Eco e ritardo: Qual è la differenza?

Eco e ritardo: Qual è la differenza?Eco e ritardo: Qual è la differenza?

Scegliere l' effetto audio giusto per il suono giusto è una delle decisioni più importanti che dobbiamo prendere quando mixiamo una traccia. Quale applicare su quale strumento? Quale viene prima quando si applicano entrambi? Quale scegliere per creare l'esperienza che voglio condividere con i miei ascoltatori? State tranquilli! Lasciatevi guidare e scoprite insieme quale potrebbe essere la differenza.

Sebbene questi effetti siano stati utilizzati fin dagli anni '50, alcuni di noi li usano ancora istintivamente, basandosi su ciò che suona bene alle nostre orecchie. Tuttavia, quando si conosce l'esperienza che ciascun effetto audio può offrire agli ascoltatori, si apre una dimensione in più per la creazione.

Oggi analizzeremo le caratteristiche di ciascuno di essi e i vantaggi dell'utilizzo di uno o dell'altro.

Grazie a questa lettura sarete in grado di decidere quando e perché usare l'eco o il ritardo e a quale scopo.

Immergiamoci in questa storia.

Che cos'è il ritardo?

L'effetto di ritardo del suono è un effetto basato sul tempo che memorizza e rinvia il segnale sorgente, quindi lo riproduce ritardato di millisecondi. Aiuta a creare un audio ritardato che stimola il suono dell'eco in base al tempo del progetto . Il numero di millisecondi dopo i quali viene riprodotto l'audio ritardato dipende dalle impostazioni scelte.

Cosa fa il ritardo?

Che si tratti di un ritardo analogico o digitale, il principio è sempre lo stesso. Memorizza il segnale originale su un supporto di memorizzazione e lo riproduce in base a quando e come viene programmato. Il risultato è un segnale ritardato. L'uso di una combinazione del giusto tempo di ritardo, noto anche come pre-delay, e di una quantità accurata di segnale umido farà miracoli. L'effetto delay serve per aggiungere atmosfera al suono.

Tutti i ritardi funzionano più o meno allo stesso modo. Sono le sfumature delle impostazioni, come il numero di segnali duplicati e il tempo che intercorre tra uno e l'altro, a dare effetti diversi.

Tipi di ritardo

Il tipo di ritardo applicato alle uscite può variare da un sottile effetto eco a uno in cui i suoni precedenti vengono mescolati con suoni nuovi. L'audio ritardato può essere riprodotto ripetutamente o rimandato nella registrazione, creando un'eco che si ripete fino a scomparire.

Quanti millisecondi ci sono tra il segnale originale e quello ritardato? Quanti millisecondi ci sono tra ciascun segnale ritardato? Quanto feedback volete? Queste sono alcune delle domande essenziali da porsi per decidere quale effetto temporale creerà l'esperienza sonora desiderata.

Visitiamo alcuni di quelli più popolari.

Ritardo del nastro

Questo tipo di ritardo si basa su due testine posizionate su un registratore a nastro. Una testina di registrazione per registrare e magnetizzare l'uscita e una testina di riproduzione che produce l'effetto. Il tempo di ritardo dipende principalmente dalla distanza di un secondo nastro che scorre tra le due testine.

Questo accadeva ai tempi dell'analogico. È stato poi perfettamente convertito in un plugin di delay da utilizzare nelle DAW , in cui possiamo lasciarlo girare liberamente o sincronizzarlo perfettamente con il tempo del progetto.

Ritardo rettilineo

Si tratta di un ritardo applicato direttamente al segnale originale, in modo che ritorni nello stesso momento e lo rafforzi. Il tempo di ritardo è quasi inesistente. Generalmente non vengono mixati con la sorgente originale, i ritardi diretti sono utilizzati principalmente per creare un senso di spazio e profondità nel mix. Il suo scopo principale è quello di compensare la propagazione del suono attraverso l'aria.

Questo effetto è ampiamente utilizzato nelle parti del ritornello per elevarlo dal resto della canzone e creare un'ancora potente.

Nella musica rock e blues, molti chitarristi aggiungono questo effetto ai loro assoli. Questo effetto conferisce al loro suono una maggiore presenza e lo spinge in primo piano nel mix.

Ritardo dello Slapback

Si tratta di un effetto eco singolo che ritorna millisecondi dopo l'uscita. Viene spesso utilizzato sulle chitarre per creare un assolo sognante o sulle voci per creare una sorta di riaffermazione ritmica di un testo. Questo effetto di ritardo fa un ottimo lavoro nel riempire gli "spazi vuoti" tra un pre-chorus e un chorus, ad esempio. Un altro esempio accurato è l'ad-libbing. Applicando questo effetto specifico all'ultima parola di una frase si può creare un ad-libbing.

Ritardo multi-tap

Un effetto di ritardo in cui si manipola il tempo di ritardo e lo si suddivide in più "sub-delay time", o "taps". Questi taps vengono riprodotti uno dopo l'altro, a seconda delle impostazioni. Con questa tecnica è possibile creare molti ritardi ritmici ed effetti sonori testuali. L'effetto può essere basato sul tempo o, in particolare, si può scegliere un'impostazione temporale per la riproduzione.

Ciò che lo rende interessante è il fatto che a ogni "tap" possono essere applicati altri effetti. È possibile impostarli separatamente per il loop, i tap e l'uscita complessiva del delay.

È anche interessante sapere che ogni rubinetto può avere la sua dose unica di segnale umido. Si può solo immaginare il numero di combinazioni e possibilità di creazione con questo effetto di ritardo.

E queste sono solo la punta dell'iceberg. Quando si parla di ritardo, le possibilità sono quasi infinite.

E l'eco?

Che cos'è l'eco?

Gli echi vengono creati facendo scorrere in loop un ritardo di una sola volta per più volte consecutive. Ogni eco distinta ha un volume più basso di quella precedente, creando un feedback ritardato del segnale audio originale. Se vi è mai capitato di salire in cima a una montagna per gridare il vostro nome e risentirlo fino a quando non svanisce nel nulla, allora sapete di cosa sto parlando.

Ai tempi dell'analogico, gli echi venivano progettati in modo creativo utilizzando camere anecoiche e ostacoli per riflettere l'onda sonora. In questo modo si aveva un maggiore controllo sull'eco. Gli ostacoli erano una sorta di controlli dell'effetto eco.

Cosa fa l'eco?

L'effetto eco crea un riflesso della nota originale come se colpisse una superficie e tornasse indietro. Il riflesso può essere ascoltato più volte scegliendo diversi ritorni dalla superficie riflettente e cronometrando lo spazio tra un riflesso e l'altro. L'inserimento di un effetto eco nei punti giusti può creare un'esperienza di ancoraggio per l'ascoltatore.

Gli effetti di eco sono spesso utilizzati sulle voci soliste, per conferire loro maggiore autorità e presenza. Tuttavia, alcuni chitarristi sperimentali si scatenano e inseriscono gli echi nel loro suono. Ascoltate la famosa canzone "echoes" dei Pink Floyd e capirete.

L'eco è un ritardo?

Gli echi sono tecnicamente un tipo di delay molto specifico. Prendete lo Slapback Delay e mettete a tempo un numero finito di ripetizioni con un'automazione del volume decrescente: otterrete l'eco. Pertanto, gli effetti di eco sono tecnicamente un sottoinsieme degli effetti di delay.

Ora possiamo fare un ulteriore passo avanti e renderci conto che anche il riverbero o riverbero, come viene propriamente chiamato, è il risultato della sovrapposizione degli echi di un segnale. Essi si accumulano l'uno sull'altro prima di raggiungere le nostre orecchie.

Non tratteremo il riverbero in questo articolo perché è già stato fatto in questa guida completa sul riverbero .

Vedete come alla fine possiamo ricondurre tutto al ritardo? Questo effetto ha reso possibile la produzione di eco, che a sua volta ha reso possibile l'ingegnerizzazione del riverbero. Tuttavia, ci sono sfumature di cui dovremmo essere consapevoli per fare le scelte giuste per i nostri progetti.

Qual è la differenza tra Eco e Ritardo?

I ritardi sono copie separate del suono originale riprodotte subito dopo di millisecondi, mentre gli echi sono più separati e distinti nel tempo. Quando si passa dai millisecondi ai secondi, rendendo ogni copia distinta e più silenziosa di quella precedente, si ottiene l'eco.

È abbastanza facile, no? Tuttavia, raramente sentiamo i professionisti del settore parlare di eco. Creano loop di echi ripetuti e continuano a chiamarlo ritardo. È una forza dell'abitudine.

Quando utilizzare l'eco/ritardo?

Considerando quanto abbiamo trattato, la domanda si sposta rapidamente da quale sia la distinzione tra eco e delay a quando usarli.

Quando si sviluppa questo riflesso di sapere quale risponderà meglio alle proprie esigenze di miscelazione, la decisione viene presa dal secondo.

Ritardo

Ci sono due grandi applicazioni del delay. Una è quella di aggiungere atmosfera al mix. Dà a una traccia una maggiore ampiezza stereo e le conferisce più spazio. L'altra è quella di creare una forma di ripetizione ritmica ed eccitante dell'output originale.

Un esempio perfetto potrebbe essere quello di una voce solista che mixa il delay diretto al suo microfono per aggiungere più profondità al suo canto e coprire uno spazio più ampio sulla scena. Un altro potrebbe essere un batterista che lo aggiunge alla sua cassa per darle più presenza e più spazio nell'output finale.

Esistono molte altre applicazioni per il ritardo. Tutto dipende da ciò che si vuole ottenere come risultato finale. In questo caso, il fine giustifica il mezzo.

Eco

L'eco viene solitamente utilizzato quando vogliamo che una nota, una parola o qualsiasi parte di un progetto si ripeta con un tempo sufficiente tra una ripetizione e l'altra. Possiamo ascoltare ogni riflessione come una copia distinta del suono originale fino alla sua scomparsa.

Gli echi possono accentuare una parte importante del brano, soprattutto se combinati con altri effetti. Se aggiungete gli echi a un testo importante nella canzone, lo duplicheranno abbastanza da farlo rimanere impresso nella mente dell'ascoltatore.

Quale utilizzare per primo quando li si combina?

Idealmente, tutto dipende da ciò che si sta cercando di ottenere. In una pedaliera per effetti, il pedale del delay viene sempre prima del pedale dell'eco. Tuttavia, posizionare un delay prima di un eco può anche creare un mix fangoso .

A volte vi interessa di più la ripetizione dei pattern di delay che la spazialità di una traccia, altre volte il contrario. Ancora una volta, tutto dipende da dove si vuole arrivare con il mix.

Conclusione: Echi o ritardi, la distinzione sta nello scopo.

È inconfutabile che il delay sia il padre fondatore di molti effetti, e l'eco è uno di questi. Tuttavia, per comprendere a fondo il loro utilizzo, è essenziale esaminare ciò che distingue l'uno o l'altro. Il mixaggio non è una questione di conoscenza degli effetti migliori, ma di sapere quale effetto è più adatto alla vostra visione. Abbiamo trattato tutto quello che c'è da sapere sul mixaggio , se volete approfondire l'argomento.

Siamo fortunati a vivere in un'epoca in cui non è necessario affrontare la complessità dell'ingegneria degli effetti. Quando si mixa su una DAW, si possono ottenere un sacco di offerte esclusive sui plugin. Basta scegliere il plugin giusto con il suono giusto per ottenere il risultato giusto.

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!