432 vs. 440: La guida definitiva agli standard di accordatura

432 vs. 440: La guida definitiva agli standard di accordatura432 vs. 440: La guida definitiva agli standard di accordatura

È un dibattito di lunga data tra musicisti, ingegneri audio, fisici acustici e pseudo-scienziati: quale standard di accordatura è quello "giusto"? A4= 440 Hz o A4= 432 Hz? Per molti versi, il dibattito sembra concluso: 440 Hz è lo standard di accordatura comune nella maggior parte del mondo da diversi decenni. Tuttavia, rimane un gruppo di contrari, appassionati di audio e veri credenti che preferiscono i 432 Hz, o almeno desiderano che questo standard di accordatura alternativo diventi più accettato dalle orecchie moderne.

In questo blog parleremo della nascita storica dei 440 Hz come intonazione da concerto odierna, delle differenze reali e percepite tra 440 e 432 Hz e del motivo per cui alcune persone preferiscono uno standard di accordatura all'altro.

Come l'A4 = 440 Hz è diventato lo standard: Breve storia

Gli standard emergono per una serie di ragioni sia arbitrarie che basate sull'evidenza; a prescindere da queste ragioni, qualcosa alla fine diventa una pratica standard perché un numero sufficiente di persone (soprattutto quelle con autorità e status) la approva. L'accordatura standard di A4= 440 Hz non fa eccezione a questa regola.

La versione breve della storia è la seguente: Nel 20° secolo, un gruppo di influenti musicisti e fisici di tutto il mondo si riunì e decise di stabilire A4= 440 Hz come accordatura standard per le orchestre. La storia completa di questa standardizzazione, naturalmente, è molto più solida e inizia molto, molto tempo fa.

Per essere brevi, ci soffermeremo sui principali protagonisti e sugli eventi che hanno costruito questa ricca storia.

L'intonazione pitagorica

Pitagora, antico filosofo e matematico famoso per il suo teorema sugli angoli retti, aveva anche un profondo interesse per la musica. Anche se non è chiaro chi sia il responsabile di ciò che è diventato noto come accordatura pitagorica, si ritiene che Pitagora abbia sviluppato il sistema di accordatura utilizzando il rapporto 3:2 come base per le armonie di quinta perfetta (da cui il nome).

Il rapporto di intervalli 3:2 che si trova nell'accordatura pitagorica informa anche un concetto distinto ma simile noto come temperamento pitagorico, un sistema di 12 toni basato su una pila di quinte perfette. In questo sistema, quando D è accordato a 288 Hz, la nota A (la quinta perfetta di D) deve corrispondere a 432 Hz perché è 3/2 (o 1,5) volte la frequenza di D (288 Hz x 1,5 = 432 Hz). Ecco un primo argomento matematico a favore di A4= 432 Hz.

Naturalmente, la musica si è evoluta in modo significativo dal VI secolo a.C. L'accordatura pitagorica prevedeva solo quattro intervalli consonanti (ottave, quinte, quarte e unisoni). La musica moderna è piena di numerose consonanze imperfette, come le terze maggiori/minori, le seste minori/maggiori, le seconde minori e le settime minori: intervalli che non potevano essere ottenuti con le sole limitazioni dell'intonazione pitagorica .

Una parentesi su Hertz

Prima di andare avanti, vale la pena di notare che il termine "Hertz" (cicli al secondo) come misura della frequenza e del passo non era ancora sul radar di nessuno, certamente non nell'Antica Grecia, ma di fatto solo alla fine del XVI secolo, quando i secondi iniziarono a essere usati come unità di misura del tempo . Solo nel 1834 l'invenzione della ruota di Savart e del tonometro ha messo a fuoco la misura dei cicli al secondo. E ci vorrà quasi un altro secolo (1930) per la comparsa del termine "Hertz", coniato in onore di Heinrich Hertz (il produttore e YouTuber di musica popolare Rick Beato ha una breve ma dolce panoramica di questa storia qui ).

In altre parole, i musicisti e gli scienziati non avrebbero pensato al dibattito tra 432 e 440 Hz nello stesso modo in cui lo facciamo noi oggi. Si concentravano invece su rapporti e intervalli e utilizzavano strumenti come i diapason come riferimento per l'intonazione.

Cosa succedeva in Germania

Alcuni dei discorsi sui 432 Hz e sui 440 Hz possono essere fatti risalire alla Germania del XVII secolo, prima dell'epoca di Heinrich Hertz. Le cose erano così diverse all'epoca che alcuni organi a canne erano accordati a qualcosa come A = 567 Hz, il che sembra decisamente fuori luogo (567 Hz darebbero un Re bemolle secondo gli standard odierni). Mozart, invece, sperimentò diversi standard di frequenza, come 421 e 422 Hz, basandosi su un diapason che si ritiene fosse il suo (alcuni ritengono che preferisse 432 Hz, ma questa sembra essere un'idea sbagliata).

La Germania sarebbe passata alla sintonizzazione a 440 Hz con gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti intorno alla Seconda Guerra Mondiale, di cui parleremo in seguito. Purtroppo, l'ascesa del partito nazista negli anni Trenta ha portato alcuni a confondere la standardizzazione a 440 Hz con l'ossessione del partito per l'ordine e la purezza: in realtà, si tratta di questioni non correlate.

L'Europa e lo standard francese

Fino a circa la metà del XIX secolo, i diversi Paesi stabilivano i propri standard di accordatura e molti di questi non erano strettamente codificati. Solo nel 1859 la Francia considerò l'A4 = 435 Hz la legge del paese, e lo stesso fu per l'Italia fino al 1885, quando decise di portare l'A4 a 440 Hz (alcune regioni lo fissarono a 450 Hz). Qualche decennio dopo, nel 1917, gli Stati Uniti si unirono agli italiani. Poi, negli anni Cinquanta, l'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione riconobbe ufficialmente l'A4 = 440 come "intonazione da concerto", dopo averlo raccomandato per la prima volta nel 1939, e da allora il mondo è rimasto sostanzialmente fedele a questo valore.

Standardizzazione e globalizzazione

Sintonizzazione a 432 hz

In un certo senso, queste dispute internazionali sull'accordatura rispecchiavano i conflitti e le risoluzioni globali che si verificavano nello stesso periodo. Un mondo più unito e aperto significava un senso del suono più unito. Questa standardizzazione globale aveva anche un senso pratico ed economico. Con le specifiche in vigore, gli strumenti potevano essere prodotti e venduti più facilmente in tutto il mondo. Anche se gli stili musicali sono diversi in Oriente e in Occidente, un pianoforte acquistato o venduto in entrambi i paesi sarà accordato su A = 440 Hz (in generale).

Tuttavia, alcune persone considerano questa standardizzazione come un'imposizione militante e soffocante sulla natura della musica - in alcuni casi, addirittura, una grande teoria della cospirazione progettata per controllare i cuori e le menti. Anche se questi schemi non sono supportati da alcuna prova reale, si continua a sostenere la tesi dei 432 Hz rispetto ai 440 hz per varie ragioni.

432 vs 440: Il grande dibattito

sintonia standard hz

Convenzioni universalmente accettate come A4 = 440 Hz possono fare una grande differenza nella cultura popolare, nella produzione e nel commercio, ma l'arte non deve piegarsi a questi standard. Per questo motivo, 432 Hz rimane un'opzione di accordatura praticabile e una preferenza personale per alcuni, anche se è un po' un cavallo oscuro con giustificazioni poco credibili.

Facciamo un tuffo nel grande dibattito che circonda i 440 Hz e i 432 Hz.

Che cosa sono i 432 Hz?

Se avete mai usato un accordatore per calibrare uno strumento, potreste aver notato un numero apparentemente casuale da qualche parte sullo schermo: "440", spesso seguito dalle lettere "Hz" (abbreviazione di "Hertz"). A meno che non abbiate una formazione in fisica acustica o in teoria musicale, 440 Hz vi sembrerà un numero senza senso. Eppure, si tratta semplicemente di un altro modo di descrivere la nota A; in particolare, A4 (che si trova sopra il Do centrale).

Ogni suono che sentiamo non è altro che una vibrazione che avviene attraverso un mezzo (gas, liquido o solido) e che viene ricevuta dalle nostre orecchie e poi elaborata dal nostro cervello. Un suono che vibra a 440 cicli al secondo si dice che ronza a 440 Hz. Questo è il suono A4 secondo gli standard moderni.

Naturalmente, un suono che ronza a 432 Hz suonerà anche come A4, solo un po' più basso di quello a cui siete probabilmente abituati. Se però scendete ancora più in basso, a circa 415 Hz, vi troverete nel territorio del sol diesis o del la bemolle. In altre parole, le note con un'altezza inferiore hanno una frequenza più bassa (misurata in Hz), mentre le note più alte hanno una frequenza maggiore.

In parole povere, 432 Hz è un'intonazione specifica che possiamo classificare come una versione della nota A4. Il termine "432 Hz" è spesso usato per indicare lo standard di accordatura basato su A4 = 432 Hz piuttosto che su A4 = 440 Hz (oggi noto anche come "altezza da concerto"). Impostando A4 a 432 Hz anziché a 440 Hz, ogni altra nota deve essere spostata verso il basso di conseguenza per una corretta accordatura, quindi B4 passa da 493,88 Hz a 484,90 Hz, C5 da 523,25 Hz a 513,74 Hz e così via.

Perché alcune persone preferiscono i 432 Hz ai 440 Hz come standard di accordatura?

Se 440 Hz è stato lo standard per oltre mezzo secolo, perché alcuni giurano su 432 Hz (tra cui Verdi, presumibilmente)?

Come si può immaginare, non esiste una risposta univoca a questa domanda. È un po' come chiedersi perché alcuni preferiscono la poesia alla narrativa o perché due persone possono guardare un quadro e darne interpretazioni completamente diverse: è soggettivo.

Questo non significa però che le persone non abbiano le loro ragioni per rimanere aggrappate ai 432 Hz. Come già accennato, i musicisti di tutti i tempi hanno preferito accordare i loro strumenti in vari modi per motivi intuitivi, pratici, matematici e persino spirituali. Se queste ragioni siano o meno valide è oggetto di dibattito, ma vale comunque la pena di esplorarle.

Uno dei due standard di accordatura è superiore?

In definitiva, compositori e produttori si preoccupano di ciò che suona meglio. Quindi, A4 = 432 Hz produce effettivamente un suono migliore di A = 440 Hz? Ancora una volta, si tratta di una questione di preferenze personali, anche se un orecchio poco allenato potrebbe non notare la differenza.

Le nostre esperienze determinano i nostri gusti e le nostre preferenze. E se siamo abituati a qualcosa, tendiamo ad avere un'affinità naturale con essa. Quindi, se avete ascoltato musica A4 = 440 Hz per tutta la vita (cosa che descrive la maggior parte di noi a questo punto), questo standard di accordatura probabilmente vi piacerà più di qualsiasi altra alternativa. Detto questo, per ragioni fisiologiche, potreste semplicemente risuonare di più con la musica a 432 Hz.

Che suono hanno i 432 Hz nella pratica?

Distinguere tra 440 e 432 Hz può essere difficile senza ascoltare alcuni esempi in prima persona. Fortunatamente, distinguerli e provarli da soli è più facile che mai grazie alle risorse online e alle workstation audio digitali (DAW) .

In questo video di Paul Davids, si può ascoltare un'esecuzione back-to-back di "Ode to Joy", prima suonata in accordatura standard (440 Hz) e poi in 432 Hz (fa lo stesso anche per alcuni altri brani).

Ascoltare lo stesso brano riprodotto in due accordature diverse è un po' stridente all'inizio. La tonalità appiattita della versione a 432 Hz può sembrare inizialmente sgradevole, ma una volta che l'orecchio si è adattato, il brano suona come ci si aspetta. Allo stesso modo, se si passa alla versione a 440 Hz, la nitidezza potrebbe risultare sgradevole per un po' di tempo prima di abituarsi. Questo contrasto esprime chiaramente la differenza tra questi due standard di accordatura e suggerisce anche qualcosa sul modo in cui percepiamo le informazioni.

Ryan Booher ha anche un video divertente e interessante che mette alla prova la capacità del pubblico di intuire la differenza tra le accordature A4 = 440 Hz e A4 = 432 Hz. Dopo aver eseguito alcuni test A/B di diversi riff, rivela quale versione è stata suonata con quale tipo di accordatura. A meno che non abbiate un grande orecchio, è probabile che ne sbagliate almeno uno (qualcuno ha un esempio di stanchezza?). L'imbroglio, ovviamente, è che la versione più piatta di un dato esempio è accordata a 432 Hz, mentre la versione più acuta è accordata a 440 Hz.

Verificate voi stessi:

Quindi, gli esempi di cui sopra dimostrano che non c'è alcuna differenza significativa tra questi standard di messa a punto? Indicano che è tutto arbitrario? Non esattamente.

Dopo aver ascoltato questi diversi campioni, la maggior parte delle persone è in grado di identificare le differenze in base al modo in cui sono accordati. Una volta stabilito uno standard, tuttavia, la maggior parte di noi non noterà intrinsecamente una differenza reale, per non parlare dell'accettazione di uno dei due come preferibile all'altro. Il contesto e il contrasto permettono di scoprire le sottili ma reali differenze tra i due.

Esistono vantaggi nell'utilizzo di A4 = 432 Hz?

Come vedremo di seguito, alcuni ritengono che il semplice ascolto di musica accordata in A4 = 432 Hz abbia alcuni benefici tangibili e metafisici. Anche se su molte di queste affermazioni la giuria non ha ancora deciso, ci sono alcuni vantaggi reali nel provare varie accordature, come quella a 432 Hz.

Per cominciare, suonare o registrare musica con un'intonazione standardizzata diversa da A4= 440 Hz produce un suono unico. Anche se la differenza non è percepibile dall'ascoltatore medio, le vostre canzoni potrebbero avere un sapore raro se si allontanano dal gruppo in questo modo (inoltre, confonderete chiunque cerchi di coverizzare la vostra canzone senza conoscere la differenza di intonazione).

Inoltre, l'esplorazione di diversi standard di accordatura può aiutarvi a scoprire nuove cose sulla tonalità e a stimolare i vostri impulsi creativi. Potreste persino superare un caso di blocco dello scrittore riaccordando diversi strumenti o sperimentando frequenze diverse per cambiare.

Infine, se credete veramente che la risonanza di 432 Hz induca sensazioni fisiche ed emotive positive (a prescindere da ciò che suggeriscono i dati), allora ascoltare e creare musica in questo standard di sintonia potrebbe darvi conforto (essenzialmente un effetto placebo).

432 Hz o 440 Hz: Divergenza di opinioni

a432 vs a40

A parte la soggettività, alcuni ascoltatori e musicisti sostengono che la musica a 432 Hz deriva intrinsecamente dalla natura e contiene persino proprietà curative. Al momento non esiste alcun supporto scientifico a queste affermazioni, ma i sostenitori dei 432 Hz si rivolgono spesso a studi pseudoscientifici come la numerologia per giustificare le loro convinzioni.

D'altra parte, i rigoristi di 440 Hz a volte buttano via il bambino con l'acqua sporca a favore dell'uniformità.

Esaminiamo e analizziamo quattro argomenti comunemente presenti nel dibattito tra 432 e 440 Hz.

1: C'è qualcosa di naturale o matematicamente corretto nei 432 Hz?

432 mhz

Il richiamo alla natura deriva principalmente da un fenomeno misurabile noto come risonanza di Schumann, che induce onde elettromagnetiche pari o multiple della circonferenza terrestre a risuonare. Calcolando la frequenza fondamentale di queste onde, si ottiene circa 7,83 Hz (spesso chiamato "battito cardiaco della Terra"). Alcuni arrotondano poi questa frequenza a 8 Hz per comodità, notando che 432 è divisibile per 8.

In altre parole, si ritiene che i 432 Hz siano "in sintonia" con la Terra e, quindi, più edificanti dal punto di vista spirituale. Naturalmente, anche il numero 8 entra nel 440, quindi si tratta di un'affermazione dubbia e manipolatoria. Quindi, o 432 e 440 Hz sono entrambi "in risonanza con il mondo", oppure il punto è irrilevante.

Queste nozioni naturalistiche e numerologiche, tuttavia, non finiscono qui. Alcuni veri credenti nella supremazia dei 432 Hz la mettono in relazione con il diametro della luna, del sole e di altri oggetti celesti. Altri utilizzano diversi concetti matematici per sostenere la superiorità dei 432 Hz, come la somma dei numeri primi e così via.

Sebbene sia divertente trovare queste connessioni e snocciolare numeri, per lo più sembra che si tratti di coincidenze e pregiudizi di conferma. Detto questo, chi può sapere cosa riveleranno ulteriori ricerche sull'intonazione e sulla relazione tra le note e altri fenomeni? È meglio lasciare la porta aperta, pur rimanendo sempre scettici.

2: I 432 Hz hanno proprietà curative fisiche o spirituali?

Proprietà curative a 432 hz

L'argomentazione a favore della capacità della sintonizzazione a 432 Hz di migliorare la qualità della vita è in qualche modo correlata alle precedenti argomentazioni riguardanti la natura e la numerologia. Tuttavia, diversi studi scientifici possono dare credito all'idea che questo standard di sintonizzazione più basso contenga effettivamente proprietà di benessere.

I quattro studi che evidenziano maggiormente questi benefici provengono tutti dall'Italia e vanno dal 2016 al 2020. Ogni studio ha testato le differenze tra gli interventi a 440 Hz e a 432 Hz per scopi diversi.

Lo studio del 2016 ha misurato l'influenza della musica a 432 Hz sull'ansia percepita durante il trattamento endodontico . Lo studio successivo (2017) ha misurato gli effetti di diverse frequenze musicali sui ratti , in particolare l'aumento di peso. Nel 2019 è stato condotto uno studio in doppio cieco che ha valutato l'influenza della musica a 440 Hz e 432 Hz sui parametri vitali del corpo umano, come la pressione sanguigna, la saturazione dell'ossigeno, i valori della frequenza respiratoria e altro ancora. Lo studio più recente (2020) ha testato specificamente la qualità del sonno in pazienti con lesioni al midollo spinale , confrontando la musica a 440 Hz con quella a 432 Hz.

In definitiva, gli studi del 2016, 2019 e 2020 hanno concluso che i pazienti che hanno ricevuto interventi audio a 432 Hz tendevano a cavarsela meglio di quelli che hanno ricevuto interventi a 440 Hz: in generale, i membri dei gruppi a 432 Hz hanno registrato una leggera diminuzione della frequenza cardiaca e dei valori della pressione sanguigna e tendevano a dormire meglio rispetto alle loro controparti nel campo dei 440 Hz. Per quanto riguarda lo studio del 2017, i topi di entrambi i gruppi sperimentali sono aumentati di peso, ma con un tasso leggermente più alto tra i 440 Hz.

Questi studi dimostrano che i 432 Hz sono migliori per la mente, il corpo e l'anima? Gli scienziati sostengono che è necessario condurre ulteriori ricerche per esaminare ulteriormente i potenziali effetti positivi della musica a 432 Hz. La ricerca è comunque affascinante e gli studi futuri non potranno che rivelarne di più.

3: I 432 Hz sono un'assurdità?

Alcune delle argomentazioni più stravaganti a favore dei 432 Hz possono inasprire l'intero progetto. Ma anche se non c'è nulla di mistico o di superiore nei 432 Hz (o nei 440 Hz, se è per questo), vale la pena di sperimentare accordature alternative per sfidare se stessi e mantenere il flusso creativo. In altre parole, non criticate i 432 Hz solo perché alcune persone ci credono per motivi stravaganti, e non aggrappatevi ai 440 Hz perché sono "normali". Gli strumenti accordati a 432 Hz possono produrre risultati interessanti.

4: Questo dibattito ha una qualche importanza?

Alcuni audiofili cinici e/o esausti sostengono che l'intero dibattito sia inutile. In un certo senso potrebbero avere ragione. Dopo tutto, la musica è soggettiva e può essere suonata e goduta in un numero infinito di modi. Tuttavia, ciò che le persone in questo campo dimenticano è che la standardizzazione ha un impatto reale sul modo in cui creiamo e consumiamo l'arte. Sebbene le argomentazioni a favore e contro determinati standard di accordatura possano annoiare o infastidire, esse contribuiscono alla storia più grande dell'evoluzione musicale. Potete dare per scontato che 440 Hz sia lo standard attuale, ma capire perché lo è e perché potrebbe essere qualcos'altro in un altro universo vi arricchisce come cittadini della musica.

440 vs 432 Hz FAQ

Come si possono accordare gli strumenti a 432 Hz?

Nella maggior parte delle DAW è possibile regolare l'intonazione dello strumento standard/software. In Logic Pro X, ad esempio, è possibile accedere a "Impostazioni progetto", "Accordatura" e far scorrere il misuratore orizzontale fino a 432 Hz (o qualsiasi altra accordatura alternativa si desideri). Se non avete un accordatore o una DAW a portata di mano, potete trovare online dei video che vi aiuteranno ad accordare uno strumento a questo standard riproducendo ogni nota.

Inoltre, se volete provare a sintonizzare gli strumenti musicali a 432 Hz alla vecchia maniera, potete acquistare un diapason a 432 Hz e adattarlo alla sua risonanza.

È possibile convertire la musica da 440 a 432 Hz?

Sì, è possibile, anche se i risultati possono variare. Esistono siti web in grado di convertire musica a 440 Hz in 432 Hz, anche se non possiamo parlare della loro affidabilità o sicurezza. È anche possibile effettuare il pitch shift audio utilizzando il software gratuito di editing audio Audacity . È sufficiente selezionare l'audio in questione e utilizzare lo strumento integrato "Change Pitch" per convertire la frequenza da 440 a 432 Hz.

Come si fa a capire se un brano è accordato in A4 = 432 Hz?

Il modo più semplice per identificare una registrazione a 432 Hz è provare a suonarla con uno strumento accordato a 432 Hz (di solito dopo essersi resi conto che l'accordatura a 440 Hz è troppo acuta rispetto al brano), oppure confrontarla con l'uscita di un generatore di segnale di precisione accordato sulla tonalità del brano.

Ci sono artisti di rilievo che utilizzano A4 = 432 Hz nelle loro opere?

A4 = 432 Hz può non essere la norma, ma è stato utilizzato in più canzoni di quanto si possa immaginare. Jimi Hendrix preferiva i 432 Hz, "Redbone" di Childish Gambino è accordato a 432 Hz, l'album dei Megadeth "Peace Sells but Who's Buying" è in 432 Hz - l'elenco continua includendo artisti come Coldplay, Metallica, Jacob Collier e molti altri.

Che nota è 432 Hz?

Un suono riprodotto a 432 Hz è tecnicamente la nota "A" ("A4", più precisamente). Rispetto ad A4 = 440 Hz, tuttavia, l'intonazione di 432 Hz suonerà un po' piatta. Nessuna delle due versioni di A4 è intrinsecamente "corretta" o "pura", ma è piuttosto una questione di convenzione e soggettività.

Il risultato di A4 = 432 Hz

a4= 432 vs a4=440

Quella che era iniziata come una differenza abbastanza arbitraria nelle preferenze di messa a punto si è trasformata in una vera e propria cospirazione su Internet. Può essere divertente e frustrante leggere le opinioni di persone a caso su questo argomento. In ogni caso, cercate di non farvi coinvolgere troppo dal dramma o dalla disinformazione. Rendetevi conto invece che A4 = 440 Hz non è l'unico standard di accordatura esistente, e che cimentarsi con un'accordatura alternativa come A4 = 432 Hz può aprirvi gli occhi su nuove possibilità e suoni.

Ora che è più facile che mai passare le impostazioni a 432 Hz, perché non vedere cosa ha da offrire questa accordatura?

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!