Come mixare le voci: Guida per principianti

Come mixare le voci: Guida per principiantiCome mixare le voci: Guida per principianti

Imparare a mixare la voce è un'arte in sé. Dopo tutto, la voce umana è uno degli strumenti più dinamici. Il suono vocale può resettare in una vasta gamma di frequenze, e ogni performance vocale è unica.

Dato che le tracce vocali spesso servono da collante per ogni traccia, un grande mix vocale può facilmente separare un mix amatoriale da uno professionale. Mentre il mixaggio della voce è senza dubbio intimidatorio, se si segue un metodo di elaborazione provato e vero, si è sicuri di finire con un eccellente mix vocale.

Fortunatamente, in questo articolo, condivideremo una guida completa su come mixare le voci per un mix professionale. Abbatteremo il ragionamento dietro certe tecniche di mixaggio vocale in modo che tu possa capire il "perché" dietro ogni fase, e metterci il tuo tocco personale. Tuffiamoci dentro!

16 passi per mixare le voci

Senza ulteriori indugi, ecco i passi assolutamente essenziali del mixaggio della voce. Non tutte le registrazioni vocali saranno processate in questo particolare ordine, ma questi passi chiave sono piuttosto centrali per l'elaborazione delle performance vocali.

  1. Prepara il tuo cantante
  2. Non prendere la registrazione alla leggera
  3. Organizza la tua sessione e crea un piano di gioco
  4. Rimuovere le imperfezioni evidenti
  5. Creare un comp vocale
  6. Correzione del passo
  7. Ottenere l'automazione
  8. Guadagnare la scena
  9. EQ sottrattiva
  10. Usare un De-esser
  11. Compressione
  12. EQ tonale
  13. Effetti aggiuntivi di compressione e spaziali
  14. Fare spazio attraverso il mix
  15. Automazione dei volumi
  16. Ritocchi finali


Passo 1: Preparare il tuo cantante

Per cominciare, è importante che il tuo cantante capisca il modo più efficace di cantare la sua voce. Se qualcuno sta registrando voci rap, sicuramente avrai un set up del microfono diverso da quello che avresti per qualcuno che registra voci liriche. Il punto principale è che ogni mix vocale dovrebbe essere affrontato in modo diverso, a partire dal processo di registrazione iniziale.

Se il vostro cantante è relativamente nuovo alla registrazione in studio, incoraggiatelo a ridurre i suoni consonanti durante l'emissione vocale e mostrategli dove deve stare mentre canta affinché il microfono funzioni correttamente. La gestione della dinamica inizia con il corretto posizionamento del microfono e del cantante, quindi assicuratevi che il vostro cantante sia a suo agio e sappia esattamente cosa fare prima di raggiungere il pulsante "record".

Stai registrando le tue voci ? Se è così, assicurati di riposare e idratarti molto prima della tua sessione per ottenere voci di qualità da studio la prima volta. Dovrai assicurarti di conoscere i tuoi testi a memoria e fare pratica con la voce un paio di volte fuori dal microfono per essere sicuro di aver affinato la tua performance vocale preferita.

Passo 2: non prendere la registrazione alla leggera

Il secondo passo di un grande mix vocale è ottenere una registrazione eccellente. Il pre-mixing è importante quanto il post-mixing, quindi assicurati di non lesinare su questi passaggi. Ecco alcuni consigli generali sul mixaggio vocale da tenere a mente durante la fase di registrazione.

Rimuovere il rumore di fondo indesiderato

Vorrai iniziare isolando la voce il più possibile. La tua stanza dovrebbe essere abbastanza "morta", quindi se tu dovessi battere le mani, non sentiresti alcun eco, o riflessi del suono sui pannelli della tua cabina vocale fai da te. Il trattamento acustico merita un articolo a parte, ma fai quello che puoi per mantenere il suono della voce il più puro possibile. L'utilizzo di pannelli acustici professionali, schiuma, trappole per i bassi, e tutto ciò che puoi per tagliare il rumore indesiderato è sempre un ottimo approccio.

Selezionare il microfono giusto

Assicurati di selezionare il microfono giusto in base al tuo cantante e al tipo di sessione. I microfoni a nastro, i microfoni a condensatore e i microfoni dinamici hanno tutti profili sonori radicalmente diversi, quindi assicurati di conoscere la tua attrezzatura. In questo modo potrai ottenere una migliore voce principale e proteggere la tua attrezzatura per gli anni a venire.

Non dimenticare di considerare anche l'uso di attrezzature hardware come preamplificatori e compressori. Prova la tua catena vocale prima del tempo e regolala come necessario con il tuo cantante.

Ottieni più di quello che ti serve

In caso di dubbio, registra un'altra registrazione vocale. È sempre meglio avere più del necessario che meno, e dovresti puntare ad avere almeno 3 registrazioni vocali solide prima di considerare di passare alla fase di mixaggio del processo. Vorrai anche prendere in considerazione il raddoppio vocale, la registrazione di take sul lato destro e sinistro del microfono, o la registrazione di armonie da usare in un futuro mix.

Ottieni il più possibile dalla tua sessione vocale per evitare di dover effettuare ri-registrazioni in futuro. Controlla le tue voci durante la sessione per vedere se ci sono segni di clipping o di eccessivo popping. Dovrai adattare il microfono e le impostazioni di ingresso alle esigenze di ogni singolo cantante.

Passo 3: Organizzare la sessione e creare un piano di gioco

Una volta che hai finito la registrazione, è il momento di organizzare una sessione. Etichetta le tue voci principali, le armonie e le voci secondarie di conseguenza e salva il tuo progetto come una sessione separata.

Questo dovrebbe essere fatto prima di manipolare le voci in qualsiasi modo, nel caso in cui tu abbia bisogno di tornare alle registrazioni originali. È anche una buona idea fare il backup delle tue voci originali su un disco separato o su uno spazio di archiviazione cloud. Non si sa se il tuo cliente li richiederà in futuro, ed è anche solo una buona idea averli in uno spazio separato nel caso tu perda la tua copia locale.

Prima di iniziare a mixare, cerca di capire la tua mentalità per il mix in relazione al resto del progetto. Mentre non ci sono regole fisse per qualsiasi mix vocale, certi generi hanno caratteristiche sonore specifiche che vale la pena tenere a mente mentre si imposta la sessione di mixaggio.

Hip Hop

Le voci Hip Hop sono elaborate per essere in primo piano e al centro, con molta compressione, e a volte effetti più stilistici come l'autotune evidente o la distorsione. C'è anche una notevole presenza in certe frequenze nella parte medio-alta che potrebbe essere minore in una voce pop.

Pop e R&B

Le voci pop e R&B mirano a un suono nitido con una sottile correzione del pitch. Vorrai avere voci dinamicamente coerenti con molta lucentezza e brillantezza nella parte alta dello spettro delle frequenze.

Rock e metallo

Il rock e il metal hanno un suono più indulgente e aggressivo con molta compressione vocale. A seconda dello stile della traccia, la voce può stare più indietro nel mix rispetto al pop.

EDM

La musica EDM o elettronica assume spesso l'approccio lucido di una voce pop, ma con un'elaborazione più pesante ed evidente. Queste voci sono sintonizzate alla perfezione.

Jazz

La musica jazz mira a produrre una traccia vocale pura il più possibile. Con il jazz, vorrete lasciare intatte le dinamiche di base per mantenere la sensazione della performance dal vivo in una registrazione in studio.

Passo 4: Rimuovere le imperfezioni evidenti

Ora che sei organizzato, è il momento di iniziare la scansione delle tue tracce vocali. Controlla qualsiasi imperfezione evidente - potrebbe essere un respiro forte, rumori in una registrazione, o problemi di tempo, e correggili. Cerca di fare il più possibile al file audio reale prima di raggiungere un EQ o un plugin esterno.

È anche possibile contrassegnare qualsiasi sezione aspra in una registrazione vocale per affrontarla in seguito. La coordinazione dei colori e l'etichettatura sono i tuoi migliori amici in questo processo! Prendi nota di ciò che potresti voler affrontare andando avanti nel tuo mix in modo da avere un chiaro punto di partenza.

Passo 5: Creare un comp vocale

È il momento di mettere insieme la tua composizione vocale per la voce principale del tuo brano. Per fare questo, ascolterai attentamente ogni traccia vocale per scegliere la migliore performance vocale. È una grande idea ascoltare le stesse 2 barre della stessa sezione per ogni take invece di ascoltare ogni take per intero per prendere la tua decisione.

Le nostre orecchie possono trattenere solo così tante informazioni in una volta, quindi prendi la tua valutazione vocale una traccia alla volta. Assicurati di ascoltare una voce asciutta in modo da ottenere la rappresentazione più accurata delle registrazioni vocali.

Condensate le tracce vocali in una singola traccia vocale, che servirà come comp vocale. Non preoccuparti se stai notando frequenze problematiche o un mix occupato sulla tua comp: Questi problemi saranno tutti vestiti andando avanti. Durante questa fase, vuoi semplicemente che le tue voci siano ridotte alla migliore performance possibile.

Puoi anche identificare i picchi più forti nella tua composizione vocale e impegnarti nella riduzione del guadagno per ciascuna di quelle sezioni individuali. Comunque, non preoccuparti di fare troppo di questo manualmente - il tuo compressore ti aiuterà con questo andando avanti, ma usare la riduzione manuale del guadagno sui picchi più forti nella tua musica può rendere l'automazione del guadagno più facile andando avanti.

Tracce di riferimento

È sempre una buona idea avere una traccia di riferimento in ogni fase del processo di produzione musicale, specialmente mentre stai ancora allenando le tue orecchie. Prendi una traccia masterizzata che abbia una vibrazione simile alla sessione che stai producendo e portala nella tua sessione di mixaggio vocale.

In questo modo, puoi facilmente fare riferimento ai livelli e al mix generale di una traccia simile. Questo è ottimo per allenare l'orecchio e ti renderà più facile produrre voci pronte per la radio mentre stai ancora prendendo la mano con tutto.

Passo 6: correzione del passo

Una qualche forma di pitch correction viene usata su quasi tutte le registrazioni in studio, anche se su alcuni mix, l'effetto è più sottile. Tuttavia, non fare errori: applicare il pitch correction non è un imbroglio. La maggior parte delle volte, è una parte essenziale dell'elaborazione del mixaggio vocale che trasforma una grande composizione vocale in una voce pronta per la radio.

A meno che non stiate cercando un effetto stilistico, utilizzate un plugin con impostazioni sottili in modo che non rimuova tutti i caratteri umani dalla voce. Ho deciso di usare il plugin Waves Tune Real Time che smussa le qualità tonali senza essere troppo ovvio. Potete aggiungere la correzione della tonalità in modo appropriato con uno qualsiasi dei comuni plugin di autotune come Autotune, Melodyne, o più recentemente, Metatune.

Dopo aver elaborato la tua voce composta attraverso il pitch correction, potrebbe essere saggio stampare la voce per risparmiare potenza di elaborazione. È una buona idea salvare una sessione separata o creare una copia della voce accordata dal vivo per ogni evenienza.

Passo 7: Ottenere l'automazione

L'automazione della riduzione del guadagno è uno dei processi vocali più importanti per aiutare a ridurre la gamma dinamica della tua voce, senza togliere troppa energia. Essenzialmente, l'obiettivo della riduzione del guadagno è quello di creare un suono coerente in tutto, senza troppe variazioni nella gamma dinamica o nel volume percepito della stessa traccia.

Uno dei migliori consigli per il mixaggio della voce è quello di utilizzare un plugin di guadagno per questo processo, piuttosto che un fader di volume, dato che sarà utile per una potenziale automazione del volume in futuro. Semplicemente automatizza il plugin di guadagno in modo che la tua voce rimanga più o meno alla stessa ampiezza in tutto.

Questo processo può essere noioso, ma puoi anche utilizzare un plugin di guadagno come Waves vocal rider per aiutare ad automatizzare il peso dell'automazione del guadagno. Se trovi che la tua automazione sta portando a un rumore indesiderato di basso livello, usa un plugin di noise gate per tagliare qualsiasi suono al di sotto di una soglia preimpostata.

Qualsiasi plugin stock di noise gate dovrebbe funzionare bene per questo processo, ma potresti dover giocare con il tempo di attacco per assicurarti che il gate non tagli le parti chiave della tua voce.

Fase 8: Guadagnare la scena

Gain staging è una parola di fantasia per assicurarsi che il vostro mix non abbia un picco. Ciò significa impostare ciascuna delle tue tracce a un certo livello, in modo che il tuo fader master non vada oltre lo 0 dB. La maggior parte dei consigli per il mixaggio consiglia di fornire "headroom" in modo che sia più facile masterizzare la traccia.

Quindi, il tuo master EQ dovrebbe stare da qualche parte tra -3 e -6 dB una volta che hai finito il tuo mix. Abbassa semplicemente i fader di ogni traccia e regola le diverse tracce a tuo piacimento man mano che vai avanti. Ricorda solo che il tuo obiettivo finale dovrebbe essere produrre un mix con una quantità appropriata di headroom in modo che possa essere masterizzato senza problemi.

Il Gain staging ti dà anche l'opportunità di controllare quali sono gli elementi più importanti in una data sessione. Tipicamente, la voce e/o la batteria saranno i più avanti o presenti in un mix, quindi questi elementi potrebbero finire per avere alcuni dei fader più alti nella tua sessione.

Passo 9: EQ

Se non l'hai ancora fatto, è il momento di usare processi di equalizzazione sottrattiva e additiva per eliminare le frequenze problematiche dalla tua voce. Ecco alcuni dei principali strumenti che potresti usare per aiutare a pulire la tua voce:

Filtraggio passa-basso o passa-alto

Questi filtri sono usati per tagliare le frequenze non necessarie sui limiti superiori e inferiori dello spettro di frequenza. Un filtro passa alto può essere usato per tagliare qualsiasi rimbombo basso che non ha bisogno di essere sentito su una voce. Un filtro passa-basso può tagliare qualsiasi aria non necessaria nella parte alta di una traccia.

Filtro a scaffale

Un filtro a scaffale può essere usato per aumentare una specifica gamma di frequenze, di solito all'estremità superiore o inferiore della traccia. Potrebbe valere la pena di utilizzare un eq dinamico per questi tipi di elaborazione in modo che il filtro sia automatizzato per adattarsi in base alle frequenze in qualsiasi momento nel tempo.

Spazzamento dell'equalizzatore

Lo sweeping EQ è progettato per ridurre le frequenze aspre in un segnale. È possibile regolare ogni banda di frequenza per ridurre i toni sgradevoli che possono emergere nel mix. È meglio evitare impostazioni aggressive, se possibile, dato che anche una piccola regolazione dell'EQ potrebbe produrre un tono completamente diverso per la tua voce.

Ricorda, questa guida deve essere usata solo come punto di partenza. Molti produttori scelgono di equalizzare dopo la compressione, o meglio ancora comprimere prima e dopo utilizzando più compressori. Questo è solo un singolo modello per il mixaggio vocale, ma finché usi i tuoi plugin e le tue orecchie per soddisfare i tuoi obiettivi di mixaggio, non c'è un solo modo giusto per elaborare le tracce.

Passo 10: Usare un de-esser

La funzionalità di base di un de-esser è quella di agire come primo obiettivo del compressore verso qualsiasi sibilante rimanente, o suoni consonanti aspri o "S". Questo primo compressore si limita a bloccare la gamma di frequenze specificata, di solito nella parte più alta dello spettro dove questi rumori aspri tendono ad alzare la testa.

È una buona idea utilizzare un plugin di de-essing, ma assicurati di farlo in modo sottile. Troppo potrebbe portare ad una voce eccessivamente compressa, rendendo il mix denso e privo di vita ed energia. Il tuo de-esser dovrebbe certamente ridurre le sibilanti, ma non dovrebbe togliere l'energia centrale della tua voce.

Passo 11: Compressione

La compressione aiuta a portare in alto le parti più basse della tua voce, dandoti un'esperienza di ascolto più coerente dal punto di vista dinamico. Può anche fornire un sacco di elaborazione tonale, dando al tuo mix vocale potenzialmente più colore e calore per aiutarlo a stare in un mix.

Quando usi un compressore, è importante fare sottili aggiustamenti all'attacco e al rilascio finché non trovi che hai creato un suono naturale ma elevato per la tua voce. Potresti inizialmente avere una soglia ultra-alta sul tuo compressore in modo da poter sentire cosa sta facendo, ma assicurati di ridurla ad un livello che sia necessario per le tue esigenze.

Sicuramente non vuoi sovracomprimere una voce perché questo può facilmente rimuovere tutta l'energia di guida dal tuo mix. La compressione dovrebbe aiutare la tua voce ad essere coerente e potente, non schiacciata e noiosa. Utilizza il pulsante di bypass sul tuo compressore in modo da poter notare la differenza tra il tuo mix vocale con e senza il plugin.

Come al solito, usa la tua traccia di riferimento come guida: Se la tua voce sembra più appiattita rispetto alla tua traccia di riferimento, potrebbe essere un segno che è il momento di abbassare il rapporto di compressione.

Passo 12: EQ tonale

L'elaborazione dei plugin può aggiungere molto carattere al tuo mix. Quindi, in molti casi, ti troverai a usare un EQ per scopi multipli, compreso il modellamento del tono della tua voce.

È possibile impegnarsi in processi di equalizzazione tonale aggiungendo sottili potenziamenti a certe sezioni. Per esempio, per una voce pop, si può aggiungere un leggero aumento nella gamma di frequenze più alte per aggiungere un po' più di presenza alla performance vocale.

Potresti anche dover correggere alcuni dei toni aggiunti attraverso la compressione. Gioca prima con il tuo compressore per vedere se puoi rimuovere le frequenze indesiderate dalla sorgente, ma se lo trovi difficile, puoi sempre aggiungere un EQ dopo nella modifica per mitigare quella frequenza problematica.

Passo 13: Compressione aggiuntiva ed effetti spaziali

Una delle parti finali del missaggio vocale è l'aggiunta di ulteriori compressioni e altri effetti. La compressione seriale è abbastanza comune, dato che molti compressori hanno il loro "sapore", ognuno aggiunge sottilmente un po' di carattere alla voce. Puoi anche usare i compressori per cose diverse: Uno potrebbe essere usato solo per aggiungere un po' di calore in più, mentre un altro ha il compito di creare una voce più coerente dal punto di vista dinamico.

Dopo la catena di compressione ed equalizzazione, puoi considerare effetti spaziali come riverberi, delay, phaser, ecc. Tieni presente che tutti questi processi possono influenzare drasticamente il tono della tua voce, quindi potresti aver bisogno di modificarli usando le impostazioni del plugin o un EQ tonale.

Un approccio comune che di solito produce un maggiore controllo generale della voce è chiamato elaborazione parallela. In questo metodo, un effetto viene messo su una traccia send o su una traccia effetto separata piuttosto che direttamente sulla sola traccia vocale. Puoi ancora mettere l'effetto direttamente sulla traccia mentre crei la tua traccia di invio, anche se ha senso avere una traccia diretta con un'impostazione abbastanza bassa dato che invierai la maggior parte dell'elaborazione attraverso la traccia dell'effetto.

La voce originale viene quindi parzialmente "inviata" a questa traccia di effetti, producendo un segnale processato separato accanto alla voce originale. In questo modo, le tracce miscelate coesistono, dandoti i benefici della traccia elaborata senza attenuare l'energia del segnale non elaborato.

È pratica comune utilizzare la compressione parallela, il riverbero, un raddoppiatore vocale, o anche i ritardi. Vai avanti e sperimenta! Le tue orecchie sono il miglior giudice, quindi trova ciò che ha più senso nel contesto del tuo mix e fallo.

Passo 14: fare spazio attraverso il mix

Spesso con le voci, devi fare spazio per le frequenze chiave concorrenti in un mix. Dato che le voci spesso si trovano nella gamma delle frequenze medie, sono spesso in competizione con strumenti principali come sintetizzatori, pianoforti o chitarre.

A volte, ha senso elaborare questi elementi in modo che la tua voce possa risaltare rispetto al resto della sessione. Questo potrebbe significare usare un EQ dinamico per eliminare le frequenze durante il solo ritornello di una canzone, o usare la compressione sidechain per avere certi elementi più in linea con la voce.

Non dimenticare che a volte il tuo strumento di mixaggio vocale più potente è il fader del volume. Se hai bisogno di portare una canzone più avanti, alza il volume. Se è in competizione con la voce principale, abbassa il fader prima di cercare di complicare troppo con una serie di effetti.

Naturalmente, queste regolazioni del volume dovrebbero essere fatte considerando ancora l'importanza del gain staging. Ricorda solo che ci sono sempre più modi di combattere un particolare problema di elaborazione, quindi vale la pena di pesare le tue opzioni nel caso in cui una abbia più senso per la tua sessione.

Passo 15: Automazione del volume

L'automazione del volume può aiutare a ridare vita alla tua voce dopo processi di compressione seriali, o semplicemente aggiungere un po' di salsa segreta in più per aiutare una voce principale a raggiungere meglio l'ascoltatore. Basta automatizzare il fader del volume per creare più energia in tutto il mix vocale.

Tuttavia, questo dovrebbe essere fatto con cautela, e solo dopo che tutti gli altri processi precedenti sono stati completati. L'automazione del volume dovrebbe solo amplificare gli effetti di una voce ben elaborata, e se la tua voce non è pulita prima di automatizzarla, può essere difficile mantenere l'automazione intatta.

Non tutti i mix vocali richiederanno l'automazione, ma è certamente qualcosa da prendere in considerazione, specialmente durante i ritornelli e i momenti culminanti della vostra traccia.

Fase 16: ritocchi finali

Ora che hai perfezionato la tua voce principale, è il momento di ascoltare, raccogliere feedback da coloro di cui ti fidi, e ascoltare ancora. Confronta la tua voce con la tua traccia di riferimento per vedere come hai fatto: la tua voce è seduta nel tuo mix nel modo che volevi? C'è qualcosa che devi tornare indietro e aggiustare?

Sfortunatamente, il mixaggio vocale può essere un processo noioso che richiede continui tentativi ed errori. Non scoraggiarti se ti ritrovi a passare mix dopo mix. Un sacco di produttori e ingegneri di alto livello si ritrovano ancora a tornare al tavolo da disegno più e più volte. Semmai, è un segno di progresso se puoi notare le imperfezioni nel tuo mix che altrimenti avresti ignorato quando le tue orecchie non erano così sintonizzate.

Sciacquare, ripetere e registrare e necessario.

Come mixare le voci FAQ

Stai ancora lottando per capire l'arte del mixaggio vocale? Ecco un paio di domande e risposte comuni per ampliare la tua comprensione.

Come fanno i professionisti a mixare le loro voci?

Proprio come ogni altra fase del processo di mixaggio, ogni tecnico ha la propria salsa segreta quando si tratta di mixaggio vocale. Detto questo, ci sono un certo numero di processi che quasi tutti i tecnici usano per ripulire una voce, incluso il comping vocale, il gain staging, l'EQ sottrattivo e additivo, il de-essing, la compressione e l'aggiunta di effetti spaziali come il riverbero.

Perché la mia voce ha un suono amatoriale?

Le tue voci potrebbero suonare amatoriali per una serie di ragioni, tra cui l'utilizzo di un processo di registrazione scadente o il non riuscire a capire come incorporarle nel tuo mix. La buona notizia è che è facile migliorare il tuo mixaggio vocale nel tempo, mentre impari a sviluppare capacità di ascolto critico.

Quanto forte dovrebbe essere la voce in un mix?

Per la maggior parte dei tipi di musica, la tua voce dovrebbe essere uno degli elementi più forti nel tuo mix, possibilmente in competizione con la batteria. Il volume è abbastanza relativo al resto della tua sessione, ma la tua voce certamente non dovrebbe essere in clipping. In generale, la voce dovrebbe avere un picco intorno ai -10 dB.

Le voci devono essere panneggiate?

Una voce principale di solito rimane al centro del mix, ma questo non vuol dire che non si possano creare doppie voci con panning duro o morbido. Il panning può anche essere usato per un effetto stilistico, o su voci di supporto, armonie o ad libs per aggiungere un po' più di carattere al tuo mix.

Come si fa ad aggiungere calore alla voce?

Puoi aggiungere calore alla tua voce utilizzando la saturazione. Il calore può anche essere ottenuto attraverso l'elaborazione dell'equalizzazione tonale e usando certi microfoni che possono aggiungere più colore e caratteristiche alla tua voce. Anche alcuni compressori possono aggiungere calore, specialmente quelli fatti per imitare le apparecchiature analogiche.

Dovresti mixare prima o dopo la voce?

Ogni canzone può richiedere il suo approccio logistico e stilistico. Può essere utile registrare la voce prima del mixaggio, dato che avrai inevitabilmente bisogno di aggiustare gli elementi del resto della tua sessione per inserire correttamente la voce nel mix. Detto questo, puoi certamente mixare la voce dopo la tua sessione iniziale, se necessario.

Quale frequenza di equalizzazione è la voce?

La maggior parte delle frequenze vocali principali si trova tra 100 e 300 Hz. Tuttavia, ogni voce è diversa, quindi aspettatevi che le frequenze più alte e più basse fluttuino in base al cantante. Questa gamma media può essere particolarmente difficile da mixare poiché può competere con così tanti altri strumenti.

Devo mescolare la voce con il ritmo?

La tua voce dovrebbe lavorare in tandem con il ritmo. Mentre i due elementi possono sempre competere l'uno con l'altro, dovresti decidere in quale punto vuoi che ogni elemento brilli e processare di conseguenza. In casi più estremi, potresti anche utilizzare la compressione sidechain tra i due file audio.

Qual è una buona impostazione di riverbero per la voce?

Un grande riverbero aiuta ad aggiungere un po' di atmosfera alla tua voce principale senza farle perdere presenza nel mix. Puoi applicare il riverbero direttamente alla tua traccia vocale o utilizzare l'elaborazione parallela per avere più controllo sul riverbero e sulla sua miscela.

La mia voce è troppo alta in un mix?

Le voci sono di solito troppo forti in un mix se hanno un picco superiore a -10 dB (anche se questa non è una regola fissa), o dominano completamente tutti gli altri suoni nel mix. È una buona idea utilizzare una traccia di riferimento per darti qualcosa su cui riflettere per i livelli vocali appropriati mentre stai mixando attivamente.

Non dimenticare che imparare a mixare correttamente le voci richiede molto tempo e allenamento. Dovrai passare del tempo a studiare le molteplici fasi del mixaggio per capire il tuo stile di mixaggio; inoltre, ci vuole tempo per allenare le tue orecchie.

Tuttavia, con un po' di pratica e l'aiuto di queste tecniche di mixaggio vocale, sarai in grado di mixare come un professionista in pochissimo tempo. Divertiti a produrre voci pronte per la radio!

Dai vita alle tue canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!