Nozioni di base per la lettura degli spartiti musicali

Nozioni di base per la lettura degli spartiti musicaliNozioni di base per la lettura degli spartiti musicali

Imparare a leggere gli spartiti è come imparare a parlare una lingua diversa. La musica scritta esiste da migliaia di anni e si sviluppa continuamente per adattarsi ai limiti di ciò che siamo in grado di fare come compositori e creatori.

Nella sua definizione più elementare, la notazione musicale rappresenta il suono utilizzando una serie di simboli che ci informano sulle proprietà di altezza e durata di ciascuna nota. Oltre a ciò, esistono simboli unici che ci forniscono ulteriori informazioni sul timbro e sull'espressione di alcune note.

Probabilmente siete qui perché, come milioni di altre persone che stanno imparando a leggere gli spartiti, vi sentite sopraffatti. Non vi biasimiamo.

La cosa buona è che abbiamo tutte le informazioni di cui avete bisogno per capire meglio come leggere gli spartiti. In questo articolo, esamineremo tutte le basi della lettura degli spartiti, oltre ad alcuni metodi avanzati che potrebbero esservi utili man mano che progredite.

Perché dovrei imparare a leggere gli spartiti?

Saper leggere gli spartiti per pianoforte permette di comprendere meglio le strutture dei diversi brani musicali e il modo in cui vengono assemblati, il che, a sua volta, consente di avere una comprensione più ampia delle composizioni.

Le note, le chiavi, i simboli, le linee e gli spazi esistono da secoli, proprio come molte lingue parlate. Ogni simbolo che si vede in uno spartito per pianoforte rappresenta un ritmo, un'altezza o un tempo diverso in una particolare canzone.

Ci sono molti musicisti che vi diranno che imparare a leggere gli spartiti del pianoforte non è necessario per diventare un grande esecutore. Sebbene abbiano certamente ragione, non imparare a leggere gli spartiti per pianoforte può limitare le proprie capacità.

Alcuni dei motivi principali per cui i musicisti cercano di imparare a leggere gli spartiti sono:

  • Imparare a leggere la musica può sbloccare il vostro lato espressivo, sia che suoniate il pianoforte, la chitarra o qualsiasi altro strumento.
  • Imparare a leggere la musica permette di suonare più facilmente con le band e gli ensemble.
  • Imparare a leggere la musica può aiutare a leggere a vista per altri strumenti, come i fiati, gli ottoni o gli archi.
  • Imparare a leggere la musica può aiutare a comunicare meglio con gli altri musicisti.

Indipendentemente dal fatto che il vostro strumento principale sia il pianoforte o meno, conoscere le basi della lettura della musica e i nomi delle note musicali può essere utile per orientarsi sulla tastiera. Sarete sorpresi di quanto questo tipo di conoscenza si possa applicare anche ad altri strumenti.

La storia dell'apprendimento della notazione musicale

È importante notare che la musica si legge da sinistra a destra , proprio come si legge un libro. Il motivo per cui la leggiamo in questo modo è che la notazione musicale è nata come un modo per osservare la progressione della scala in modo orizzontale.

Fino al IX secolo, quando più di una voce veniva suonata o cantata contemporaneamente, era tipicamente all'unisono. Tuttavia, subito dopo il IX secolo, si diffuse la polifonia e i compositori dovettero iniziare a occuparsi dell'armonia verticale.

Per soddisfare la mutevole estetica della musica scritta, si costruirono strumenti a tastiera, come il pianoforte, il clavicembalo e l'organo.

Capire il proprio personale

a personale

Uno degli elementi più importanti della lettura della musica, da affrontare prima di iniziare a imparare la musica, è la comprensione del pentagramma .

Il pentagramma nella notazione musicale è una serie di linee orizzontali su cui si trovano i simboli musicali. Ogni punto del pentagramma rappresenta una nota diversa.

Nella musica occidentale moderna, il pentagramma è composto da righe e spazi (cinque righe e quattro spazi).

Sul pentagramma si trovano diverse chiavi di violino, che indicano la posizione delle note sul pentagramma.

Un rapido pit stop all'alfabeto musicale

Quindi, a questo punto, sapete che tutte le note si trovano nella chiave di violino e nella chiave di basso e si trovano sulle linee e sugli spazi. La domanda è,

Sono queste le uniche note?

Assolutamente no!

In effetti, il pianoforte è uno strumento così grande che richiede due pentagrammi per poter inserire tutte le note. Questi pentagrammi sono noti come chiave di violino e chiave di basso. Comprendono le note:

A-B-C-D-E-F-G

Le due chiavi

Chiave di violino

Foto della chiave di violino con nomi di note

La chiave di violino, altrimenti nota come chiave di sol, è uno dei simboli più riconoscibili della notazione musicale. Ha l'aspetto di un grande simbolo in corsivo e si trova all'estrema sinistra del pentagramma. Simile alla legenda di una mappa, la chiave di violino indica l'intervallo in cui suonare il proprio strumento.

La chiave di violino è per le gamme più alte, sia vocali che strumentali, da cui il nome "treble".

È necessario ricordare alcune qualità diverse della chiave di violino.

Per cominciare, la chiave di violino ha una spirale che avvolge la linea che rappresenta la nota G , motivo per cui spesso ci si riferisce ad essa come alla chiave di Sol.

Ci sono note che si trovano sulle linee e sugli spazi della chiave di violino:

  • Le cinque linee, che si muovono dal basso verso l'alto, rappresentano le note Mi, Sol, Si, Re e Fa . Uno strumento mnemonico che si può utilizzare per memorizzare la posizione di queste note è Every Good Boy Deserves Fudge .
  • I quattro spazi, che vanno dal basso verso l'alto, rappresentano le note F, A, C e E . Un espediente mnemonico che si può utilizzare per memorizzare la posizione di queste note è la parola FACE .

Chiave di basso

Foto della chiave di basso con nomi di note

Per le voci e gli strumenti più bassi, la chiave di basso è il punto di partenza!

Spesso ci si riferisce a questa chiave come alla chiave di Fa , grazie al fatto che i due piccoli punti sulla chiave di basso si trovano proprio sopra la linea che rappresenta la nota Fa .

Proprio come la chiave di violino, ecco le note che si trovano sulle linee e sugli spazi della chiave di basso:

  • Le cinque linee, che si muovono dal basso verso l'alto, rappresentano le note G, B, D, F e A . Uno strumento mnemonico che si può utilizzare per memorizzare la posizione di queste note è Good Boys Deserve Fudge Always .
  • I quattro spazi, che si muovono dal basso verso l'alto, rappresentano le note A, C, E e G . Un dispositivo mnemonico che si può utilizzare per memorizzare la posizione di queste note è All Cows Eat Grass .

Nella musica occidentale esistono altre due chiavi di violino, come la chiave di contralto e la chiave di tenore , anche se non sono spesso utilizzate in circostanze comuni. In questo articolo ci concentreremo sulle due chiavi più diffuse.

Mettere insieme i pentagrammi

Quando si guardano gli spartiti per pianoforte, spesso si nota che i due pentagrammi sono collegati tra loro con la chiave di violino sopra la chiave di basso. È anche probabile che, se si suona il pianoforte, si suonino le note della chiave di basso con la mano sinistra e quelle della chiave di violino con la mano destra.

Quando questi due pentagrammi sono uniti, li chiamiamo il grande bastone .

il grande pentagramma con le note che corrono verso l'alto

Le note sulle chiavi di violino

Ora che avete compreso gli spazi e le linee di queste due chiavi di violino, parleremo delle note che vi si trovano.

Le note sono composte da tre elementi fondamentali: la testa, il gambo e la bandiera (o le bandiere).

La testa della nota ha la forma di un ovale. Può essere aperta o chiusa. L'aspetto aperto o chiuso fornisce informazioni sulla durata della nota.

note aperte e note chiuse

Mentre negli spartiti una singola nota è rappresentata da un singolo capotasto, più capotasti impilati l'uno sull'altro indicano all'esecutore di suonare più note contemporaneamente. È così che si scrivono gli accordi.

Nota singola o accordo

Poi c'è lo stelo , che è attaccato alla testa della nota. Si noti che la direzione dello stelo (se è rivolto verso l'alto o verso il basso) dipende da quanto in alto o in basso si trova la nota sul pentagramma. In genere, se una nota si trova al di sopra della linea centrale del pentagramma (B sulla chiave di violino o D sulla chiave di basso), lo stelo sarà rivolto verso il basso. Se invece la nota si trova al di sotto di queste linee, il gambo sarà rivolto verso l'alto.

stelo in alto o in basso

La direzione del gambo non influisce in alcun modo sulla nota. Ha un puro scopo estetico, per facilitare la lettura degli spartiti.

La parte più importante del gambo è quella che si trova in cima, ovvero la bandiera .

La bandierina è un tratto che curva a destra del gambo, indipendentemente dal fatto che il gambo sia rivolto verso il basso o verso l'alto. La durata della nota dipende dal numero di bandierine presenti sul gambo. Maggiore è il numero di bandierine, minore è il valore della nota o la sua durata.

note con bandiere diverse

Mettendo insieme tutti questi elementi, si ottengono informazioni sul tempo o sui valori delle note, misurati in battute o divisioni di battute.

Come regolare i tempi

Linee di misura

linee di misura

La prima cosa da notare quando si guarda uno spartito sono le linee di misura. Le linee di misura sono le linee verticali che attraversano il pentagramma a intervalli regolari. Alcuni si riferiscono allo spazio tra due misure come battute o misure .

Le linee di misura non hanno alcun impatto sul suono della musica. Servono semplicemente a mantenere le note organizzate in modo che gli esecutori possano trovare il loro posto. Per esempio, se il direttore d'orchestra vi dicesse di andare alla terza battuta, potreste contare tre battute dall'inizio del brano per trovare il vostro posto.

Contatore

metri diversi

Il numero di battute di ogni battuta è determinato dal metro .

Il modo più elementare per descrivere un metro è il battito o la pulsazione di un brano musicale. Quando ascoltate la vostra canzone pop preferita, vi garantiamo che sentite quasi istintivamente il ritmo o la pulsazione. La musica house offre un esempio fondamentale di ritmo con il ritmo "boots and cats and boots and cats".

Quando guardate uno spartito, vedrete qualcosa che assomiglia molto a una frazione accanto alla chiave di violino. Se odiate la matematica, non abbiate paura. Cercherò di essere veloce.

Come nelle frazioni regolari, si ha un numeratore (numero superiore) e un denominatore (numero inferiore).

Il numeratore indica quante battute ci sono in una singola battuta .

Il denominatore indica il valore della nota che riceve un battito .

Quando si inizia a imparare a leggere gli spartiti, di solito si parte dal metro 4/4, perché è il più facile da capire. Nel metro 4/4, altrimenti detto tempo 4/4 o tempo "comune", si hanno quattro battute in ogni battuta e ogni nota è uguale a un quarto di doll aro.

È possibile ascoltare questo metro nella maggior parte della musica popolare.

Ora, se cambiassimo il numeratore in 3 anziché in 4 , avremmo tre battute in ogni battuta , e ciascuna delle note equivale a un quarto di nota . Questo è il metro che si trova nella maggior parte dei valzer.

D'altra parte, diciamo che abbiamo 6/8 . In questo caso, avremmo sei note in ogni battuta e ognuna di esse equivarrebbe a un' ottava nota .

Approfondiremo i valori delle note tra poco, ma speriamo che queste informazioni vi diano una comprensione dei metri.

Comprendere il ritmo

Il ritmo è uno dei fondamenti dell'apprendimento della lettura degli spartiti, poiché è una delle parti cruciali del modo in cui la musica dovrebbe essere percepita.

I metri, come abbiamo detto sopra, dicono quante battute ci sono in una battuta, mentre il ritmo è il modo in cui usiamo queste battute .

Per capire come funzionano i ritmi, penseremo alle note da un quarto nel tempo 4/4. Immaginiamo di avere quattro note da un quarto in una battuta.

quattro quarti di nota in una battuta

Possiamo contare come 1-2-3-4 . Provate a battere il dito su questi quattro conteggi in misure di 4.

Ora prendiamo quello che state battendo e mettiamolo a metà velocità. Mentre contate 1-2-3-4 , battete le dita solo sull' 1 e sul 3 . Ognuno di questi colpetti rappresenta una mezza nota.

due mezze note in una battuta

Per divertimento, rallentiamo ancora di più. Mentre contiamo 1-2-3-4 , battiamo il dito solo sull' 1 e teniamolo premuto per il resto della battuta. Questo colpetto con una durata di quattro conti corrisponde a una nota intera .

nota intera in una misura

Ora torniamo alle note da un quarto, ma invece di rallentare, acceleriamo fino alle note da un ottavo. Per raddoppiare la velocità delle note da un quarto, aggiungeremo una bandierina in cima al loro gambo per ottenere note da un ottavo. Queste note hanno un valore dimezzato rispetto alle note da un quarto.

Se contiamo 1-2-3-4 , battiamo 1 e 2 e 3 e 4 , in modo da avere otto battute ogni quattro conteggi.

otto note in ottavo in una battuta

Se si aggiungono altre bandierine alla sommità delle aste, il valore cambia del doppio. Un sedicesimo ha due bandierine, un 32° ha tre bandierine, un 64° ha quattro bandierine, ecc.

note in sedicesimo, 32° e 64°.

Collegamento di bandiere per la pulizia

La bellezza della notazione musicale entra in gioco quando le cose sono un po' più pulite. Se ci fossero tonnellate di note in ottavo che volano in giro per la pagina, sarebbe molto difficile da assimilare e sarebbe facile perdere la cognizione di dove ci si trova.

Per fortuna, possiamo raggruppare le note con le bandierine in alto usando le travi .

Anche se lo stile di teletrasmissione può cambiare in base alla complessità della musica, in genere si teletrasmette in gruppi di quarti di nota o di mezze note.

Il valore dei punti

Le bandierine servono a dividere in due il valore di una nota, mentre il punto allunga il valore di una nota. Nella maggior parte dei casi, i punti sono posizionati sul lato destro della testa della nota.

Una nota con un punto viene aumentata della metà della lunghezza del suo valore .

Ad esempio, supponiamo di avere una mezza nota punteggiata. La mezza nota equivale a due battiti, mentre il punto equivale alla metà della mezza nota, cioè a un battito. Complessivamente, una mezza nota punteggiata vale tre battiti .

mezza nota punteggiata in una battuta

Possiamo anche usare le legature al posto dei punti, a seconda di come vogliamo scrivere la nostra musica. I legami vengono utilizzati per estendere le note collegando due note tra loro per mezzo delle teste. Il bello dei legami è che sono meno astratti dei punti, perché i punti si basano sul valore della nota a cui sono legati.

Con la legatura, se si hanno due mezze note legate tra loro, sarà uguale a una nota intera o a quattro battute. Se invece una mezza nota è legata a un quarto di nota, equivale a tre battute.

Uno dei motivi principali per cui si usano le legature negli spartiti è quando la durata della nota non rientra nella misura data. Possiamo legare quella nota a un'altra nota dall'altra parte della battuta per estendere la durata della nota.

Fare una pausa con i riposi

Se dalle note ricaviamo il suono e il ritmo, dalle pause ricaviamo il silenzio, che è altrettanto importante. Gli spazi in cui non suoniamo aggiungono silenzio alla musica, creando così una dinamica.

Come le note, anche le pause hanno una durata .

tutti riposano

La prima pausa in questa foto è una pausa per nota intera , che assomiglia molto a un "buco" sotto la quarta riga. Questa pausa dura quattro battute.

La seconda pausa è una mezza pausa , che dura due battute. Molti dicono che assomiglia a un cappello a cilindro che si trova sopra la terza riga del pentagramma.

La terza pausa è una pausa di un quarto di nota , ovvero una linea funky e ghirigori. Questa pausa dura una battuta o la durata di un quarto di nota.

I restanti resti sono linee con bandiere inclinate verso sinistra.

  • Una bandiera è un ottavo di riposo
  • Due bandiere è un sedicesimo di riposo
  • Tre bandiere è un 32° riposo
  • Quattro bandiere è un 64° riposo

Marcature di tempo

Spesso le indicazioni di tempo si trovano nella parte superiore della musica scritta. Se ci sono cambi di tempo nel corso del brano, il compositore li indica spesso con un altro cambio di tempo.

Tuttavia, se non sono precisi con il tempo fornendo i BPM, a volte useranno termini soggettivi, come andante, allegro, medio-veloce, medio, lento, grave, ecc.

A volte indicano il ritmo con una parola di sentimento, come ballata o swing .

Un'immersione più profonda nel tempo

Nella musica per pianoforte si trovano soprattutto termini italiani, poiché sono convenzionali. Quando si parla di accelerare e rallentare in un brano di musica per pianoforte, si incontrano spesso i termini Accelerando e Ritardando .

Accelerando è tipicamente indicato con "accel" e significa aumentare gradualmente la velocità o il tempo.

Ritardando è tipicamente indicato con "rit" e significa diminuire gradualmente la velocità o il tempo.

Esistono anche segni particolari, come la fermata , che assomiglia molto a un piccolo occhio di uccello.

fermata

Questo simbolo indica che l'esecutore deve fare una breve pausa. La pausa può essere soggettiva e di solito è a discrezione del direttore d'orchestra o dell'esecutore.

Abbinare i ritmi alle melodie

Ora che abbiamo imparato a conoscere il ritmo, passiamo a scoprire come creare le melodie. Possiamo iniziare con le scale.

Comprendere le scale

Per capire come muovervi, inizieremo con la scala di Do maggiore.

Scala di Do maggiore in quarti su chiave di violino a partire dal Do centrale

Osservate la Scala di Do maggiore e come si muove dal Do inferiore al Do dell'ottava superiore. Notate che quando iniziamo dal Do centrale sotto la chiave di violino, dobbiamo aggiungere una linea in più per indicare la sua presenza.

Questo vale per tutte le note che si trovano sopra o sotto il pentagramma.

Ora, notate che la scala di Do maggiore ha otto note , che corrispondono alle note bianche che si spostano da Do a Do sul pianoforte.

Per esercitarsi con queste note, si può suonare con il pianoforte o con qualsiasi altro strumento a portata di mano per capire come si muovono.

In questo articolo non vogliamo addentrarci troppo nella teoria della scala musicale, poiché si tratta più che altro di leggere gli spartiti.

Tuttavia, è importante capire come utilizzare alcuni simboli musicali per modificare le scale e rendere più versatili la melodia, l'armonia e i cambi di accordi.

Aggiunta di diesis e bemolle

Il passo successivo nella notazione musicale è l'aggiunta di diesis e bemolle, altrimenti noti come accidentali.

Un diesis assomiglia molto a un piccolo hashtag, mentre un bemolle assomiglia a una elegante B minuscola.

diesis e bemolle

I diesis e i bemolli sono posti alla sinistra del titolo di una nota per alzarla o abbassarla di mezzo gradino. Quando vogliamo che la nota sia un mezzo gradino più alta, aggiungiamo un diesis. Quando vogliamo che la nota sia di mezzo gradino più bassa, aggiungiamo un bemolle.

La scala di Do maggiore non contiene né diesis né bemolle. Tuttavia, altre scale maggiori ne hanno, e quando imparerete a conoscere meglio le diverse scale e tonalità, imparerete quali sono i diesis e i bemolli.

È meglio pensare ai diesis e ai bemolli come ai tasti neri del pianoforte. Tuttavia, in alcuni casi i diesis e i bemolle sono note bianche. Per esempio, se ci si trova in una tonalità con un diesis sul Si, quel Si# è in realtà uguale al Do . Il motivo per cui non lo scriviamo come Do è dovuto ad alcune regole della notazione musicale, ma questo è un discorso per un'altra volta.

L'aspetto importante è che esistono eccezioni alla regola.

Ora, anche se possiamo aggiungere diesis o bemolle a piacere per creare melodie o accordi unici al di fuori della scala, questi sono solitamente dettati da quella che chiamiamo la tonalità .

Perché aggiungere diesis e bemolle

Nella musica occidentale, le note sono separate da un tono intero o da un mezzo tono (semitono). Ad esempio, se osserviamo la nota C centrale sulla tastiera di un pianoforte, noteremo un tasto nero tra il tasto bianco C e il tasto bianco D. Questo tasto nero è un semitono a parte rispetto a entrambi i tasti bianchi.

Il modo in cui annotiamo i tasti bianchi e neri o le note diesis e bemolle dipende da una serie di fattori.

In genere, se ci si sposta verso l'alto o l'ascesa in una scala, si usa un diesis per rappresentare una nota. Quindi, se ci spostassimo da C a D in semitoni e volessimo annotare il tasto nero intermedio, lo chiameremmo C#.

D'altra parte, se stessimo scendendo dal Re al Do in semitoni, lo chiameremmo D♭.

Con questo tipo di convenzioni in atto, diventa molto più facile leggere gli spartiti.

Un simbolo importante da ricordare, che si trova proprio a metà tra questi due, è il segno naturale (♮) .

Il segno naturale serve ad annullare qualsiasi altro segno accidentale scritto in precedenza. Per esempio, supponiamo di aver annotato una linea melodica che si muove da C a C# a D e di nuovo a C. Per far capire all'esecutore di non tornare a C# per l'ultima nota, metteremo un segno naturale.

I segni naturali sono spesso utilizzati anche nelle firme di tonalità con diesis e bemolle per indicare ai suonatori di togliere il diesis o il bemolle da quelle note.

Anche se non è molto comune, a volte si vede anche un simbolo "X" quando si legge la musica. Il simbolo "X" significa doppio diesis . Quindi, ad esempio, se una nota C ha una "x" davanti, si suonerà la nota C due semitoni più in alto sulla tastiera del pianoforte, il che la renderà effettivamente o enarmonicamente la nota D .

Immersione nelle segnature in chiave

A questo punto, ci siamo concentrati solo sulla tonalità di Do maggiore, che ha otto note sui tasti bianchi. Il fatto è che è possibile iniziare le scale maggiori anche su altre note.

Tuttavia, se si inizia dalla nota D con l'intenzione di suonare D maggiore e si suonano semplicemente le note bianche, non si finisce per suonare una scala maggiore. Si finirà invece per suonare una sorta di "scala modale".

Se iniziamo in re e vogliamo suonare la scala di re maggiore, dovremo aggiungere un diesis in fa e un diesis in do.

Le chiavi di violino si trovano a destra della chiave di violino. Ecco tutte le chiavi di violino che rappresentano le scale maggiori.

tutte le firme in chiave

Quando si dispone di una chiave di lettura, questa indica di suonare quei diesis o bemolli in tutto il brano. Questo elimina la necessità di avere diesis e bemolle sulle singole note. Spetta all'esecutore o al cantante ricordare in quale tonalità si trova e quali diesis e bemolli deve suonare in quella tonalità.

La cosa da notare con le firme in chiave è che esiste almeno una chiave per ogni nota della scala occidentale . In alcuni casi, si trovano due chiavi che iniziano con la stessa nota.

Ad esempio, la tonalità di A♭ è la stessa cosa della tonalità di G#. La differenza principale è che la chiave di violino ha i bemolli al posto dei diesis.

Ecco le chiavi che utilizzano i diesis:

  • Sol maggiore - Un diesis
  • Re maggiore - Due diesis
  • La maggiore - Tre diesis
  • Mi maggiore - Quattro diesis
  • Si maggiore - Cinque diesis
  • Fa# Maggiore - Sei diesis
  • C# Maggiore - Sette diesis

Ecco le chiavi che utilizzano i bemolli

  • Fa maggiore - Un bemolle
  • B♭Major - Due appartamenti
  • E♭Maggiore - Tre piatti
  • A♭ Maggiore - Quattro bemolli
  • D♭ Maggiore - Cinque bemolli
  • G♭ Maggiore - Sei bemolli
  • C♭Major - Sette Appartamenti

Vale anche la pena di notare che ogni tonalità maggiore ha una relativa tonalità minore che condivide lo stesso numero di diesis e bemolle, anche se, per mantenere questo articolo semplice, non ci soffermeremo su questo aspetto.

È importante ricordare che le note musicali contrassegnate come diesis o bemolle nella chiave di violino devono essere suonate per tutto il tempo, a meno che il compositore non indichi espressamente il contrario.

Aggiunta di simboli di accordi

Aggiunta di simboli di accordi

In alcuni casi nella musica si trovano i simboli degli accordi , che sono essenzialmente notazioni abbreviate per indicare gli accordi in ogni battuta o barrè della musica. Il bello dei simboli degli accordi è che eliminano ogni congettura, fornendo informazioni sull'armonia dell'accordo.

Osservando il simbolo di un accordo, si può capire se si tratta di una settima, di una sospensione, di una diminuzione, di una triade, ecc.

Quando si tratta di accordi di sesta, settima o di estensione superiore, come 9, 11, 11, 13 e così via, questi numeri si trovano spesso a destra della nota in un testo più piccolo.

Approfondire le dinamiche

Ora che sappiamo qualcosa di più sul ritmo e sulla melodia, vediamo come utilizzare alcuni simboli per leggere gli spartiti e giocare con le dinamiche.

I ritmi e la melodia sono alla base della musica, ma la dinamica è il luogo in cui vive l' anima .

e uno ha un segno di accento

Osserviamo la foto qui sopra. Possiamo notare che una delle note di questa frase ha un segno di accento (>) sotto di sé. Questo segno di accento ci dice di dare un po' più di enfasi a questa particolare nota.

Possiamo anche usare lettere diverse per rappresentare la dinamica.

Lettere dinamiche

Quando si impara a leggere gli spartiti, ci si imbatte spesso in lettere che simboleggiano la dinamica. Queste lettere ci dicono quanto è morbido o forte suonare in un determinato momento. In genere, un compositore scrive una lettera per comunicare al musicista la propria intenzione.

Alcune delle lettere dinamiche più comuni sono F, M , e P .

  • F sta per "forte" o "forte".
  • P sta per "piano" o "morbido".
  • M sta per "mezzo" o "medio".

Si può anche anteporre la M a una F o a una P per dire al giocatore "medio-forte" o "medio-morbido".

Crescendo e decrescendo

Altri simboli dinamici fondamentali a cui prestare attenzione quando si legge la musica sono il crescendo e il decrescendo , talvolta chiamati "diminuendo".

crescendo e decrescendo

These stretched out ">" and"<" symbols represent gradual changes in volume over time.

Quando si vede un simbolo di crescendo quando si legge la musica, significa che si deve aumentare gradualmente il volume .

Quando si vede un simbolo di decrescendo durante la lettura di una musica, significa che si sta dicendo di diventare gradualmente più morbidi .

In relazione a quanto abbiamo appreso in precedenza, a volte vedremo un simbolo di forte (F ) con un decrescendo che si sposta in un simbolo di pianoforte (p ), che indica di passare gradualmente dal forte al morbido. È possibile trovare questa disposizione anche al contrario, da basso a forte.

Marcature speciali

A volte si trovano segni o istruzioni speciali sui brani musicali. Non lasciatevi spaventare da queste indicazioni.

Spesso sono presenti perché l'arrangiatore o il compositore non sono riusciti a trovare il simbolo musicale giusto per esprimere ciò che volevano dall'esecutore. La vera bellezza della musica è che abbiamo delle convenzioni su cui fare affidamento, che ci permettono di comunicare facilmente tra di noi, ma l'immaginazione non ha limiti.

Se volete che un sassofonista suoni una certa nota con un ringhio , potete scriverlo.

Se si vuole che un violinista affronti un certo passaggio in modo stravagante , c'è spazio per il compositore per dirlo!

Man mano che si progredisce nella lettura della musica, ci si imbatte in questi descrittori che sono aperti all'interpretazione, offrendo la possibilità di dare vita alla musica che si sta suonando nel proprio modo speciale.

I migliori strumenti per imparare a leggere gli spartiti

Tutte le informazioni di cui sopra possono costituire un'ottima base per imparare a leggere gli spartiti. Tuttavia, ciò che conta è se si è in grado o meno di utilizzare queste conoscenze nella propria pratica.

La cosa positiva è che online ci sono tonnellate di spartiti gratuiti per pianoforte con scale, accordi, melodie e molto altro ancora, che potete utilizzare per ampliare le vostre conoscenze di teoria musicale e migliorare le vostre capacità esecutive.

Vi consigliamo di iniziare scaricando alcuni spartiti gratuiti. Iniziate con spartiti per pianoforte facili che già conoscete, come questo arrangiamento gratuito di Mary Had A Little Lamb .

Potete anche dare un'occhiata all'applicazione Music Notes , che offre l'accesso a diversi strumenti e file di spartiti unici per musicisti di tutti i livelli di esperienza. È una delle app più utili per rimanere organizzati nel proprio percorso di lettura degli spartiti.

Pensieri finali - Imparare a leggere gli spartiti con facilità

Come per imparare a parlare una lingua diversa, anche per imparare a leggere gli spartiti musicali è necessario fare molta pratica. Per imparare davvero a leggere la musica, è necessario farlo il più possibile.

Ci auguriamo che questo articolo su come leggere gli spartiti sia stato utile per voi. Assicuratevi di esercitarvi ogni giorno e di cercare strumenti utili online. In poco tempo, riuscirete a leggere gli spartiti come dei professionisti!

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!