Come armonizzare: La guida definitiva per i principianti

Come armonizzare: La guida definitiva per i principiantiCome armonizzare: La guida definitiva per i principianti

Nella maggior parte dei brani musicali (a meno che non si abbia a che fare con l'antico canto gregoriano), si hanno melodia e armonia .

Mentre le melodie sono orecchiabili e aiutano a mantenere delle costanti nel corso di un brano a cui gli ascoltatori possono affezionarsi, le armonie possono trasformare un brano musicale, aggiungendo nuovi strati e dimensioni che le melodie non potrebbero fare da sole.

Facciamo un salto e impariamo come armonizzare nella musica, sia che siate cantanti o strumentisti.

Come armonizzare una melodia

Anche se armonizzare le melodie non richiede una grande conoscenza della teoria musicale, ci sono alcuni concetti teorici di base che renderanno l'armonizzazione con le note della melodia molto più semplice.

Comprendere gli intervalli melodici

Prima di tuffarsi nell'armonizzazione delle note, è necessario comprendere gli intervalli melodici presenti nelle varie tonalità. Per fare un esempio, prendiamo in considerazione la tonalità di Do maggiore , che non presenta né diesis né bemolle. Se si suonassero le note di Do maggiore al pianoforte, il risultato sarebbe il seguente:

C-D-E-F-G-A-B

È bene suonare o cantare queste note in successione per farsi un'idea della tonalità. Ad esempio, una volta acquisita una buona sensibilità per la tonalità di C, si può iniziare a esaminare gli accordi, che sono composti da questi intervalli.

L'accordo di base nella tonalità di Do maggiore è composto da tre note (Do-E-G) . Si consiglia di suonare queste note tutte insieme sul pianoforte o sullo strumento per sentire come si fondono e si armonizzano tra loro.

Il Do è la nota tonica o radice dell'accordo. In relazione alla nota Mi, il Do è una terza maggiore . In relazione al sol, il do è una quinta perfetta. Le terze maggiori e le quinte perfette sono due delle armonie più gradevoli della musica occidentale e probabilmente vi renderete conto di quanto siano familiari quando vengono suonate insieme.

Trovare gli intervalli dalle note principali

Anche se l'esercizio dovrebbe consistere nel trovare gli intervalli di tutte le note, per questo esempio ci limiteremo a C. Ecco gli intervalli di C e quanti mezzi passi distano l'uno dall'altro:

  • C-C#/Db - Seconda minore - Un mezzo passo falso
  • C-D - Seconda maggiore - Due semipassi
  • C-D#/Eb - Terza minore - Tre semipassi
  • C-E - Terza maggiore - Quattro semipassi
  • C-F - Quarta perfetta - Cinque mezzi passi
  • C-F#/Gb - Quarta aumentata/Quinta diminuita - Sei mezze frasi
  • C-G - Quinta perfetta - Sette mezze misure
  • C-G#/Ab - Sesta minore - Otto semiprovvedimenti
  • C-A - Sesta maggiore - Nove semiprovvedimenti
  • C-A#/Bb - Settima minore - Dieci semipassi
  • C-B - Settima maggiore - Undici semiprovvedimenti
  • C-C - Ottava - Dodici mezze frasi

Indipendentemente dalla nota radice da cui si parte, il numero di semipassi e le qualità di questi accordi rimarranno invariati. Ad esempio, se suonate l'accordo di C maggiore e contate dalla nota radice C alla terza maggiore E, scoprirete che si tratta di quattro semipassi. D'altra parte, se vi trovate nella tonalità di A maggiore e partite dalla nota fondamentale A in un accordo di A maggiore, potete spostarvi di quattro semipassi per arrivare alla terza maggiore C#.

Quando si cerca di trovare intervalli che si fondono bene tra loro, è una buona idea esercitarsi a cantare o canticchiare mentre si suonano le note. Ad esempio, se cantate una nota radice e la sua terza maggiore, vi renderete conto di quanto siano piacevoli le tonalità degli accordi. Se invece cantate in successione una radice e la sua quarta aumentata, vi renderete conto di quanto siano dissonanti i toni degli accordi.

Capire la differenza tra maggiore e minore

Le note delle tonalità maggiori sono diverse da quelle delle tonalità minori, per questo è importante imparare a conoscerle entrambe.

Ad esempio, se prendiamo l'esempio di Do maggiore e lo cambiamo in Do minore, l'accordo di radice o tonica sarà l'accordo di Do minore.

Mentre un accordo di Do maggiore si legge C-E-G , un accordo di Do minore si legge C-Eb-G . La terza è un mezzo gradino più bassa. Nelle tonalità minori si abbassano le terze, le seste e le settime. Quando ci si esercita nell'armonizzazione, è bene esercitarsi sia in tonalità maggiore che minore.

Armonizzazione delle note nella pratica

Che siate cantanti, strumentisti o entrambi, vi consigliamo di cantare e suonare il pianoforte quando vi esercitate. Tuttavia, se non avete un pianoforte a casa, ci sono molte applicazioni di pianoforte virtuale che potete scaricare sul vostro smartphone o tablet.

Suonando e cantando mentre si armonizza, si impara a incarnare le note. Alla fine, questo vi aiuterà ad armonizzare ad orecchio.

Vediamo alcuni modi per esercitarsi:

Utilizzare una linea melodica facile

Iniziate con una linea melodica che conoscete bene. Quindi, suonate quella melodia al pianoforte mentre la cantate. Se non vi sentite a vostro agio nel suonare uno strumento, potete scrivere la melodia utilizzando il MIDI e una tastiera virtuale nella vostra DAW preferita e riprodurla in loop.

Mentre le note della melodia cambiano, provate a tenere una nota armonica insieme ad esse. Man mano che la melodia procede, la nota armonica che state tenendo potrebbe continuare a funzionare. Sta a voi prestare attenzione a come le combinazioni di note si fondono o si scontrano.

Ad esempio, se la melodia e l'armonia scelta all'inizio è una quinta perfetta, non c'è alcun motivo per cui si debba mantenere quell'intervallo di quinta perfetta man mano che la melodia procede. Anzi, farlo potrebbe suonare estremamente noioso.

Perciò, cercate di capire per quanto tempo riuscite a tenere la stessa nota finché la melodia non si scontra con essa. Poi, una volta che ciò accade, chiedetevi perché . È probabile che si tratti di un accordo dissonante rispetto alla nota scelta per la melodia.

Per imparare a creare le proprie armonie, è bene sperimentare le combinazioni di note. Quando una nota stona o suona male con un'altra, provate a spostare quella nota dell'armonia per determinare dove funziona. Quando trovate una nota che funziona con una nota della melodia, cercate di capire perché funziona osservando l'intervallo.

Ascoltate alcune delle vostre canzoni preferite

Uno dei modi migliori per imparare ad armonizzare a orecchio è ascoltare le proprie canzoni preferite. Che sia strumentale o vocale, la maggior parte della musica ha una melodia esistente. Nei vostri brani, vedete se riuscite a identificare la melodia e le armonie che esistono intorno ad essa.

Mentre ascoltate, cercate di determinare quali intervalli si trovano all'interno delle armonie.

Le armonie si fondono bene con la melodia?

Sono tese o dissonanti?

Quali sono le combinazioni di note?

Si utilizzano note armoniche che si trovano all'interno dell'accordo di base (toni dell'accordo) o armonie esterne all'accordo di base (toni non dell'accordo)?

Scrivete le risposte a queste domande ed esercitatevi a cantare o suonare insieme alla canzone. Ascoltando diversi tipi di musica, noterete che i vari generi utilizzano le armonie in modo molto diverso.

Ad esempio, una canzone doo-wop romantica degli anni '50 farà uso di terze e quinte, poiché queste armonie tendono a fondersi meglio con le melodie della musica occidentale. D'altro canto, un gruppo black metal potrebbe scegliere di utilizzare armonie più dissonanti, come le seconde minori o le quarte aumentate/quinte diminuite (tritoni), per creare un senso di tensione, paura o disperazione.

Armonizzazione degli accordi

Naturalmente, le melodie non sono granché se non hanno una progressione di accordi sotto di loro. Quindi, quando si elaborano le armonie, non solo bisogna trovare intervalli che suonino bene con la nota della melodia, ma bisogna anche assicurarsi che le armonie siano le note giuste per l'accordo.

È qui che può essere utile esercitarsi su come armonizzare con gli accordi.

Utilizziamo di nuovo l'esempio del Do maggiore .

Diciamo che la progressione di accordi che stiamo usando è:

Do maggiore / Re minore / La minore / Sol / Do

  • Do maggiore - C-E-G
  • D minore - D-F-A
  • A minore - A-C-E
  • Sol maggiore - Sol-B-D

Per semplicità, supponiamo che gli accordi cambino ogni singola battuta e che la melodia utilizzi solo toni di accordo in ogni accordo.

Come si può notare, l'uso di C come nota melodica per il primo accordo (C maggiore) sarebbe probabilmente un'ottima scelta, poiché è la radice dell'accordo. Inoltre, il Mi è a una terza maggiore dal Do, mentre il Sol è a una quinta perfetta.

Tuttavia, una volta arrivati a D minore, le cose potrebbero diventare un po' strane a seconda delle note della melodia. Ad esempio, se la melodia utilizzasse il Fa o il La, il Do potrebbe funzionare, poiché il Fa è a una quarta perfetta dal Do, mentre il La è a una sesta minore. Tuttavia, suonare D, una seconda maggiore di distanza da C, potrebbe causare una strana tensione.

Lo stesso accadrebbe se provassimo a suonare il Do sopra il nostro accordo di Sol maggiore. Mentre il Do si sposerebbe bene con il Sol grazie alla sua relazione di quinta perfetta, potrebbe non farlo con il Si a causa della sua relazione di settima maggiore (o seconda minore al contrario).

Naturalmente, questo è un modo fondamentale di armonizzare gli accordi, poiché una leggera dissonanza può talvolta essere molto piacevole. La dissonanza viene utilizzata continuamente nel jazz e, senza di essa, molti dei nostri brani jazz preferiti sarebbero piuttosto noiosi. Ad esempio, i compositori di jazz utilizzano continuamente secondi, settime, tritoni, noni e undicesimi per creare armonie uniche.

Il punto è che dipende dal contesto, e il contesto deriva dagli accordi. Quindi, mentre suonate gli accordi e provate a suonare o cantare le armonie per quegli accordi, sentirete cosa va bene e cosa no.

Formazione dell'orecchio

Anche se non è necessario pagare costose lezioni di musica per imparare ad armonizzare, è una buona idea praticare l'ear training di base per sentirsi più a proprio agio nel cantare e suonare le armonie.

L'ear training è il processo di collegamento di note, intervalli, scale, accordi, melodie e armonie con ciò che ascoltiamo. In pratica, quando si studia l'ear training, si costruiscono ponti tra le varie strutture musicali.

Uno degli obiettivi principali di questo tipo di formazione è lo sviluppo delle capacità uditive . Quando i musicisti hanno buone capacità uditive, sono in grado di identificare i suoni a orecchio, di nominarli, di trascriverli e di cantarli/riprodurli. Quando una persona entra sempre più in sintonia con le proprie capacità uditive, può improvvisare sulla base della comprensione delle regole armoniche.

Vi consigliamo di scaricare alcune applicazioni o software di ear training per iniziare a esercitarvi. A sua volta, acquisirà una comprensione più approfondita della teoria musicale e acquisirà la capacità di ascoltare l'armonia, consentendo di cantare, suonare, comporre e improvvisare con facilità.

Leggi lo spartito

Esistono enormi librerie di spartiti online, che possono essere molto utili per la comprensione dell'armonia. Leggendo gli spartiti di autori e compositori professionisti, si può iniziare a visualizzare come essi scrivono l'armonia nella loro musica.

Si può vedere come le melodie si sviluppano sulle progressioni di accordi o come una specifica tonalità di accordi viene utilizzata in cima a una melodia per aggiungere sapori unici.

Come esercitarsi a cantare le armonie

Mentre imparare ad armonizzare su uno strumento come il pianoforte o la chitarra può essere facile, dato che si possono suonare più note contemporaneamente, imparare a cantare un'armonia può essere molto più difficile, dato che non si possono cantare più note contemporaneamente con la voce.

Per esercitarsi nell'armonia vocale, si può fare pratica di armonizzazione con registrazioni del proprio canto.

Iniziate registrando una traccia di voi stessi che cantate una melodia di una delle vostre canzoni popolari preferite. Poi, durante la riproduzione della registrazione, verificate se riuscite ad armonizzare la melodia. Durante l'armonizzazione, annotate tutti i punti critici che incontrate e chiedetevi: "Perché?".

Probabilmente state cantando un intervallo che non si adatta perfettamente alla nota della melodia, quindi potrebbe essere una buona idea cambiare e vedere cosa succede. Più ci si esercita, più si migliorano il tempo e l'intonazione e più sarà facile armonizzare a orecchio.

Riflessioni finali - L'importanza dell'armonia nella musica

L'armonia è uno degli aspetti più importanti della musica. Sia che si creino accordi o si scrivano linee armoniche da sovrapporre alle melodie, si utilizza l'armonia. Sviluppare le proprie capacità armoniche può aiutare a diventare un compositore, un autore, un cantante e uno strumentista migliore.

Seguite i passaggi indicati e sarete sulla buona strada per diventare esperti nel mondo dell'armonia musicale.

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!