Cos'è un'interfaccia audio e perché ne hai bisogno

Cos'è un'interfaccia audio e perché ne hai bisognoCos'è un'interfaccia audio e perché ne hai bisogno

Ti stai preparando a tuffarti nella creazione della tua musica. Hai letto un intero internet di informazioni su DAW, plug-in e strumenti software. Sei eccitato! Poi leggi un po' di più sull'attrezzatura da studio e affronti una domanda scoraggiante: cos'è un'interfaccia audio? Qualcos'altro da comprare? Forse, forse no.

In questo articolo tratteremo cosa sono le interfacce audio; come funzionano; come differiscono dalle schede audio; i vari tipi di connessione delle interfacce audio disponibili; se hai bisogno di un'interfaccia audio dedicata; come collegarla al tuo computer; e infine, ma non meno importante, quale delle tante interfacce audio dovresti comprare. Per quelli di voi a cui piace solo scremare gli articoli (sapete chi siete...) ci sarà anche una sezione FAQ alla fine. Continuate a leggere per avere informazioni dettagliate...

Cos'è un'interfaccia audio?

In parole povere, un'interfaccia audio è un dispositivo che si collega al computer e consente di far entrare e uscire l'audio. Ogni computer è dotato di un'interfaccia audio (a volte chiamata scheda audio); è così che si sente un ding ogni volta che un bel video di un cane viene pubblicato su YouTube. È anche il modo in cui le persone possono ascoltarvi quando parlate in una chiamata Zoom: attraverso il microfono che cattura il suono. Ma la scheda audio all'interno del computer è stata progettata per un uso personale, non per un audio di qualità, e così è iniziata l'ascesa delle interfacce audio esterne.

Per essere un po' più tecnici, queste piccole scatole magiche prendono i segnali analogici e li convertono in audio digitale comprensibile dal software DAW . Lo stesso processo avviene anche al contrario, in modo da poter riprodurre la registrazione su altoparlanti esterni.

La maggior parte delle interfacce audio include ingressi e uscite a livello di linea e preamplificatori microfonici. Altre caratteristiche possono includere uscite e ingressi digitali, ins/out midi, e 'connettori combo'; ingressi che permettono una connessione XLR o 1/4".

Come funziona un'interfaccia audio? (Cosa c'è in un'interfaccia audio?)

Una rapida ricerca di interfacce audio ti mostrerà quante varietà ci sono sul mercato, tutte con diverse specifiche e configurazioni. Confusione, giusto? Per fortuna, sono tutte essenzialmente nate dallo stesso stampo.

Ingressi e uscite

Gli ingressi ti permetteranno di registrare usando cavi per strumenti da ¼ di pollice (per gli strumenti) e cavi XLR (per i microfoni). Quanti ingressi ha la tua interfaccia audio detterà quante tracce puoi registrare simultaneamente.

Ad esempio, un cantautore potrebbe voler registrare contemporaneamente una ripresa vocale e una chitarra acustica. Quindi una semplice interfaccia audio a due ingressi/due uscite sarà sufficiente per il progetto. Chi vuole registrare un set di batteria completamente microfonato per una sessione di lavoro a distanza avrà bisogno di più ingressi.

Le uscite consentono di collegare altoparlanti esterni, preferibilmente monitor da studio, con una risposta piatta per ottenere un'immagine accurata del suono della musica. Alcune interfacce dispongono di più opzioni di uscita, ad esempio per il missaggio in surround o per l'invio simultaneo dell'audio a diverse destinazioni. Quando scegliete un'interfaccia audio , pensate a quante uscite vi servono.

Molti produttori offrono diverse versioni dello stesso tipo di interfaccia audio. La maggior parte delle volte, le differenze dipendono dal numero di ingressi e uscite che ciascuna fornisce.

Gli ingressi e le uscite avranno ciascuno controlli separati per i loro rispettivi livelli, in modo da poter regolare il segnale di ingresso del vostro chitarrista troppo zelante (leggi: forte) con facilità.

Preamplificatori microfonici

Benvenuti alla parte del laboratorio di scienze audio. Questo post non è il luogo per entrare in molti dettagli. Tutto quello che dovete sapere è che un preamplificatore microfonico contiene dei circuiti che amplificano un microfono o uno strumento a basso livello per portarlo al livello di linea. La qualità del preamplificatore influenza la qualità dell'audio che registrate. Ricordate l'adagio 'garbage in, garbage out? Alcune interfacce audio vantano preamplificatori microfonici di altissima qualità e hanno un prezzo da capogiro. Fortunatamente per il tuo conto in banca, c'è una gamma di opzioni di interfacce audio accessibili con ottimi preamplificatori. Un punto per la tecnologia di squadra.

Qualcosa che vorrete considerare quando scegliete un'interfaccia audio è l'alimentazione phantom. Questo non è un prequel di Star Wars, è un segnale di 48 volt di cui i microfoni a condensatore hanno bisogno per funzionare. Se registrate solo con un microfono dinamico non ne avrete bisogno, ma se usate o pensate di usare un microfono a condensatore, avrete bisogno di un interruttore Phantom Power 48v sulla vostra interfaccia.

Convertitori audio

Continuando la nostra incursione nel laboratorio di scienze audio... Avrai bisogno di portare il tuo audio dal mondo analogico al regno digitale. La vostra interfaccia audio convertirà il segnale in qualcosa che il vostro computer può leggere trasformandolo in migliaia di piccoli campioni durante questo processo. Lo stesso processo avviene nell'altro senso: l'audio digitale viene riconvertito in un segnale analogico e convogliato ai vostri altoparlanti.

È qui che entrano in gioco la frequenza di campionamento e la profondità di bit; più alta è la frequenza di campionamento e la profondità di bit, migliore è la qualità dell'audio (e il file risultante sarà anche più grande!). Quindi, migliore è la qualità dei vostri convertitori, migliore sarà la qualità delle vostre registrazioni audio.

Mentre la tecnologia va sempre più avanti, così fa la capacità delle interfacce audio di supportare frequenze di campionamento e profondità di bit sempre più elevate. Alcune arrivano fino a 24 bit/192kHz, che potrebbe essere visto come un eccesso, se si considera che i CD e i servizi di streaming come Spotify usano 16bit/44kHz. Quindi, per un piccolo studio di progetto, un'interfaccia audio che supporta fino a 48kHz farà bene il suo lavoro.

Monitoraggio

Quando si registra, si desidera monitorare ciò che sta accadendo e ogni interfaccia audio avrà una sezione dedicata proprio a questo scopo. Nelle interfacce di base si tratta di una manopola del volume per l'uscita cue (in genere si utilizzano le cuffie) e di una manopola per controllare il mix tra l'ingresso e l'uscita. Supponiamo, ad esempio, che stiate registrando un cantante in topline su una traccia creata da voi; il cantante vorrà un mix della sua voce e della musica. La manopola mix controllerà proprio questo.

Latenza

Latenza? Pensate al viaggio che deve fare il vostro audio:

  • Convertito nella vostra interfaccia da analogico a digitale
  • Inviato dalla tua interfaccia al tuo computer
  • Elaborato dalla tua DAW (con effetti, riproduzione con il resto della traccia, ecc.)
  • Dal computer all'interfaccia audio
  • Infine, riconvertito da digitale ad analogico

È una meraviglia che tutto questo impieghi solo una frazione di secondo per accadere, ma si nota, ed è una distrazione enorme sia per i vocalisti che per gli strumentisti. Il modo migliore per contrastare la latenza eccessiva è ridurre la dimensione del buffer nella vostra DAW. Il buffer controlla quanto tempo è concesso al tuo computer per elaborare tutto l'audio. Numeri più piccoli equivalgono a una minore latenza, ma mettono a dura prova la potenza di elaborazione del tuo sistema, con conseguenti pops, dropouts, e a volte il tuo software di registrazione che cade.

Avere più potenza della CPU può aiutare a contrastare questo, ma alcune interfacce audio offrono un monitoraggio diretto (a volte chiamato monitoraggio a latenza zero) che affronta la latenza fastidiosa senza impattare sulle prestazioni del tuo computer.

Inviando una copia del tuo segnale audio (pre-computer) direttamente all'uscita delle cuffie, puoi sentire quello che stai facendo in tempo reale. Le interfacce audio più sofisticate hanno un controllo che ti permette di scegliere quanta parte del suono diretto senti rispetto al suono elaborato (computer).

Connessione MIDI

Alcune interfacce audio offrono anche la connessione MIDI In/Out a dispositivi esterni. Questo è super utile se non avete abbastanza porte sul vostro computer per gestire un'interfaccia MIDI dedicata.

È possibile collegare una tastiera midi o un altro controller midi per suonare gli strumenti software utilizzando la connessione MIDI in. La connessione MIDI out consente di collegare un dispositivo esterno (come una workstation a tastiera o un sintetizzatore) e far sì che il MIDI della DAW 'suoni' quello strumento.

Inserire le connessioni

La capacità di usare effetti insert su un segnale audio in entrata può aiutare con compiti come l'aggiunta di una leggera compressione mentre si registra una voce. Alcune interfacce audio offrono questa opzione.

Driver

I driver sono quei piccoli pezzi di software che fanno funzionare la tua interfaccia audio sul tuo sistema, e ti aiutano a gestire la latenza al punto che non te ne accorgi. La latenza è il ritardo tra l'audio che viene inviato al tuo computer,

Qual è la differenza tra un'interfaccia audio e una scheda audio?

Questo sembra essere il set up per uno scherzo Mac/PC, ma in realtà è una grande domanda. Essenzialmente una scheda audio e un'interfaccia audio fanno lo stesso lavoro - convertire i segnali analogici in digitali e viceversa. Ma le schede audio sono montate internamente, mentre le interfacce audio sono esterne. Inoltre le interfacce audio forniscono più controllo sulla qualità del suono offrendo cose come ingressi analogici a livello di linea, ingressi XLR, alimentazione fantasma per il tuo microfono a condensatore, e la possibilità di registrare più strumenti allo stesso tempo.

Tipi di interfacce audio

Le interfacce audio si collegano al computer nello stesso modo in cui lo fanno le altre periferiche: attraverso le porte del computer.

USB

Le interfacce audio USB sono adatte ai podcaster e agli artisti/compositori solisti che generalmente hanno bisogno di registrare solo una fonte alla volta e di sentire cosa esce dalla loro DAW.

Firewire/Thunderbolt

I cugini più robusti delle interfacce audio usb, firewire e thunderbolt tenderanno ad avere più opzioni di ingresso e uscita, e possono essere migliori nel gestire la latenza grazie alla maggiore larghezza di banda del segnale.

Qual è l'interfaccia audio giusta?

La scelta di un'interfaccia audio USB, Firewire o Thunderbolt dipende dalle porte del tuo computer e dall'uso che ne farai. Se hai intenzione di registrare più canali contemporaneamente (una batteria completa, per esempio), vorrai scegliere un connettore con una maggiore larghezza di banda, come Firewire o Thunderbolt. Se sei solo tu a cantare il tuo capolavoro, allora l'USB sarà sufficiente.

Ho bisogno di un'interfaccia audio?

La risposta a questa domanda varia, a seconda di come fai musica e, in una certa misura, di che tipo di musica fai. Se, per esempio, lavorate esclusivamente nell'EDM, e tutto ciò che create è puramente basato su campioni e strumenti software (e vi trovate bene a lavorare solo con mix in cuffia), allora l'uscita stereo dalla scheda audio integrata fornita con il vostro computer sarà sufficiente.

È una questione diversa se le tue avventure di produzione musicale coinvolgono la registrazione audio. Se sei un cantautore e hai intenzione di registrare la voce usando un microfono, o se vuoi rispolverare la tua fidata vecchia Fender Strat per stracciare un riff, avrai bisogno di un modo per portare quel suono nel tuo computer. Se vuoi registrare entrambi allo stesso tempo, avrai bisogno di due ingressi per registrare tracce separate.

Allo stesso modo, se volete salvare le vostre orecchie dalla fatica o infastidire i vicini collegando degli altoparlanti esterni, avrete bisogno di un modo per far uscire il suono dal regno digitale e portarlo nel territorio del wall-shaking. Portate l'interfaccia audio.

Come collegare un'interfaccia audio al computer

Questo è di solito un compito semplice, ma essendo i computer le cose possono andare di traverso a volte se i passi sono fatti nell'ordine sbagliato. Per risparmiarti dolore e stridore di denti, segui questa guida passo dopo passo:

  1. Uscire da tutte le applicazioni
  2. Fate un back up del vostro sistema (lo fate comunque regolarmente, vero?)
  3. Riavvia il tuo sistema (forse non del tutto necessario, ma dà al tuo 'pooter una lavagna fresca)
  4. Collega la tua interfaccia al tuo Mac/PC con la connessione appropriata. Se hai più di un'opzione, scegli quella con la larghezza di banda più alta.
  5. Installate tutti i driver che sono necessari. Normalmente questo è automatico, ma potrebbe essere necessario scaricare l'ultimo driver dal sito web del produttore.
  6. Assicuratevi che i vostri monitor/altoparlanti siano spenti. Collegali all'uscita stereo principale dell'interfaccia.
  7. Lanciate la vostra DAW o il software di registrazione. Specifica l'ingresso e l'uscita del software per instradare il tuo nuovo pezzo scintillante di attrezzatura audio.
  8. Vedi se funziona! Riproduci l'ultimo capolavoro su cui hai lavorato, poi...
  9. Collegate i vostri microfoni e/o strumenti agli ingressi dell'interfaccia.
  10. Testate il segnale d'ingresso registrando qualcosa attraverso ogni canale.
  11. Festeggiate con una danza. Raccomando una dabbenaggine, ma fate attenzione ai supporti microfonici o ai sintrumenti nelle immediate vicinanze.

Ottimo, ma quale interfaccia audio dovrei comprare?

Il mercato ha interfacce audio per ogni budget, da sub-$100 a diverse migliaia di dollari del vostro denaro duramente guadagnato. Siate realistici su ciò che avete intenzione di fare dal punto di vista audio. Avete bisogno di otto In/Out se siete solo voi e il vostro uke quando un due In/Out andrà bene? D'altra parte, se siete abbastanza sicuri che l'anno prossimo registrerete alcune sessioni dal vivo con il vostro trio Cajon/flauto/chitarra, allora un quattro In/Out vi permetterà di avere spazio per crescere.

L'altro fattore da tenere presente è il progresso. Le porte diventano obsolete, i sistemi operativi vanno avanti e la tecnologia migliora le prestazioni dei dispositivi. Aspettatevi di ottenere circa 5-7 anni di utilizzo dalla vostra interfaccia audio prima che i gremlins dell'incompatibilità vengano a bussare (porte firewire, qualcuno?).

Cerca di capire cosa ti serve da un'interfaccia audio, stabilisci il tuo budget e fai la tua ricerca.

Buona registrazione!

FAQ sull'interfaccia audio

Per tutti voi sfogliatori, e per le anime dure che hanno letto fino in fondo, ecco le risposte ad alcune domande comuni su tutto ciò che riguarda l'interfaccia...

Un mixer è un'interfaccia audio?

Può essere. Alcuni mixer hanno la capacità di connettersi con un computer, ma questi diranno specificamente che sono sia un mixer che un'interfaccia audio. Un esempio è il Behringer Xenyx Q502

Vale la pena di usare un'interfaccia audio?

Se volete registrare audio di qualità di produzione, allora sicuramente. Sì, ci sono storie di persone che registrano una voce su un iPhone e usano quell'acquisizione per produrre una traccia. Ma ad un certo punto del tuo viaggio musicale probabilmente vorrai considerare di investire in un'interfaccia. E i modelli entry level sono progettati specificamente per non rompere la banca.

Ho bisogno di un'interfaccia audio se non sto registrando?

Se tutta la tua musica è basata su software, e sei un esperto di mixaggio in cuffia, allora tecnicamente non ne hai bisogno. Ma se vuoi sentire come suona il tuo ultimo pezzo slappato sui monitor, avrai bisogno di un'interfaccia audio con uscite per gli altoparlanti.

A cosa servono le uscite di un'interfaccia audio?

Sui modelli più semplici, queste uscite sono usate per connettersi con i monitor da studio in modo da poter sentire ciò su cui si sta lavorando. Man mano che si sale nella catena alimentare dell'audio si possono avere più opzioni, per esempio per inviare un segnale a un set di altoparlanti in una cabina di monitoraggio separata, o ad apparecchiature esterne per l'elaborazione esterna.

Si può collegare un'interfaccia audio a una TV?

Tecnicamente potreste collegare l'uscita del vostro televisore a un ingresso della vostra interfaccia. Ma poi di nuovo, perché dovresti? Smettete di guardare la TV e fate un po' di musica!

Un'interfaccia audio può essere collegata al telefono?

Qualche anno fa la risposta sarebbe stata no. Ma oggi ci sono molte interfacce dedicate che si collegano con iPad e iPhone. Gli utenti Android hanno meno opzioni, ma ce ne sono ancora alcune disponibili, come la IK Multimedia iRig PRO I/O

Si può usare una DAW senza un'interfaccia audio?

Assolutamente! Puoi usare la presa per le cuffie del tuo laptop o Mac/PC per monitorare quello che stai facendo. Se hai bisogno di registrare fonti esterne puoi usare un microfono USB per farlo. E quasi tutti i controller midi dedicati possono connettersi direttamente con la tua DAW tramite una porta USB.

Si può usare un amplificatore come interfaccia audio?

Dirò di no, perché al momento non si può. Ma chi sa cosa ci riserva il futuro? Forse tra qualche anno ci sarà un amplificatore che può anche parlare con la tua DAW e gestire più canali di ingresso.

Cosa posso usare al posto di un'interfaccia audio?

Per ascoltare l'uscita della tua DAW, puoi semplicemente usare l'uscita integrata del tuo computer, anche se raccomando vivamente di usare le cuffie piuttosto che affidarsi agli altoparlanti interni. Per registrare l'audio esterno considera l'utilizzo di un microfono USB - ce ne sono alcuni ottimi là fuori, come il Rhode NT-USB Condenser mic.

Un'interfaccia influisce sulla qualità del suono?

In una parola, sì. Sia in entrata che in uscita. Anche l'interfaccia più semplice sarà un grande miglioramento rispetto alla scheda audio interna del tuo computer. Più grande è il prezzo (generalmente), migliori sono i preamplificatori microfonici e i convertitori per trasformare il segnale analogico in audio digitale, e viceversa, e quindi migliore è la qualità del suono.

Qual è la differenza tra un'interfaccia audio economica e una costosa?

In primo luogo, diciamo 'budget friendly' piuttosto che economico... I modelli di fascia bassa avranno meno opzioni di ingresso e uscita, e registreranno a frequenze di campionamento inferiori. Potrebbero anche non avere ingressi di linea bilanciati (che possono provocare fastidiosi ground loop), o il monitoraggio a latenza zero. Le interfacce più costose saranno più orientate alla registrazione professionale, quindi possono registrare più strumenti allo stesso tempo, possono includere uno o due dsp a bordo, o avere l'opzione per il mixaggio software prima di raggiungere la tua DAW.

Le interfacce Universal Audio valgono la pena?

Le interfacce Universal Audio hanno probabilmente una qualità del suono superiore quando si tratta di convertire l'audio nel regno digitale. Vengono anche con un'intera suite di plugin per elaborare quell'audio incontaminato che hai appena catturato, che è sicuramente un bonus se stai iniziando a produrre e non hai un grande arsenale a tua disposizione.

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!