessioni indesiderate che potrebbero rimbalzare sul microfono durante il processo di registrazione.

Lo scopo di questi filtri è quello di ridurre al minimo le riflessioni e il riverbero naturale che si verifica nella stanza per rendere le registrazioni nitide e chiare.

Idee sbagliate sul trattamento acustico

Purtroppo in Internet si trovano molte idee sbagliate sul trattamento acustico. Vediamo alcuni dei miti più comuni che si sentono in materia di acustica ambientale.

Tende, tappeti e altri materiali morbidi possono sostituire il trattamento acustico.

Sebbene la presenza di materiali morbidi come questi nello studio domestico possa contribuire a risolvere i problemi di riflessione indesiderata, non rappresentano una soluzione completa per il trattamento acustico. Non solo non risolvono il problema delle frequenze basse, ma non affrontano nemmeno il problema delle interferenze tra i diffusori.

Posso usare i 'tweak' per eliminare il rimbombo dei bassi

Le frequenze dei bassi hanno lunghezze d'onda così elevate che l'uso di "aggiustamenti", come cambiare la posizione di ascolto o posizionare i diffusori in modo diverso, non farà altro che alterare il bilanciamento dei medi e degli alti.

Sebbene questo possa aiutare a percepire meno frequenze basse rimbombanti, non risolve il problema.

Il trattamento acustico rende la mia stanza priva di vita

Si tratta di un'idea sbagliata comune a molti di noi.

Entrate in un qualsiasi studio professionale e noterete che il suono è quello di uno spazio vitale naturale.

Il problema è quando si inizia a fare un uso eccessivo o scorretto di materiale acustico sottile, che può assorbire troppe alte frequenze e far sembrare la stanza morta. Per esempio, spesso si vedono persone che appendono alla cassa d'uovo della schiuma a buon mercato per attenuare le frequenze, il che spesso non fa altro che peggiorare il suono della stanza.

Al contrario, il trattamento acustico deve creare una diffusione e un assorbimento piatto all'interno dello spazio, senza attenuare la risposta in frequenza complessiva.

È inoltre necessario chiedersi quale sia lo scopo del trattamento acustico. Si tratta di una sala di controllo o di una sala live ?

Le sale di controllo devono offrire precisione, un'immagine stereo chiara dai diffusori e superfici che non riflettono. D'altra parte, le sale da concerto devono riflettere dalla parete anteriore al soffitto, fino alle pareti posteriori e oltre.

Il trattamento acustico è costoso

Il trattamento acustico può essere certamente costoso. Tuttavia, questo non significa che non si possa trovare qualcosa che rientri nella propria fascia di prezzo se ci si cala nei panni di un acquirente esperto. Potreste anche pensare di costruire da soli i vostri pannelli acustici.

Può essere molto più economico rispetto all'acquisto di schiuma acustica da un produttore famoso. Inoltre, è possibile adattarli all'estetica dello studio.

Trattamento acustico vs. insonorizzazione

Spesso i musicisti confondono il trattamento acustico con l'insonorizzazione.

Il fatto è che entrambi i termini hanno un significato molto diverso .

Con il trattamento acustico , l'obiettivo è controllare le riflessioni sonore nella stanza. In ultima analisi, questo migliorerà l'acustica della stanza e porterà a registrazioni migliori.

L'insonorizzazione, invece, ha lo scopo di limitare il livello di suono che esce dal vostro studio. A tal fine, si può sigillare un'intercapedine d'aria che va dalla sala di controllo al resto dello studio o utilizzare materiali da costruzione pesanti nelle pareti, in modo da poter far salire il suono in una stanza senza che si riversi in un'altra.

È importante capire che si tratta di due pratiche incredibilmente preziose. Tuttavia, nessuna delle due sostituisce l'altra.

Alternative al trattamento acustico

I produttori e i tecnici di mixaggio amatoriali spesso spendono troppi soldi in attrezzature da studio senza mai considerare l'acustica del loro spazio. Purtroppo, solo quando accendono i loro diffusori da migliaia di dollari si rendono conto che l'acustica è un problema importante.

A quel punto, i loro bilanci sono compromessi.

Se questo vi sembra il vostro caso o semplicemente non avete il denaro necessario per acquistare pannelli per bass trap o nuvole a soffitto potenzialmente costosi, abbiamo alcune alternative che possono aiutarvi.

Trattamento sonoro fai da te

Assorbimento delle famiglie

Anche se gli esperti di marketing possono far credere che il loro trattamento acustico sia l'unico materiale che funziona per ottenere un buon suono in una stanza, non è così.

In realtà, probabilmente in casa avete oggetti o materiali morbidi e porosi che potrebbero fare al caso vostro, come cuscini, coperte, vestiti o divani. Il bello è che non è necessario spendere un centesimo per ottenere i migliori risultati con questi oggetti!

Certo, non daranno alle stanze non trattate l'aspetto di uno studio di registrazione professionale , ma possono rappresentare un'alternativa migliore rispetto all'investimento in trappole per bassi e pannelli acustici del valore di centinaia di dollari.

L'importante è assicurarsi di utilizzare materiali spessi. Noi consigliamo vivamente le coperte da imballaggio, perché sono spesse ma abbastanza leggere da poter essere appese in giro per la stanza. Inoltre, sono molto economiche e possono essere acquistate in dimensioni enormi per coprire le pareti della maggior parte delle stanze.

Software per il trattamento delle camere

Software per il trattamento delle camere

Il software di trattamento dell'ambiente è diventato molto popolare per i piccoli studi di progetto negli ultimi dieci anni o giù di lì. Aziende come Sonarworks utilizzano una combinazione di software di lettura dell'ambiente con microfoni a risposta in frequenza piatta per ottenere una lettura di frequenza specifica da un determinato ambiente in base al livello di pressione sonora.

Anche se ci vorrebbe un articolo completamente diverso per discutere i pro e i contro di questo approccio, sappiate che..:

Mentre il software di calibrazione della stanza può certamente diagnosticare i problemi problemi di acustica e presentare un leggero ritocco basato sul software, non è in grado di trattare non è in grado di trattarli.

Domande frequenti

Che suono ha il rumore rosa?

Il rumore rosa utilizza un'altezza o una frequenza costante per aiutare gli ingegneri a creare un suono piatto e uniforme. A molte orecchie può sembrare un suono acuto come quello di un aspirapolvere o di un ventilatore.

Come ridurre il tempo di riverbero in una stanza?

Una delle soluzioni migliori per fermare il riverbero in una stanza è assorbire il suono indesiderato utilizzando arredi morbidi. Gli studi di progettazione possono spesso trarre beneficio da cuscini, divani, coperte, tappeti, nonché da trattamenti acustici professionali come pannelli bass trap e pannelli acustici.

I pannelli acustici funzionano davvero?

La maggior parte degli ambienti può beneficiare di un'acustica adeguata. Se posizionati correttamente rispetto alla posizione di ascolto, i pannelli acustici possono essere estremamente utili. Possono ridurre il numero di riflessioni precoci rispetto alla posizione di ascolto, aiutandovi a prendere decisioni migliori sul mixaggio.

Quanto è efficace la schiuma acustica?

La schiuma acustica può assorbire il suono in uno spazio e impedirne l'eco, ma dovrebbe essere l'ultima scelta per qualsiasi piano di trattamento acustico serio. Ad esempio, non è molto efficace nel bloccare le frequenze alte o medie. Per questo, si può considerare l'installazione di una trappola per bassi.

Come posso bloccare il rumore dei vicini?

Uno dei modi migliori per bloccare il rumore dei vicini è quello di aggiungere alla casa arredi morbidi e assorbenti. Pensate a mobili di grandi dimensioni, tende fonoassorbenti o tappeti soffici. Si può anche pensare di installare diversi tipi di isolamento nelle pareti per combattere i rumori dei vicini o di installare guarnizioni per porte e finestre per eliminare eventuali intercapedini d'aria.

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!