Capire i poliritmi: Cosa c'è da sapere

Capire i poliritmi: Cosa c'è da sapere Capire i poliritmi: Cosa c'è da sapere

Comprendere il mondo delle poliritmie complesse può essere scoraggiante. Dopo tutto, i poliritmi non si presentano spesso nella musica occidentale e possono essere difficili da identificare per i musicisti alle prime armi.

Fortunatamente, questi complessi schemi ritmici possono essere compresi con un po' di guida e di pratica. Qui di seguito vi spiegheremo come funzionano questi schemi ritmici, dove potete ascoltare musica poliritmica e, soprattutto, come potete suonare i poliritmi da soli. Condivideremo anche un paio di esempi di poliritmi nella musica, in modo che possiate iniziare a comprendere a livello sonoro il funzionamento di questi ritmi.

Che cos'è un poliritmo?

Per comprendere i poliritmi, può essere utile scomporre la parola stessa. Se separiamo la parola poly dal poliritmo: poly significa "multi", o "più di uno". Un poliritmo è essenzialmente una combinazione di almeno due o più ritmi eseguiti allo stesso tempo.

Conosciuta anche come ritmo composito, la poliritmia è una combinazione di due o più ritmi, ognuno dei quali ha una propria successione indipendente di eventi musicali. Un singolo ritmo viene suonato in contrapposizione a un contro-ritmo, di solito con un'enfasi condivisa sul primo battito. Questa tensione ritmica crea un ritmo allettante, con una pulsazione di base all'inizio di ogni battuta.

Questa espressione musicale può durare un segmento, oppure può esistere e cambiare durante un'intera canzone. Un poliritmo può essere semplice, in un ritmo di 4/4, come la batteria che si sente nel ritmo da giungla del classico successo dei Bow Wow Wow, "I Want Candy". Oppure può essere molto complesso, con l'uso di più voci e firme temporali dispari, come il rapporto tra Sitar e Tabla nella musica classica indiana. Sorprendentemente, la musica tradizionale utilizza poliritmi complessi abbastanza spesso in tutte le culture.

I poliritmi possono essere presenti in un intero brano o comparire solo per un paio di battute all'interno di una composizione. Quando un poliritmo è alla base di un brano musicale, può anche essere classificato come ritmo incrociato. Il ritmo incrociato è alla base di generi musicali come la musica africana e caraibica.

Breve storia dei poliritmi

I poliritmi possono essere ricondotti alle loro radici africane, dove i poliritmi sono profondamente radicati nella cultura musicale. A molti musicisti vengono insegnati questi ritmi complessi fin dalla più tenera età, come un modo di comunicare culturale profondamente radicato.

Nel corso del tempo, questi ritmi hanno iniziato a diffondersi in diversi generi, in particolare nel jazz, ma anche nel rock, nella musica tradizionale e in altri generi come la musica afro-cubana. Sebbene la musica occidentale non presenti frequentemente i poliritmi, essi sono ancora presenti nella musica popolare, tra cui i brani di Van Halen, Disclosure e Gorillaz.

Tipi di poliritmi

Alcune poliritmie sono più comuni di altre. Di seguito, condivideremo alcune delle poliritmie più comuni che compaiono sia nella musica tradizionale che in quella occidentale. Se avete difficoltà a imparare i poliritmi, non preoccupatevi! Possono essere necessari anni di formazione musicale per riconoscere davvero questi battiti complessi.

3:2 Poliritmo: L'emiciclo

Uno dei poliritmi più comuni è l'emiola, o tre contro due. Questo può essere indicato anche come 2:3. Tutti i poliritmi, compresa l'emiola, possono essere indicati come valore X:Y e valore Y:X in modo intercambiabile. In questo poliritmo, 3 note in una terzina vengono suonate contro 2 note in una dupletta, con ogni coppia di note che si sincronizza sul battito 1.

Ecco un rapido video che spiega come suonare questo poliritmo:

Poliritmo 3:4: poliritmo 4 contro 3

I poliritmi 4 contro 3 sono costituiti da terzine di ottavi e sedicesimi. Ecco un esempio di esecuzione del poliritmo 3:4:

Poliritmo 4:5: Poliritmo 4 contro 5

Il poliritmo 4:5 è meno comune rispetto all'emiola e al poliritmo 3:4. Il poliritmo consiste in quattro sedicesimi contrapposti a un quintuplo di sedicesimi. Suona così:

Esempi di poliritmia nella musica

Poliritmia è una parola usata per descrivere la combinazione armonicamente ritmica di voci che si sentono in una canzone, spesso associata alla musica latino-americana, al jazz, al tambureggiamento africano e alla musica classica indiana (per citarne alcune). Sarebbe un errore associare la poliritmia solo a uno specifico genere o stile musicale. La verità è che possiamo identificare la poliritmia in quasi tutte le forme di musica.

La maggior parte dei poliritmi che si ascoltano oggi nella musica popolare sono considerati molto ballabili . Non deve sorprendere quindi che questi ritmi popolari siano nati in Africa. Ma nella cultura africana i tamburi e il ritmo avevano uno scopo più importante della semplice musica da ballo: venivano utilizzati (e lo sono tuttora) anche per la comunicazione a distanza e per le cerimonie, con i loro ritmi disegnati dalla lingua naturale e dai modelli di linguaggio delle tribù. Quando ci si rende conto di questa ricca storia e della relazione tra i ritmi africani e i moderni ritmi pop, il ruolo emotivo che essi hanno nella musica ha un senso.

Perché è importante?

Come l'armonia tonale in un accordo o in una progressione , la poliritmia nella musica aggiunge profondità ed emozione a un brano. Senza di essa, la musica potrebbe sembrare incompleta. E la musica popolare avrebbe un suono estremamente diverso.

Come scrive il neuroscienziato Daniel J. Levitin nel suo libro "This Is Your Brain On Music", sappiamo che i modelli ritmici giocano con il sistema del piacere del cervello, alimentando i nostri percorsi neurali con la dopamina come ricompensa. Senza il ritmo nella musica, il mondo intero sarebbe un posto molto diverso!

Alcuni generi e stili musicali se la cavano benissimo senza poliritmia, come il canto gregoriano . Per quanto mi piaccia ascoltare i monaci quando medito, il ritmo sarà sempre dove si trova il cuore.

Il poliritmo nella musica africana

I poliritmi più comuni e quelli più complessi possono essere ricondotti alle origini africane. Questi poliritmi complessi sono diventati un punto fermo della cultura e continuano a facilitare il senso di comunità fino ad oggi.

Ecco un rapido esempio del gruppo Butour Ngale che dimostra una varietà di suoni poliritmici con tamburi a mano e voce:

Il poliritmo nel jazz

Il jazz è noto per essere una delle forme musicali più complesse, per cui è logico che questo genere si cimenti nella riproduzione di poliritmi. In effetti, il jazz è considerato uno dei pochi esempi di musica occidentale che abbraccia l'arte dei poliritmi comuni e del ritmo incrociato: il genere consente infinite possibilità, sia che si tratti di ritmi semplici che di battiti simultanei. Ecco un esempio del Trio Avishai Cohen:

Il poliritmo nel metal

Anche se non ve lo aspettate, ascoltando la musica metal occidentale potete trovare esempi di batteria e di esecuzione poliritmica. Mentre molte canzoni progressive rock e metal utilizzano ritmi semplici, molti gruppi più sperimentali hanno iniziato ad abbracciare poliritmi complessi e comuni per distinguersi dalla scena.

È possibile ascoltare i Nine Inch Nails che utilizzano un poliritmo nella loro canzone "La Mer". I Nine Inch Nails creano questa poliritmia avendo una linea di basso in 4/4 o tempo comune, mentre il pianoforte è in 3/4.

Il poliritmo in altri generi musicali

Se la musica africana, il jazz e il rock progressivo sono i luoghi più comuni in cui ci si imbatte nei poliritmi, ci sono molti altri musicisti che suonano poliritmi e li incorporano nella loro musica.

La musica afrocubana, ad esempio, utilizza spesso le poliritmie. Si possono trovare poliritmi anche nella musica classica carnatica e indiana.

Sincopi e poliritmi

Il poliritmo viene talvolta confuso con la sincope. Tuttavia, si tratta di una differenza. La sincope si riferisce alla tecnica di accentuare le battute a vuoto e le battute intermedie di un ritmo. Un singolo ritmo o un poliritmo possono presentare sincopi. I poliritmi non sono necessariamente sincopati o viceversa: il poliritmo si riferisce a due ritmi diversi che suonano simultaneamente, mentre la sincope è semplicemente l'accentuazione dei battiti meno comuni espressi nella musica occidentale.

Il poliritmo è specifico per lo strumento?

Qualsiasi strumento o voce può partecipare alla poliritmia. Di solito non sentiamo poliritmi nelle esecuzioni di strumenti solisti, come un trombone solitario o un cantante: questi strumenti sono monofonici e rappresentano una voce musicale individuale. È quando due o più di queste voci si uniscono ritmicamente che si verifica la poliritmia.

Un pianoforte o una chitarra sono strumenti polifonici in grado di suonare più voci, ritmi e sincopi a intervalli simultanei o opposti. Tutti gli strumenti sono in grado di produrre poliritmia senza accompagnamento.

Utilizzare i poliritmi nella musica

La comprensione e la creazione di poliritmi può essere un concetto confuso. Ecco un video che spiega come creare un poliritmo di base 4 contro 3 utilizzando la DAW . Il poliritmo a 4 battute utilizza note da un quarto e quello a 3 battute utilizza note da un quarto punteggiate. Quando si combinano i due ritmi contemporaneamente, come dimostrato nel video, si ottiene un poliritmo.

Imparare a praticare i poliritmi

Imparare i poliritmi può essere difficile, ma niente che non possa essere risolto con un po' di pratica. Per utilizzare i poliritmi nella vostra musica, dovrete esercitarvi regolarmente. Per un batterista solista o per chi ha un background ritmico può essere più facile trovare il proprio ritmo tra i cross beat e gli off beat, ma non bisogna scoraggiarsi. Ecco un paio di consigli rapidi da tenere a mente durante l'esecuzione di poliritmi.

Iniziate con pezzi più piccoli

Senza dubbio, il modo migliore per incorporare i poliritmi nella vostra musica è iniziare a suonare il primo ritmo e poi incorporare lentamente il ritmo secondario. È una buona idea mettere su un metronomo o una traccia di beat click per mantenere il ritmo costante mentre si contano i battiti.

Usate il vostro corpo

Uno dei modi migliori per padroneggiare i poliritmi è usare il corpo. Si possono usare le mani per battere le due battute su un tavolo vicino, o anche sulle ginocchia. In questo modo si può entrare in un ritmo più veloce rispetto al tentativo di contare ad alta voce da soli.

Usare una traccia vocale

Molti musicisti trovano utile assegnare una frase vocale a un insieme di poliritmi semplici per facilitare il conteggio. Ad esempio, la frase "che tempo atroce" viene comunemente usata per contare un poliritmo 4 contro 3. In rete si trovano molti esempi di frasi utili per aiutarsi con qualsiasi poliritmia, come si vede in questo video:

Utilizzare la DAW

L' utilizzo di una workstation audio digitale o di un sequencer può essere estremamente utile quando si cerca di visualizzare i poliritmi. Create i poliritmi nella vostra DAW e prendete nota di come appaiono e suonano. Accendete il metronomo, in modo da poter tenere facilmente traccia del ritmo.

Domande frequenti sul poliritmo

Avete ancora problemi a capire i poliritmi? Ecco una rapida serie di domande e risposte frequenti per approfondire la vostra comprensione.

A cosa serve la poliritmia?

La poliritmia sorprende l'orecchio suonando due ritmi diversi contemporaneamente, il che può aggiungere molto carattere a una canzone. Questa caratteristica è comunemente riscontrabile nella musica africana, nel jazz e nel rock progressivo. In sostanza, i poliritmi possono essere utilizzati in qualsiasi brano per aggiungere un ulteriore livello di carattere.

Qual è il poliritmo più comune?

Il poliritmo più comune è la giustapposizione di terzine contro quarti o otto note. Questo poliritmo è noto anche come 3 contro 2 o 3:2. Il motivo musicale 3 contro 2 è noto come emiola. L'emiola si trova comunemente nella musica africana, oltre che nel barocco, nel rock e nel jazz.

Come si identifica un poliritmo?

I poliritmi possono essere difficili da individuare, poiché giocano facilmente brutti scherzi all'orecchio. Detto questo, può essere utile individuare prima un ritmo del poliritmo e poi procedere alla decodifica del secondo. Alcuni trovano utile assegnare delle parole a ogni battuta prima di passare ai conteggi veri e propri.

Qual è la differenza tra poliritmia e polimetria?

Il polimetro si ha quando la lunghezza delle battute o delle misure varia all'interno dello stesso brano. Il poliritmo è quando due ritmi diversi suonano simultaneamente all'interno della stessa battuta. Si tratta di due termini diversi che possono essere utilizzati all'interno della stessa composizione.

Perché il poliritmo è importante nel drumming africano?

Il ritmo è profondamente radicato nella cultura africana. Pertanto, è logico che questa cultura abbia iniziato a produrre ritmi più complessi come la poliritmia. La cultura africana ha portato alla diffusione dei poliritmi in generi come il jazz, il rock e la musica alternativa.

Quali generi musicali utilizzano i poliritmi?

Sono molti i generi musicali che utilizzano i poliritmi. Alcuni esempi sono la musica di ispirazione afro, il jazz, il rock progressivo e persino la musica contemporanea. Band come i Gorillaz hanno utilizzato i poliritmi nella loro musica. Altri esempi sono Van Halen e i Police.

Che cos'è uno stile di canto poliritmico?

Come per qualsiasi strumento, la musica può essere cantata con poliritmi. Pertanto, il canto poliritmico consiste in due vocalisti che cantano ritmi diversi allo stesso tempo. Sebbene sia impossibile per un singolo cantante articolare un poliritmo completo, questo può essere ottenuto con due o più vocalisti esperti.

Qual è il contrario di poliritmia?

L'opposto di un poliritmo è un singolo ritmo suonato da solo, o monoritmico. Questo è il modo in cui viene suonata ed eseguita la maggior parte della musica. Si noti che un brano può essere in polimetria e non essere poliritmico. La sensibilità poliritmica può essere difficile da padroneggiare perché è meno comune e difficile da concettualizzare.

Come si calcola il poliritmo?

Per calcolare la poliritmia, è bene capire innanzitutto il tempo del brano. Una volta determinato il brano, ascoltate se c'è un'enfasi collettiva dei due tipi ritmici sull'"1". In caso affermativo, si procede a determinare i due ritmi individuali.

È innegabile che i poliritmi siano costituiti da pattern complessi che possono essere difficili da padroneggiare. Speriamo che questo articolo abbia reso più facile suonare questi ritmi unici con sicurezza! Divertitevi a sperimentare poliritmi complessi e semplici nella vostra musica.

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!