Cos'è la compressione multibanda e come utilizzarla

Cos'è la compressione multibanda e come utilizzarlaCos'è la compressione multibanda e come utilizzarla

La compressione è uno degli strumenti più importanti utilizzati da produttori, tecnici del missaggio e tecnici del mastering. Sebbene esistano infiniti tipi di compressori, una delle opzioni più flessibili e versatili è rappresentata dai compressori multibanda. Non sorprende che un compressore multibanda sia stabile per la maggior parte dei tecnici audio.

In questo articolo spiegheremo cos'è un compressore multibanda, come funziona e quando è opportuno utilizzarlo nei processi di missaggio e mastering. Inoltre, esamineremo tutte le parti fondamentali di un plugin per compressori multibanda, in modo che possiate utilizzare questi potenti strumenti con facilità.

Che cos'è la compressione multibanda?

La compressione multibanda è come un normale compressore, ma ha una maggiore flessibilità. Come qualsiasi altro compressore, la compressione multibanda mira a ridurre la gamma dinamica complessiva di ciò che viene elaborato per offrire all'ascoltatore un'esperienza sonora più coerente.

Un compressore agisce sulla gamma dinamica abbassando il volume percepito dei picchi più alti di una traccia e aumentando il volume più basso della traccia. Questo aumenta il volume medio della traccia elaborata e può anche aggiungere un po' di carattere all'audio elaborato.

Alcuni compressori sono totalmente puliti e hanno lo scopo di elaborare la dinamica dell'audio senza aggiungere alcun colore alla traccia. Altri compressori sono progettati per emulare un'apparecchiatura hardware o addirittura per aggiungere una sottile quantità di distorsione armonica a una traccia per creare calore e interesse.

Poiché i compressori sono così versatili, vengono spesso utilizzati durante il processo di produzione, missaggio e masterizzazione. È possibile utilizzare più di un compressore in una singola catena di effetti, poiché i diversi plugin possono influenzare la dinamica di un brano audio.

La differenza principale tra i compressori e i compressori multibanda è che i compressori standard agiscono sull'intera traccia, attraverso l'intero spettro di frequenze. Questo può essere molto utile per le regolazioni dinamiche più generali, ma può anche limitare le frequenze che non richiedono necessariamente un'elaborazione. In sostanza, un compressore tradizionale funge da compressore a banda singola.

Al contrario, un compressore multibanda si rivolge a una gamma di frequenze specifiche, con selettori di bande di frequenza che possono essere regolati individualmente. Queste bande di frequenza possono essere regolate per forma, profondità, ecc. e tutte le bande agiscono come compressori individuali. La compressione normale non può sempre offrire questa flessibilità, quindi ha senso investire in plugin per compressori multibanda, in modo da avere la libertà di comprimere gamme di frequenza specifiche.

compressore fabfilter pro

Comprendere un compressore multibanda

Per utilizzare correttamente un compressore multibanda, è importante comprendere i diversi componenti di un plugin per compressori multibanda. Ecco i diversi elementi della compressione multibanda e il loro funzionamento. Sebbene questa spiegazione possa essere utile per informare il vostro processo, vi invitiamo a giocare con le impostazioni di compressione su una traccia audio, in modo da comprendere a livello sonoro l'azione di ciascun controllo.

Bande di frequenza

Queste sono le parti che definiscono il compressore multibanda. Le bande di frequenza separate creano compressori individuali all'interno del singolo compressore multibanda. Le diverse opzioni di plugin per compressori multibanda avranno quantità diverse di bande di frequenza.

Le bande sono solitamente dotate di una gamma inferiore e superiore regolabile, in modo da poter personalizzare il posizionamento dell'elaborazione. Alcuni compressori multibanda consentono di modellare le singole bande facendo clic e trascinando, anche se nella maggior parte dei casi si regolano le singole bande di frequenza utilizzando gli strumenti di compressione standard di attacco, rilascio e soglia.

Analizzatore di spettro

Anche se non tutti i compressori multibanda sono dotati di un analizzatore di spettro completo, è logico che molti di essi lo siano, poiché la compressione multibanda agisce su singole sezioni dello spettro di frequenza. In questo modo è facile vedere in tempo reale l'effetto della compressione su ciascuna banda di frequenza in relazione alle altre e al contesto del resto del mix.

Attacco

L'attacco di un normale compressore e della compressione multibanda determina la velocità con cui un compressore blocca un segnale audio.

Rilascio

Il rilascio indica il tempo in cui un normale compressore o un compressore multibanda elabora il segnale prima di "rilasciarlo". Un rilascio più lento consente di ottenere una sensazione di compressione più consistente, mentre un rilascio veloce può creare un effetto più dinamico.

Soglia

La soglia o il limite massimo di un compressore determina il punto in cui il compressore si blocca su una traccia. Tutto ciò che supera la soglia di un compressore viene compresso. Pertanto, una soglia più bassa causa una maggiore compressione del segnale.

Nel caso dei limitatori , che possono essere considerati come compressori ultra-forti, tutto ciò che supera la soglia viene compresso in modo così potente che non si sentirà alcun suono al di sopra del limite stabilito.

Rapporto

Il rapporto si riferisce al livello di compressione. Un rapporto più forte comprime più pesantemente, mentre un rapporto più piccolo ha un effetto più sottile.

Ginocchio

Non tutti i plugin di compressione multibanda dispongono di questa funzione, ma il knee è essenzialmente l'inclinazione della compressione. Un knee morbido crea una forma di elaborazione più graduale, mentre un knee duro è preciso e veloce.

Guadagno di trucco

Il guadagno di makeup può essere regolato per ripristinare l'ampiezza dopo che una traccia è stata compressa. È possibile applicare il guadagno di maquillage se si ha la sensazione di perdere il volume necessario dal segnale elaborato.

Misuratore di riduzione del guadagno

Il misuratore di riduzione del guadagno mostra quanto i picchi vengono ridotti in ampiezza quando vengono compressi. È anche un'indicazione dell'intensità del lavoro del compressore. Maggiore è la riduzione del guadagno presente, maggiore è la quantità di compressione.

Punti di incrocio

Si tratta di un'esclusiva del compressore multibanda. Il punto di crossover determina il punto in cui termina e inizia una particolare banda di frequenza. L'impostazione corretta del punto di crossover è fondamentale per intervenire solo sulle frequenze problematiche e non sull'intero canale.

compressore tradizionale

Compressione multibanda vs. compressione standard

Qual è la differenza tra la compressione multibanda e la compressione standard? In generale, si dovrebbe usare la compressione multibanda quando si ha bisogno di un controllo più specifico su una gamma di frequenze. I compressori normali possono essere utilizzati quando si ha una traccia che necessita di una compressione più ampia.

Ad esempio, potrebbe essere meglio usare la compressione normale su una singola traccia vocale, dato che l'obiettivo è quello di ottenere il risultato sull'intera traccia. Tuttavia, la compressione di un intero gruppo vocale è una storia completamente diversa. La voce principale, le voci di accompagnamento e le armonie hanno esigenze di compressione molto diverse nello spettro delle frequenze.

Durante il missaggio delle voci si può utilizzare un compressore multibanda per rispondere alle esigenze di queste singole frequenze, separando le frequenze basse, le medie, le medie superiori e le alte. Anche se avete solo due bande, una piccola separazione può fare la differenza.

In breve, la compressione è ideale per i casi in cui è necessaria una soluzione rapida e generalizzata per aiutare il suono a fluire in modo coerente. La compressione multibanda è essenziale quando si ha bisogno di maggiore precisione sull'intera gamma di frequenze.

Vantaggi della compressione multibanda

L'incorporazione della compressione multibanda nei vostri mix presenta alcuni vantaggi evidenti. Alcuni di questi vantaggi includono:

Maggiore flessibilità.

L'uso della compressione multibanda offre la libertà di esplorare nuove possibilità sonore, in quanto è possibile comprimere una sezione di frequenze di una traccia mantenendo allo stesso tempo l'energia originale. La compressione multibanda offre una flessibilità infinita per ottenere mix unici.

La compressione multibanda è relazionale.

La compressione multibanda può essere utilizzata in modo da tenere conto delle altre frequenze occupate in un brano. Poiché è possibile comprimere qualcosa nel contesto degli altri strumenti, la compressione multibanda può aiutare a ottenere un mix più equilibrato, poiché offre un maggiore controllo per natura.

Un compressore multibanda è un ottimo strumento di visualizzazione.  

Non tutti i compressori multibanda sono dotati di un analizzatore spettrale o di una visualizzazione dello spettro di frequenza. Tuttavia, molti di essi ne sono dotati, il che può essere ottimo per i musicisti per visualizzare correttamente cosa sta accadendo esattamente al loro suono in una gamma specifica dello spettro di frequenza. In questo senso, un compressore multibanda è una buona idea anche per chi è alle prime armi con la musica, poiché capire cosa fa esattamente un compressore può essere già abbastanza difficile di per sé.

compressore dinamico multibanda

Svantaggi delle compressioni multibanda

Come per qualsiasi altro strumento, ci sono alcuni scenari in cui l'uso della compressione multibanda non ha senso. Ecco alcuni svantaggi della compressione multibanda che vi aiuteranno a capire come progettare questi strumenti.

Utilizzare la compressione multibanda può essere noioso.

A volte la risposta più semplice è la migliore. Non si può negare che l'uso corretto della compressione multibanda possa essere decisamente noioso. Se non avete la necessità di impostare parametri individuali per una banda di frequenze basse, medie e alte, non fatelo.

Non è sempre necessario.

A volte è sufficiente una sola banda o nessuna banda. Non si dovrebbe usare la compressione multibanda di default solo perché può essere uno strumento potenzialmente più potente di un compressore tradizionale. Ci sono molti scenari in cui un segnale elaborato può suonare bene con la tipica compressione. Non complicate eccessivamente i processi di elaborazione degli effetti, a meno che non sia chiaro che la sessione lo richiede.

A volte serve solo un'equalizzazione.

Sebbene la compressione multibanda sia in grado di modellare le frequenze e i toni del mix, a volte un equalizzatore è uno strumento più efficace. Se utilizzate un compressore multibanda per eliminare le frequenze problematiche in un determinato punto di un brano, prendetevi il tempo di provare anche un equalizzatore e vedete cosa funziona meglio per il vostro scenario. Questi strumenti non sono intercambiabili.

compressore multibanda a fase lineare

Quando utilizzare la compressione multibanda?

Quindi, quando ha senso utilizzare la compressione multibanda rispetto a un compressore tradizionale o a un altro effetto audio ? Ecco un paio di casi in cui potrebbe avere senso utilizzare uno di questi potenti strumenti.

Flessibilità aggiuntiva

Si dovrebbe optare per la compressione multibanda ogni volta che si ha bisogno di maggiore flessibilità o anche quando non è conveniente farlo. La compressione multibanda funziona fornendo almeno una banda bassa, una banda media e una banda alta, in modo da poter adattare la compressione alle esigenze di un particolare campione in ingresso.

Cambiamenti impercettibili

Poiché la compressione multibanda si rivolge solo a una quantità selezionata di frequenze, è possibile utilizzare la compressione multibanda per apportare modifiche sottili laddove un compressore tradizionale non può farlo. In questo modo, un compressore multibanda potrebbe essere ideale per le fasi successive della catena di effetti.

Ad esempio, se state elaborando un basso verticale e l'equalizzazione, il compressore tradizionale e il minimo riverbero creano un po' di accumulo che toglie potenza alla cassa del brano. Utilizzando la compressione multibanda, si può prendere una banda bassa e regolarla in modo che la cassa colpisca correttamente, riducendo al contempo il boom. In questo modo, non si comprimono altre frequenze che non hanno bisogno di essere modificate.

Certo, si può usare un normale equalizzatore per togliere un po' di basse frequenze, ma un compressore multibanda offre il meglio di entrambi i mondi, consentendo di mantenere quelle frequenze talvolta importanti e di abbassarle quando necessario, in modo che tutte le parti suonino bene nel contesto reciproco.

Dovrete ancora giocare con le impostazioni di compressione per trovare il giusto equilibrio, ma è chiaro che un compressore multibanda è uno strumento potente.  

Frequenze di crossover

Uno dei principali vantaggi dell'uso di compressori multibanda è l'attenuazione delle frequenze di crossover. Ad esempio, il basso e il kick spesso condividono la stessa gamma di frequenze in gamma bassa, che può essere notoriamente difficile da ripulire. Potrebbe essere necessario comprimere pesantemente la parte del basso ogni volta che entra il kick per fare spazio a questa parte bassa della batteria.

Ha senso utilizzare un compressore multibanda, poiché se non ci si concentra su una gamma di frequenze specifiche nella parte bassa dello spettro, si rischia di comprimere eccessivamente l'intero spettro audio. Occuparsi di una singola frequenza di crossover può essere difficile, ma l'uso della compressione multibanda semplifica l'individuazione delle bande basse.

softube-drawmer-1973-compressore multibanda

Come usare la compressione multibanda nel missaggio

La compressione multibanda può essere utile in diversi casi durante il processo di ingegneria audio. Tenendo conto di ciò, ecco un quadro di base su come utilizzare il miglior compressore multibanda per il lavoro da svolgere nel processo di missaggio.

  1. Definite i vostri obiettivi per il compressore.
  2. Determinare se un compressore multibanda è adatto al lavoro da svolgere.
  3. Iniziate con un gruppo e proseguite da lì.
  4. Provate a iniziare con un rapporto elevato e a ridurlo.
  5. Non dimenticate di valutare l'effetto del compressore multibanda sul resto del mix.
  6. Esperimento!
  7. Fate attenzione ai livelli di riduzione del guadagno.

1. Stabilite i vostri obiettivi per il compressore.

Come per qualsiasi tipo di compressione , prima di trovare il plugin giusto per il lavoro è necessario determinare i propri obiettivi. Se, ad esempio, si utilizza un compressore multibanda per colorare il suono piuttosto che per modellarlo, si dovranno cercare strumenti completamente diversi.

2. Determinare se un compressore multibanda è adatto al lavoro.

Assicuratevi che le vostre esigenze di compressione multibanda non possano essere risolte con un compressore standard. Se vi ritrovate a cercare altre bande o a tentare di elaborare l'intero segnale audio, è il momento di cambiare approccio e di riprendere in mano il collaudato compressore standard.

3. Iniziate con un gruppo e proseguite con un altro.

Con un compressore multibanda, è particolarmente importante utilizzare solo un numero minimo di bande e testare ciascuna banda in modo indipendente e reciproco per vedere come i punti di crossover e i cambiamenti dinamici si relazionano tra loro.

4. Provate a iniziare con un rapporto elevato e a ridurlo.

A volte è più facile esagerare e poi tornare indietro per trovare il rapporto giusto per il vostro compressore. Se avete difficoltà a trovare il giusto equilibrio, cercate di individuare il punto in cui il rapporto è troppo basso o troppo forte e iniziate a restringere la gamma possibile, provando diversi punti di rapporto all'interno della zona "buona". È più facile fare una scelta quando ci sono meno possibilità.

5. Non dimenticate di valutare l'effetto del compressore multibanda sul resto del mix.

I compressori multibanda modellano certamente le frequenze e il tono, quindi è necessario tenerne conto con il resto del mix. Se avete un rapporto di compressione più alto su una frequenza media, ad esempio, potreste dovervi ritagliare uno spazio in un punto separato del mix.

6. Esperimento!

Possiamo dimenticare che i plug-in dinamici come i compressori possono essere incredibilmente creativi. Prendetevi il tempo necessario per regolare il tempo di attacco, giocare con diversi compressori e provare tempi di rilascio diversi. Sbizzarritevi con le dinamiche e ricordate che non esiste un modo "giusto" di usare un plugin.

7. Fate attenzione ai livelli di riduzione del guadagno.

Il livello di compressione da utilizzare su un particolare suono varia notevolmente in base al caso d'uso previsto. Detto questo, in genere è meglio puntare a una riduzione del guadagno di 2-3 dB su un particolare suono. Ricordate che la compressione stessa è un equilibrio delicato. Se la compressione è troppo bassa, le sorgenti sonore non saranno coerenti dal punto di vista dinamico. Troppa compressione, invece, può portare a un mix piatto e senza vita.

Come usare la compressione multibanda nel mastering

Scoprirete anche che la compressione multibanda ha un posto nel mastering. Ecco alcuni consigli generali da tenere a mente quando si incorporano questi plugin nella catena di mastering.

  1. Determinate i vostri obiettivi in riferimento al resto della catena di effetti.
  2. Verificate se si tratta di un problema che potete risolvere nel mix.
  3. Utilizzate il vostro compressore multibanda come un equalizzatore senza guadagno di makeup.
  4. Attivare le fasce una alla volta.
  5. Siate discreti.
come utilizzare la compressione multibanda nel mastering

1. Determinate i vostri obiettivi in riferimento al resto della catena di effetti.

È importante definire gli obiettivi e l'approccio al mastering prima di creare il primo plugin. Perché? Ricordate che ogni plugin si basa l'uno sull'altro. Tutto ciò che viene posizionato prima del compressore multibanda influisce sul modo in cui si regolano le bande e, in ultima analisi, sull'uso della compressione.

Cercate di limitare l' uso dei plugin allo stretto necessario. Ogni plugin della catena master deve avere uno scopo chiaro e predeterminato.

2. Verificate se si tratta di un problema che potete risolvere nel mix.

Se durante il processo di masterizzazione si riscontrano molti problemi, è il momento di tornare al mix, se possibile. Il mastering può lucidare un ottimo mix, ma non può trasformarne uno scadente in uno buono. Se vi accorgete di aver esagerato con il compressore multibanda, fate un passo indietro e vedete se c'è un modo per trovare un punto di partenza migliore.

3. Utilizzate il vostro compressore multibanda come un equalizzatore senza guadagno di makeup.

Supponiamo di dover comprimere la dinamica di una gamma di frequenze per creare più spazio nel resto del master. In questo caso, non utilizzate il makeup gain! Il compressore multibanda può agire come una sorta di equalizzatore, modellando il tono di alcune bande di frequenza senza aggiungere ulteriori informazioni dinamiche.

4. Attivare le fasce una alla volta.

È importante utilizzare una sola banda alla volta, in modo da essere sicuri di alterare le frequenze previste. Procedete lentamente. Piccole modifiche su un canale di masterizzazione possono fare un'enorme differenza.

5. Siate discreti.

Ricordate che, soprattutto durante il processo di masterizzazione, meno può essere più. Se vi trovate a dover utilizzare rapporti elevati e una buona quantità di riduzione del guadagno per ottenere il suono desiderato, forse è meglio valutare il bilanciamento del mix. Siate delicati con il vostro compressore e, come sempre, prendetevi il tempo di testare il vostro master su più dispositivi di riproduzione per assicurarvi che la dinamica sia fluida su qualsiasi piattaforma.

In fin dei conti, il miglior compressore multibanda è quello che riesce a fare il suo lavoro. I compressori multibanda e i compressori tradizionali sono entrambi strumenti potenti, ma a volte la compressione multibanda può offrire maggiore flessibilità e precisione nel mix o nel master.

Divertitevi a incorporare la compressione multibanda nel vostro processo!

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!