Tipi di accordi: La guida completa per i principianti

Tipi di accordi: La guida completa per i principiantiTipi di accordi: La guida completa per i principianti

Gli accordi sono i mattoni della musica. Senza le progressioni di accordi, le nostre canzoni preferite, vecchie e nuove, semplicemente non esisterebbero. Per questo motivo, la comprensione dei diversi tipi di accordi è un'abilità fondamentale per un musicista. Che siate chitarristi o cantanti, conoscere questa teoria musicale vi servirà per tutta la vostra carriera.

Di seguito, condivideremo una guida definitiva ai tipi di accordi, in modo che possiate costruire con facilità un accordo maggiore, un accordo minore, un accordo diminuito e un accordo aumentato. Buttiamoci nella mischia!

Che cos'è un accordo?

Cos'è un accordo

Nella sua forma più semplice, un insieme di più note suonate simultaneamente. Queste note risiedono all'interno di una chiave identificabile, o di una famiglia di note, che aiuta i musicisti a comprendere il contesto di una particolare progressione di accordi. Esistono diversi tipi di accordi di base, come gli accordi maggiori, e tipi di accordi meno comuni, come gli accordi estesi, di cui parleremo qui di seguito.

Come punto di partenza, si noti che gli accordi possono essere identificati in base al numero di note presenti in ogni gruppo di note:

Diadi o intervalli

Le diadi, talvolta chiamate intervalli, sono accordi composti da due sole note. Questi tipi di accordi di solito includono la nota fondamentale e la terza di una tonalità, poiché queste note contribuiscono a definire la tonalità, ma di questo parleremo più avanti. Ad esempio, un accordo di Do maggiore come diade potrebbe essere Do E. Un accordo di Do minore come diade sarebbe Do Eb.

Triadi

Questa è la struttura più comune degli accordi che contiene tre note, di solito la nota fondamentale, la terza e la quinta o dominante della tonalità. Se osserviamo un accordo di Do maggiore, troveremo una triade di Do, Mi e Sol. Un accordo di Do minore è composto da Do, Mi e Sol. Come si può notare, la triade maggiore e la triade minore differiscono a causa della terza nota della scala di Do maggiore, che in questo caso è il Mi.

Tetradi

I tetradi sono meno comuni, ma sono accordi con quattro note. Una tetrade prende spesso la forma di un accordo di settima, diffuso nel jazz ma che trova spazio anche nel pop e nei generi adiacenti. Un accordo di settima di C maggiore sarebbe C E G B. Un accordo di settima di C minore sarebbe C Eb G e Bb.

Come si formano gli accordi?

Come si formano gli accordi

Gli accordi sono costruiti a partire da scale che sono collezioni di note.

Qualità degli accordi

Prima di passare in rassegna i diversi tipi di accordi, è importante capire che cosa differenzia una categoria di accordi da un'altra. Ecco le diverse qualità degli accordi che rendono unico ogni tipo di accordo:

Tono

Il tono si riferisce al tipo di sensazioni che un accordo evoca nell'ascoltatore. Se consideriamo i due tipi di accordi maggiori, maggiore e minore, le differenze di tono sono significative. Gli accordi maggiori tendono ad assumere un suono più allegro, mentre gli accordi minori hanno un suono più triste o, per lo meno, più misterioso.

Intervalli

Gli intervalli si riferiscono alle relazioni tra determinate note. All'interno di una tonalità, ci sono alcuni gradi della scala che si distinguono dagli altri.

Dissonanza

La dissonanza descrive la tensione tra alcuni suoni. Gli accordi possono creare tensione utilizzando il contesto dell'ordine delle note. Ad esempio, una progressione di accordi di solito termina dissipando la tensione, creando un'esperienza sonora soddisfacente.

Risoluzione

La risoluzione è l'opposto della dissonanza e si riferisce all'enfatizzazione delle note critiche di una tonalità, come la dominante o la tonica. In genere le progressioni di accordi si risolvono alla fine o all'inizio della progressione.

Contesto

Il contesto all'interno di una progressione di accordi può contribuire a enfatizzarne la potenza, poiché mette in evidenza la relazione tra le note. Pertanto, l'ordine degli accordi può cambiare il modo in cui vengono percepiti dal punto di vista sonoro.

Come scrivere gli accordi

come scrivere gli accordi

Come si leggono o si annotano gli accordi? Ecco i metodi più comuni per comunicare gli accordi nel mondo della musica.

Simboli degli accordi

I simboli degli accordi sono universali e aiutano i musicisti a decodificare rapidamente gli accordi. Ad esempio, un accordo di settima di Do maggiore può essere abbreviato in Cmaj7. Un accordo di settima di Do minore può essere scritto come Cmin7. Oltre all'abbreviazione di minore e maggiore, gli accordi aumentati sono abbreviati in "aug". Gli accordi diminuiti hanno un cerchio in alto a destra. Un accordo diminuito di C maggiore si scrive C°.

Notazione standard

Gli accordi possono essere scritti sugli spartiti come qualsiasi altra raccolta di note. Queste pile vengono modificate in base alla tonalità del brano. Gli spartiti scritti in questo modo possono essere un po' difficili da leggere, ma possono essere utili per capire le relazioni tra le note in una progressione di accordi.

Numeri romani

I numeri romani sono la forma più universale di notazione degli accordi, con ogni numero di accordo corrispondente al grado della scala. La comprensione di questo sistema facilita la lettura delle progressioni di accordi e la memorizzazione della relazione tra gli accordi. Gli accordi della scala maggiore sono scritti e identificati come tali con i numeri romani:

I - Tonico

ii - Supertonic

iii - Mediant

IV - Sottodominante

V - Dominante

vi - Submediante

VII - Tono guida

Come imparerete quando scriverete una progressione di accordi , vi concentrerete spesso sui gradi della scala tonica, sottodominante e dominante, poiché questi enfatizzano la nota fondamentale di una scala, contribuendo a stabilire la tonalità di un brano.

Numeri di Nashville

I numeri Nashville sono abbastanza simili al sistema dei numeri romani, ma gli accordi scritti sono semplificati in base ai numeri moderni. Così, una progressione di accordi I IV V viene scritta come "1 4 5". Gli accordi di settima sono indicati con l'apice 7.

Come costruire gli accordi

È possibile costruire qualsiasi accordo con un paio di semplici passaggi. Per cominciare, è necessario selezionare una tonalità che risuoni con il tipo di qualità dell'accordo che si sta cercando. Per un suono più allegro, si dovrà optare per una scala maggiore, mentre per un suono più triste o misterioso si dovrà scegliere una scala minore. Scegliete una scala incentrata sulle note che rientrano nel vostro raggio d'azione come musicisti.

Lavoriamo con una delle tonalità più semplici, C maggiore per questo esempio. Se si scrive la tonalità di C maggiore, si ottengono le note C D E F G A B. Se si usa la relativa minore di questa tonalità, o A minore, la scala minore si scrive come A B C D E F G A B. Come si può notare, queste scale usano entrambe le stesse note, ma poiché sono suonate in un ordine diverso, sono classificate come scale separate. Nella musica, il contesto è importante.

Una volta scritta la scala desiderata, è il momento di creare un accordo per ogni grado della scala. Per costruire le triadi di base, si prende la prima nota o la radice dell'accordo, si aggiunge una terza maggiore o minore (a seconda della tonalità) e la quinta.

Quindi il primo accordo nella tonalità di C maggiore è C E G. In A minore, il primo accordo è A C E. Utilizzando le stesse note della vostra tonalità, potete compitare gli altri accordi. Per accelerare il processo, si può anche utilizzare una tabella di accordi. Per esempio, ecco un foglio per gli accordi generati utilizzando la scala maggiore:

Progressioni di accordi maggiori

Come si può notare, il fatto che gli accordi siano scritti a partire da una scala maggiore non significa che tutti i gradi della scala siano in maggiore. È un po' confuso, vero? Un modo semplice per pensarci è che gli accordi sono costruiti utilizzando le note della scala madre, ma i singoli accordi sono denominati in base alle relazioni intervallari stabilite dalle note.

I 4 tipi principali di accordi

principali tipi di accordi

Ora che abbiamo capito come leggere gli accordi, identifichiamo i principali tipi di accordi. Sebbene gli accordi maggiori e minori siano i più comuni, questi quattro tipi di accordi sono presenti quando si lavora con qualsiasi scala.

Accordi maggiori

Gli accordi maggiori sono la base della musica popolare per il loro suono semplice e gradevole. Questi accordi sono costruiti a partire dalla scala maggiore e tendono ad avere un suono più allegro. Sono espressi con numeri romani maiuscoli. La differenza tra gli accordi maggiori e quelli minori consiste nell'utilizzo di una terza maggiore anziché di una terza minore.

Accordi minori

Gli accordi minori sono creati utilizzando la formula della scala minore. Questi accordi tendono ad avere un suono più triste e misterioso e sono rappresentati con numeri romani minuscoli. Le triadi minori utilizzano una terza minore anziché una terza maggiore.

Accordi diminuiti

Un accordo diminuito è un accordo minore con una quinta schiacciata o un accordo minore con la quinta abbassata di un semitono. Se vogliamo rendere l'accordo A minore diminuito, prendiamo la triade minore A C E e appiattiamo la quinta, che in questo caso è E. Pertanto, un accordo A diminuito, o A dim in breve, può essere scritto come A C Eb.

Un accordo semidiminuito è un tipo di accordo di settima che sovrappone una settima minore a una triade diminuita. Ad esempio, un accordo di C semidiminuito sarebbe C Eb Gb Bb.

Accordi aumentati

Gli accordi aumentati sono per certi versi l'inverso degli accordi diminuiti. Per creare un accordo aumentato, si prende un accordo maggiore e si acuisce la quinta. Prendiamo ad esempio l'accordo di C maggiore, che è C E G. La quinta di C E G è G, quindi C aug sarebbe C E G#.

Altri tipi di accordi

Oltre agli accordi maggiori, minori, aumentati e diminuiti, ci sono altri cinque tipi di accordi che vale la pena di conoscere, poiché si presentano abbastanza spesso.

Accordi di settima

Gli accordi di settima sono una delle tetradi più comuni nella musica. Per creare un accordo di settima, è sufficiente aggiungere una settima maggiore o minore alla nota di base. Per fare di un accordo di Do maggiore un accordo di settima, si prende la triade di base di Do Mi Sol e si aggiunge la settima nota per creare Do Mi Sol Si.

Il processo con il Do minore è simile. Un accordo di C minore con un accordo di settima di C minore si trasformerebbe da C Eb G a C Eb G Bb. Ogni accordo di settima deriva la sua nota aggiuntiva dalla scala madre.

Accordi di settima dominante

Gli accordi di settima dominante sono un tipo speciale di accordo di settima che fonde i mondi di maggiore e minore per ottenere un accordo forte e pieno di tensione che si sente comunemente nella musica jazz. Questo accordo prende un accordo di settima maggiore e ne appiattisce la settima. Così, Cmaj7, che è C E G B, diventa C E G Bb come settima dominante. Si scrive C dom 7.

Accordi sospesi

Come si può notare, la maggior parte delle triadi sono costruite con la nota fondamentale, la terza e la quinta. Un accordo sospeso prende una triade maggiore e la altera salendo o scendendo di un intero gradino. Si può anche pensare a una triade maggiore con una seconda minore al posto della terza, o una quarta perfetta al posto della terza maggiore. La classica triade C E e G si trasforma in C D G in Csus2. Inoltre, Csus4 converte C E e G in C F G.

Accordi estesi

Gli accordi estesi si riferiscono all'aggiunta di note che si estendono oltre il 7° grado della scala (o la prima ottava della scala). Se consideriamo la scala di C maggiore, C D E G A B, possiamo continuare a estenderla: C D E F G B C D E F... Sebbene i due Do o qualsiasi altra nota duplicata siano gli stessi toni, si trovano a un'ottava di distanza. Un accordo Cmaj9 sarebbe una triade di Do maggiore più la Nona che, se contiamo usando la nostra scala, è il Re un'ottava più in alto. Quindi, un accordo Cmaj9 è C E G D.

Accordi alterati

Gli accordi alterati si riferiscono a qualsiasi accordo che si è allontanato dalla formula tipica e che non rientra in una delle categorie principali. Qualsiasi nota all'interno di un accordo può essere alterata al di fuori della quinta e di qualsiasi accordo esteso. Per esempio, l'accordo alterato CMaj7#5 equivale a un accordo di C maggiore 7 con una quinta acuta, altrimenti scritto come C E G# B.

Che cos'è una progressione di accordi?

Per comprendere appieno le progressioni di accordi, consultate la nostra guida completa qui , ma faremo luce sulle basi in modo che possiate utilizzare efficacemente i vostri accordi preferiti nel contesto. Una progressione di accordi è un insieme di accordi costruiti sulla base di schemi di intervalli.

Come è stato stabilito, gli intervalli si basano sulle relazioni sonore innate tra le note all'interno di una tonalità. Per questo motivo, le progressioni di accordi utilizzano sempre gli stessi schemi o schemi simili nel corso della storia. Ci sono solo alcuni accordi che tendono a suscitare una risposta più armonica o più gradevole dal punto di vista sonoro.

Le progressioni di accordi sono più comunemente scritte utilizzando i numeri romani, che indicano il grado dell'accordo. Per esempio, nella tonalità di Do maggiore, un accordo di Do maggiore (o il primo accordo della tonalità stabilita) sarà scritto come I.

La maggior parte delle progressioni di accordi nella musica occidentale moderna contiene accordi di I, IV e V grado, poiché queste progressioni creano poche dissonanze e passano naturalmente l'una all'altra in base alla loro composizione.

Basta guardare quante canzoni famose si possono ascoltare con SOLO quattro accordi!

La comprensione dei diversi tipi di accordi e del loro funzionamento vi renderà senza dubbio dei musicisti migliori. Speriamo che questa guida vi permetta di decodificare facilmente qualsiasi accordo e di ricreare questi schemi universali nelle vostre composizioni. Divertitevi a sperimentare i diversi tipi di accordi!

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!