Cos'è un limitatore e come usarlo nel mastering

Cos'è un limitatore e come usarlo nel masteringCos'è un limitatore e come usarlo nel mastering

Se sei nuovo nella produzione musicale, potresti imbatterti nel termine limiter. Mentre questi strumenti sono usati principalmente nel processo di mastering, sono importanti da capire se sei un produttore musicale o un ingegnere audio.

Di seguito, spiegheremo esattamente cos'è un limitatore audio e come usare un limitatore in modo che tu possa implementare efficacemente questi potenti strumenti nel tuo flusso di lavoro.

Cos'è un limitatore?

Allora, cos'è un limiter? Essenzialmente, un limiter è un compressore ultra-potente , utilizzato principalmente nel processo di mastering. Più specificamente, un compressore è considerato un limiter se ha un rapporto uguale o superiore a 10:1. Proprio come un compressore, un limiter audio mira a ridurre la gamma dinamica dell'audio che sta elaborando, che di solito è il master bus di un pezzo di musica.

Abbassa i picchi più alti e alza le parti più basse di un segnale audio, creando un'esperienza d'ascolto più coerente una volta elaborata correttamente. Per questo motivo, potresti trovarti a usare un limitatore audio su suoni individuali che hanno picchi un po' incoerenti. Per esempio, i limitatori possono essere usati su un bus vocale o di batteria.

I limitatori sono progettati per essere forti in modo tale che qualsiasi suono che passa la loro soglia viene fermato a un punto morto. In effetti, i limitatori particolarmente potenti sono chiamati limitatori di muro di mattoni, riferendosi alla capacità del limitatore di bloccare qualsiasi audio oltre la soglia, a volte fino a un rapporto infinito.

Limitatore VS Compressore

Naturalmente, il limiter e il compressore condividono molte somiglianze. Detto questo, ci sono un paio di differenze chiave che sono importanti da prendere in considerazione mentre si pensa alla migliore catena di effetti per le singole tracce o bus. Ecco alcune differenze chiave tra il limiter e il compressore:

I compressori danno più importanza al colore

La compressione della gamma dinamica può avere lo scopo di creare un volume medio più consistente proprio come i limitatori, ma possono anche essere usati al solo scopo di aggiungere colore o qualità tonale all'audio che stanno elaborando, a volte con un rapporto basso. I limitatori, d'altra parte, hanno rapporti alti che sono usati per creare dinamiche più consistenti nel mastering audio.

Dal momento che i due tipi di effetti possono essere utilizzati per scopi completamente diversi, non è raro per i tecnici di mastering utilizzare entrambi al fine di creare un volume audio coerente con un clipping abbastanza morbido o un colore da un compressore specializzato.

Non hanno così tanta qualità tonale, poiché questa elaborazione all'estremo potrebbe suonare stridente. Non tutti i compressori colorano il suono del loro segnale d'ingresso, ma si possono certamente trovare quelli che lo fanno mentre, nel mondo del limiting, questi plugin sono pochi e lontani tra loro.

limitatore vs compressore

I compressori non sono forti come i limitatori per elaborare la gamma dinamica

I compressori non sono potenti come i limitatori, il che naturalmente li rende più flessibili. Si può ancora impostare una soglia alta con un limitatore in modo che elabori solo una piccola parte del segnale d'ingresso, ma un limitatore usato su una singola traccia audio potrebbe portare a una sovra-compressione, producendo una traccia audio senza vita. Puoi anche usare i controlli precisi di un compressore per introdurre intenzionalmente un soft clipping, che è un livello di sottigliezza che è impossibile con un limitatore audio.

Per progettazione, un limiter audio deve essere usato con più parsimonia di un compressore generale. Se stai solo applicando la compressione della gamma dinamica per stringere leggermente una traccia, dovrai optare per un compressore. I limitatori sono tipicamente utilizzati sull'uscita master, elaborando l'intera canzone durante la fase di mastering del processo di produzione musicale.

I compressori sono più adatti alle singole tracce

Dato che l'elaborazione del segnale di un compressore è di solito meno forte di un limiter, puoi usarli più liberamente sulle singole tracce rispetto al limiter che è concentrato sul master bus di una composizione. Se si dovesse usare un limitatore su tracce individuali, si potrebbe involontariamente creare un hard clipping, o lasciare un segnale che si sente spento e senza vita. I limitatori audio sono tipicamente usati sulla traccia finale del mixdown.

La soglia del limitatore è il punto dinamico di non controllo

Una delle maggiori differenze tra un compressore e un limitatore audio è il modo in cui si usa la soglia del limitatore. Mentre il compressore può avere un effetto di elaborazione graduale, lentamente facilitando la riduzione del guadagno, i limitatori lavorano schiacciando un segnale audio non appena passa la soglia per il controllo assoluto del volume.

parti di un limitatore

Parti del limitatore

Per usare correttamente un limitatore audio, è importante capire come ogni singola parte lavora insieme e indipendentemente l'una dall'altra. Noterete che le parti del limitatore sono più o meno quelle di un compressore, ma con alcune differenze chiave. Prestate particolare attenzione alla complessità della soglia e del ginocchio di un limitatore.

Attacco

Alcuni limitatori hanno un attacco proprio come un compressore che determina quanto velocemente un ingresso audio è influenzato dall'effetto audio. Tuttavia, questo può essere più raro con i limitatori poiché generalmente, questi strumenti sono progettati per bloccare durante il mixaggio della musica non appena un suono raggiunge la soglia

Rilasciare

Il rilascio determina per quanto tempo un limitatore limita un particolare suono. Un rilascio troppo breve crea un'esperienza di ascolto un po' incoerente. Dall'altro lato della medaglia, un limitatore con un tempo di rilascio troppo lungo può creare uno sgradevole suono di pompaggio udibile. Mentre questo è uno dei tanti problemi dell'ingegnere di mastering, gli ingegneri addestrati sono esperti nel trovare il punto dolce tra questi due estremi. Il controllo del rilascio, quindi, è una delle parti più importanti del limitatore.

Soglia

La soglia determina il punto in cui il segnale viene compresso dal limitatore. È una buona idea iniziare con una soglia abbastanza alta e regolare lentamente fino a quando la dinamica è regolata secondo i propri gusti. Questo può anche essere indicato come il tetto di uscita. La gamma dinamica ridotta non supererà il livello della vostra soglia.

Guadagno d'ingresso

Nella sua forma più semplice, il guadagno d'ingresso è quanto del segnale stai alimentando attraverso un limitatore. Maggiore è il guadagno d'ingresso, maggiore è l'audio del punto finale, anche se più forte non è necessariamente meglio. Volumi estremi possono portare ad uno spiacevole hard clipping che può facilmente spingere le parti forti alla distorsione, rovinando effettivamente un mix. Un ingegnere potrebbe dover regolare il guadagno d'ingresso poiché diversi DSP e prese fisiche hanno diversi requisiti di registrazione in tutta l'industria musicale.

Guadagno di trucco

Il make up gain è un aumento generale del volume in relazione al livello di riduzione del guadagno. Questo non è sempre necessario con un limiter, ma si può trovare un effetto simile con i controlli di uscita massima o il guadagno di uscita.

Misuratore di riduzione del guadagno

Questo misuratore ti mostra semplicemente quanto un limitatore sta schiacciando le parti più forti della tua canzone. In generale, dovresti puntare a una riduzione del guadagno tra 1 e 5 dB sul mix del bus mastering. La riduzione del guadagno inizia ogni volta che un segnale audio supera la soglia impostata.

Ginocchio

Occasionalmente, un limitatore audio avrà un ginocchio che determina quanto sottile o forte la limitazione è applicata. Tuttavia, questo è meno comune poiché i limitatori sono progettati per tagliare completamente un segnale sopra la soglia nelle sue tracce.

Tipi di limitatori audio

Ora che abbiamo suddiviso le parti di base di un limitatore audio, facciamo un ulteriore passo avanti e suddividiamo i singoli tipi di limitatori audio. Mentre tutti i limitatori funzionano più o meno allo stesso modo, alcuni tipi di limitatori possono fornire più o meno flessibilità in uno studio musicale a seconda delle preferenze del tecnico.

Limitatori a banda intera

I limitatori audio a banda intera non hanno necessariamente una "banda" visibile nonostante il loro nome. Invece, questi limitatori lavorano elaborando l'intero segnale, il che è sufficiente per molte situazioni di limitazione poiché questi strumenti sono progettati per essere utilizzati su un intero mix di registrazioni in studio.

Limitatori multibanda

Un limiter multibanda, come suggerisce il nome, fornisce bande di frequenza multiple per la limitazione, dandoti un controllo più preciso su un mix individuale. Idealmente, qualsiasi problema di frequenza viene risolto nella parte di mixaggio del processo. Tuttavia, se c'è una particolare gamma di frequenze che richiede più compressione su un'altra sezione, questi limitatori specializzati possono fare una grande differenza.

Limitatori di picco reali

Un vero limitatore di picco è progettato per tenere conto del clipping che potremmo non tenere in conto causato dal convertitore analogico-digitale osservato nella nostra attrezzatura. Per la trasmissione o gli scenari con creatori di spot televisivi e altre impostazioni di riproduzione con parametri di loudness rigorosi, un vero limitatore di picco che può rilevare il clipping inter-campione è essenziale.

Limitatori di muri di mattoni

I limitatori a muro di mattoni di solito si riferiscono a limitatori con rapporti elevati. Questi limitatori stanno come un "muro di mattoni" che blocca qualsiasi suono che supera la soglia preimpostata.

Come usare un limitatore audio

Mentre non c'è un modo giusto di usare un limitatore audio, ci sono un paio di consigli che puoi tenere a mente per le migliori pratiche.

  • Iniziare con una soglia alta. È sempre una buona idea iniziare con una soglia alta e poi ridurla lentamente per evitare di comprimere troppo il segnale. Meno è meglio quando si tratta di limitare.
  • Tieni conto del DSP e degli standard di volume di riproduzione. Non dimenticare che diversi siti di riproduzione richiedono diverse gamme di loudness. Dovresti usare il tuo limitatore tenendo conto di questi parametri.
  • Sii discreto. I limitatori sono incredibilmente potenti, quindi non ci vuole molto per farli funzionare. Sii prudente con le tue regolazioni in modo da non comprimere troppo il tuo segnale.

Dove usare un limitatore audio

Quindi, come fai a sapere quando usare un limitatore audio? Ecco un paio di situazioni in cui usare un limitatore audio è probabilmente la scelta migliore:

Su un bus master

Nella stragrande maggioranza dei casi, i limitatori audio sono di solito utilizzati su un master bus con lo scopo di elaborare l'intero mix, dando quella spinta finale al volume prima dell'esportazione per le piattaforme di streaming.

Sui bus vocali

A volte, il livello del volume in diverse riprese vocali può essere incredibilmente incoerente. Quindi, è possibile che tu usi un limitatore su un gruppo vocale. Tuttavia, questo probabilmente riguarda le voci di gruppo più che altro, dato che un limitatore può facilmente appiattire la potenza di una voce principale a causa del suo rapporto naturalmente alto.

Su un autobus a tamburo

Simile alla voce, la batteria può avere gamme dinamiche molto variabili. Pertanto, ci potrebbero essere scenari in cui si usa un limitatore su un bus di batteria per ridurre i picchi.

Dove NON usare un limitatore audio

Così come ci sono scenari in cui l'uso di un limitatore audio è ideale, ci sono situazioni in cui si vorrebbe evitare di usare un limitatore audio, come ad esempio:

Sui singoli brani

I limitatori audio sono progettati per essere usati sul tuo master bus o su un grande gruppo di tracce. Usare i limitatori su tracce individuali è un percorso sicuro verso la distorsione. Riserva questi strumenti per la riduzione finale dei picchi audio del gruppo. Usate anche le vostre orecchie come guida - è probabile che un compressore suoni molto meglio alla fine, in ogni caso.

Per aggiungere colore al tuo mix

È meglio usare i compressori e altri effetti individuali per aggiungere colore e tono al tuo suono. I limitatori sono utilizzati principalmente per il controllo della dinamica e non sono intercambiabili con i compressori. Un compressore può trasformarsi in un limitatore, ma un limitatore non può diventare un compressore.

Come potete vedere, i limitatori sono parti essenziali della catena del segnale a seconda del punto in cui vi trovate nel processo di mixaggio. Prendetevi il tempo per capire questi strumenti durante il vostro viaggio nell'industria musicale. Mentre i limitatori sono abbastanza semplici, ci può volere qualcuno con molta esperienza per usarli costantemente con assoluta competenza.

Questi compressori super potenti sono progettati per livellare il livello di volume di un intero bus o mix come uno dei tocchi finali nel processo di mastering.

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!