Come padroneggiare una canzone: La guida definitiva al fai da te

Come padroneggiare una canzone: La guida definitiva al fai da teCome padroneggiare una canzone: La guida definitiva al fai da te

Avete finito di registrare la vostra canzone , finalmente! Dopo ore e ore di faticosa riscrittura del testo , di evocazione della vostra migliore performance e di abile produzione, la vostra opera è pronta per essere lanciata sul mondo!

Ma aspettate un attimo: come suonerà la vostra canzone accanto a brani di altri artisti? Si collocherà bene nella playlist di Spotify o sarà vistosamente zoppicante rispetto agli altri brani? Amico mio, è qui che entra in gioco il mastering.

In questo post analizzeremo in modo approfondito il processo di masterizzazione di un brano. Iniziando con una panoramica sulla differenza tra missaggio e mastering, passeremo a esaminare quali sono le opzioni disponibili per la scelta del mastering di un brano e quali sono le apparecchiature e i software necessari per realizzarlo.

Troverete una guida passo passo che spiega come fare da soli e come usare un sito con intelligenza artificiale per fare il lavoro sporco al posto vostro. Aggiungete alcuni suggerimenti, gli errori più comuni a cui prestare attenzione quando iniziate il vostro percorso di masterizzazione, una manciata di FAQ e avrete una ricetta completa per il mastering di una canzone !

Pronti? Facciamo così.

Che cos'è il mastering?

In poche parole, il mastering è la fase finale della preparazione della musica da diffondere nel mondo. La cosiddetta "arte oscura" del mastering comprende la messa a punto dei livelli e dell'equalizzazione di una traccia stereo e la preparazione per la riproduzione e la trasmissione. Il lavoro comprende anche l'ottimizzazione dei livelli di volume per soddisfare gli standard del settore.

Tra le altre mansioni di un ingegnere di masterizzazione vi sono:

  • Eliminazione di eventuali difetti o bolle non riscontrati in fase di miscelazione
  • Arrangiamento dei brani in una sequenza finale (per un intero album)
  • Aggiunta di metadati per la distribuzione

Mastering vs. Mixing: Qual è la differenza?

È facile confondersi quando si parla di missaggio e masterizzazione di un brano.

Il missaggio consiste nel prendere le singole tracce di un brano e bilanciarle con regolazioni del volume, equalizzazione, panning , compressione e altri effetti, per far suonare il brano in modo eccellente. Il tutto viene poi trasferito in un mix stereo, pronto per la masterizzazione.

Il processo di mastering consiste nel prendere il mix finale e nel mettere a punto i livelli e l'equalizzazione, preparandolo per la riproduzione e la trasmissione. Può rendere il brano più forte, ampliare l'immagine stereo e dare maggiore chiarezza al vostro inno.

Nel caso di un album, il mastering implica anche che tutti i brani abbiano un equilibrio tonale e un volume percepito simili.

Masterizzare un brano da soli o ingaggiare un ingegnere di mastering

Anche se si è tentati di mantenere il controllo creativo su ogni fase del processo di registrazione, uno dei principali vantaggi di assumere un tecnico di mastering è quello di avere una seconda opinione. Dopo aver mixato un brano per un po' di tempo si perde l'obiettività, e ingaggiare qualcun altro per la masterizzazione del brano consente di avere un paio di orecchie nuove per individuare eventuali aree problematiche.

Potete anche imparare molto sui vostri mix ingaggiando qualcuno. Il mastering professionale vi dà un'obiettività sul vostro lavoro che non otterrete con il fai-da-te, e in definitiva volete mixare pensando al master. Consiglio vivamente di assumere un professionista per lavorare almeno su alcuni dei vostri mix, in modo da poter sentire cosa si può ottenere con il mastering.

Masterizzazione fai-da-te vs. utilizzo di un servizio di masterizzazione online

Un'alternativa al mastering del proprio lavoro (o all'assunzione di qualcuno per farlo) è utilizzare un servizio online come eMastered. Il vantaggio di usare un servizio online rispetto a farlo da soli è che sfrutterete le vaste conoscenze di molti ingegneri di mastering e le applicherete al vostro brano in una piccola frazione del tempo che impieghereste per impararle da soli. Sono anche una buona alternativa se il budget per l'album è limitato e non c'è più molto da spendere.

Servizi come eMastered danno al vostro brano un risultato di masterizzazione professionale in pochi minuti, analizzando il vostro brano e confrontandolo con altri del vostro genere. È possibile giocare con le varie impostazioni, per avere un certo controllo creativo sul risultato, e con eMastered si può anche provare gratuitamente.

Quindi, se siete il tipo di artista che vuole concentrarsi sulla creazione di musica e sulla sua diffusione nel mondo, o se siete intimoriti dall'idea di masterizzare da soli, eMastered potrebbe essere il vostro alleato.

Attrezzature/Software necessari per padroneggiare una canzone

Grazie ai progressi della tecnologia, per i musicisti indipendenti è più facile che mai controllare ogni fase del processo di registrazione, e il mastering non è da meno. Sono disponibili numerosi strumenti a prezzi accessibili per aiutarvi a perfezionare la vostra musica.

Se non vi sentite abbastanza sicuri da andare a comprare un software dedicato, non temete! Quasi tutte le workstation audio digitali (DAW) includono tutto il software necessario per dare ai vostri mix l'elaborazione aggiuntiva di cui avete bisogno per far brillare i vostri brani.

Il mastering audio non consiste semplicemente nell'applicare un plug-in al proprio mix e chiudere la questione. È una questione di sottigliezza e di uso delle orecchie. È un'abilità che si affina nel corso di molti anni e alcuni sostengono che il mastering sia meglio lasciarlo agli esperti.

Ma siamo onesti: siete drogati di conoscenza e volete alimentare la vostra materia grigia. Sapete cos'è il mastering audio e siete pronti a conoscere il processo. Prendete una tazza di caffè e continuate a leggere.

Come padroneggiare una canzone in 15 passi

Descriviamo come padroneggiare una canzone in 15 passi gestibili:

  1. Creare l'ambiente di ascolto
  2. Preparare la miscela
  3. Controllare i livelli di clipping
  4. Rimbalzo su una traccia stereo
  5. Prendetevi una pausa
  6. Trova alcuni riferimenti
  7. Ascoltare e prendere appunti
  8. Fate un'altra pausa
  9. Ascoltate di nuovo
  10. Controllo dinamico - compressione
  11. Controllo del tono - equalizzazione
  12. Altri miglioramenti
  13. Limitare
  14. Controllo finale del livello
  15. Rimbalzo del master finale

Noterete che molti dei passaggi riguardano la preparazione. Alexander Graham Bell l'ha detto meglio:

"Prima di ogni altra cosa, la preparazione è la chiave del successo".

Sia che stiate inventando il telefono, sia che lo stiate padroneggiando, questo consiglio è valido. Non rinunciate a mettere tutte le carte in regola!

Vediamo quindi di scomporre queste fasi e di capire cosa comporta ognuna di esse.

Fase 1: creare l'ambiente di ascolto

Lo spazio in cui ci si trova influisce sul modo in cui si ascolta la musica che esce dai monitor dello studio. Quindi, se avete fatto un ottimo lavoro di masterizzazione della vostra traccia, ma la vostra sala è mal configurata, il vostro lavoro sarà sprecato. Il brano può suonare benissimo nel vostro ambiente, ma altrove suonerà, beh, un po' male. Assicuratevi quindi di aver impostato i monitor in modo corretto e di averli posizionati correttamente. Se necessario, trattate la sala di missaggio con pannelli acustici . Qualunque cosa facciate, non affidatevi ai diffusori di base del computer! Se non siete in grado di spendere soldi o tempo per trattare la vostra stanza, prendete almeno in considerazione l'idea di investire in un ottimo paio di cuffie, come le Sennheiser HD600.

Fase 2: Preparare la miscela

Poi è necessario avere un buon mix. Anzi, che sia un ottimo mix. Anche se la masterizzazione può aggiungere un tocco di classe al vostro brano, sarà molto più facile se il brano suona già bene. Un pessimo mix vi creerà solo problemi in fase di masterizzazione.

Se il rullante è troppo forte, un tecnico di mastering può essere in grado di domarlo, ma è molto meglio sistemarlo prima nel mix. Se scoprite qualche problema nel vostro mix mentre siete in fase di masterizzazione, non abbiate paura di tornare indietro e sistemare prima il mix. Alla fine ne varrà la pena.

Fase 3: controllo dei livelli di clipping

Mantenete i mix puliti, con una compressione minima del bus sulle tracce. Controllate i fader per assicurarvi che non ci sia clipping e assicuratevi di lasciare abbastanza spazio per la testa su ogni traccia e sull'uscita stereo. Le parti più forti della traccia dovrebbero avere un picco di -6 dB.

Fase 4: rimbalzo di un file stereo

Esportare il mix originale non masterizzato alla risoluzione (frequenza di campionamento e bit rate) con cui è stato registrato. Deve trattarsi di un file senza perdita di dati, quindi non eseguite in nessun caso il bounce di un mp3! Come minimo, assicuratevi di eseguire il bounce dei mix non masterizzati a 16bit/48kHz.

Se la vostra workstation audio digitale ha un'opzione di 'normalizzazione' nel menu di bounce, assicuratevi che la casella sia deselezionata prima di eseguire il bounce.

Infine, importate il vostro mix in un nuovo progetto nella vostra DAW. Se state lavorando su più brani per un album, mettete ogni brano su una traccia diversa. Quindi passate immediatamente al punto 5...

Passo 5: fare una pausa

Già. Avete sentito bene: prendetevi una pausa. Che differenza fa un giorno! Ma l'ideale sarebbe lasciare il brano per un paio di giorni, o più, prima di tornarci. Fidatevi di me: la vostra mente sarà fresca, le vostre orecchie saranno fresche e forse avrete avuto il tempo di farvi una doccia. Più tempo riuscite ad aspettare tra il missaggio e la masterizzazione , più sarete in grado di ascoltare il vostro lavoro in modo oggettivo.

Fase 6 Trovare alcuni riferimenti

Il primo strumento di masterizzazione da utilizzare è la canzone di qualcun altro. La natura aborrisce il vuoto, e mentre lavorate vorrete confrontare quello che state facendo con qualcosa che è stato masterizzato professionalmente per mantenervi concentrati e aiutarvi a prendere le decisioni giuste.

Anche se avete intenzione di assumere un tecnico di masterizzazione o di utilizzare un servizio online, fareste comunque bene a scegliere alcune tracce di riferimento per non perdere il controllo.

Scegliete un pezzo che si adatti al tono e allo stile del vostro brano. Se state lavorando a un inno EDM, probabilmente non vorrete fare riferimento a un singolo dei Nickelback (ma anche perché dovreste farlo?).

Importare queste tracce di riferimento nel progetto impostato al punto 4.

Fase 7: Ascoltare il brano e prendere appunti

Ora sedetevi e ascoltate criticamente la versione solo mix della vostra canzone. La pausa che vi siete concessi? Vi aiuterà a identificare ciò che manca nel mix. State ascoltando con un nuovo paio di orecchie e questo primo ascolto è quello in cui sentirete la maggior parte dei problemi.

Ascoltate con i vostri normali monitor da studio. Ascoltate con diversi sistemi di riproduzione e prendete appunti man mano che procedete:

Prendendo appunti, si può essere intenzionali quando si tratta di lavorare e non passare il resto della vita a modificare le impostazioni all'infinito. A volte è sufficiente mettere al mondo il proprio bambino.

Fase 8: fare una nuova pausa

A rischio di esagerare, vi consiglio di fare un'altra pausa, anche se solo per un paio d'ore. L'affaticamento delle orecchie è una cosa seria, quindi date alle vostre orecchie la possibilità di rinfrescarsi.  

Fase 9: Ascoltate i riferimenti e confrontateli con il vostro mix.

A questo punto è necessario ascoltare i propri riferimenti. È essenziale far coincidere il volume di questa traccia con quello del vostro mix. Abbassate il fader fino a quando i picchi di entrambe le tracce sono più o meno uguali. In questo modo, non sarete ingannati dal fatto che la traccia più alta sia il risultato di un'altra.

Se avete un analizzatore grafico nella vostra DAW , usatelo per misurare lo spettro di frequenza del mix di riferimento e confrontarlo con il vostro.

come padroneggiare una canzone

Un analizzatore di spettro vi mostrerà cosa potrebbe sfuggire alle vostre orecchie.

Il segreto di un buon master è il contesto. L'output finale deve suonare bene rispetto ad altri brani, quindi è necessario utilizzare sempre una o tre tracce di riferimento.

Passo 10: Controllo del tono - equalizzazione

Inserite un equalizzatore all'inizio della catena del segnale, possibilmente un equalizzatore lineare se la vostra DAW ne ha uno. Questi sono progettati per agire su più strumenti contemporaneamente e hanno un suono "pulito", ottimo per il mastering in studio. Consultare gli appunti per vedere cosa è necessario correggere.

Usatelo con parsimonia per ravvivare un mix opaco (aggiungendo un piccolo e ampio boost intorno ai 12 kHz) o per eliminare il fango (eliminando i medi inferiori intorno ai 300 Hz).

come padroneggiare la musica

L'equalizzatore lineare nativo di Logic ha un suono trasparente.

Assicuratevi di utilizzare tagli e incrementi ampi nelle bande di frequenza e non modificate nulla più di 3dB - ricordate che la sottigliezza è la chiave del mastering! Se una frequenza necessita di un cambiamento più significativo, è probabile che ci sia un problema nel mix.

Alcuni scelgono anche di aggiungere un equalizzatore dopo lo stadio di compressione (vedi sotto), poiché i compressori possono colorare il suono. Anche in questo caso valgono le stesse regole di sottigliezza.

Fase 11: Controllo dinamico - compressione

Se ascoltate la musica classica, noterete che le registrazioni sono notevolmente più silenziose rispetto alla media delle canzoni pop. Questo perché la gamma dinamica della musica classica è molto più ampia di quella di un singolo di Post Malone. Se volete che la vostra traccia si collochi bene accanto a un brano della Top 100 di Billboard, dovrete addomesticare la vostra gamma dinamica (in basso, ragazzi!). Ecco il compressore.

La gamma dinamica è la differenza tra il volume della musica e il suo livello. Un compressore essenzialmente "schiaccia" un segnale, riducendone la gamma dinamica. Il segnale così ottenuto consente di alzare il volume complessivo senza che questo raggiunga un picco, rendendo l'ascolto più uniforme.

Tornando al mix, inserite un compressore dopo l'equalizzatore nella catena del segnale e iniziate a controllare la gamma dinamica. Anche in questo caso, la chiave sono i cambiamenti sottili.

  • Mantenere un rapporto basso, circa 1,5:1.
  • Regolare la soglia per ottenere una riduzione del guadagno non superiore a 1-2 dB.
  • Utilizzare un attacco lento. Iniziare con circa 10 ms e regolare da lì.
  • Se il vostro compressore ha una funzione di rilascio automatico, usatela. Altrimenti, regolate il rilascio finché non respira a tempo con la vostra sintonia.

come mascherare le tracce

Scegliete un compressore che non colori il suono.

Tornate spesso ad ascoltare la versione solo mixata del vostro brano. Usate le vostre orecchie: il suono è migliore o lo state rovinando? Non tutti i mix hanno bisogno di compressione; molti buoni brani sono stati rovinati da un'eccessiva compressione. Quindi, usate il vostro giudizio. E non dimenticate di confrontarlo anche con la vostra traccia di riferimento!

Fase 12: Altri miglioramenti

A questo punto, ci sono un paio di altri assi nella manica che possono essere utili.

Compressione multibanda:

Se il problema riguarda un'area specifica dello spettro di frequenze, si consiglia di sperimentare un compressore multibanda.

Un compressore multibanda funziona come i normali compressori, con l'eccezione che è possibile impostare la gamma di frequenze specifica su cui si desidera agire.

Quindi, se notate una gamma media incoerente in tutto il brano, utilizzate la compressione multibanda per attenuare quella gamma di frequenze con una piccola riduzione del guadagno (da -2 a -3 dB). Ricordate la sottigliezza? Non serve molto, ma solo quanto basta per rimediare alle parti incoerenti.

Saturazione:

I plugin per la saturazione del nastro possono aggiungere colore al vostro mix, rendendolo un po' più eccitante, più pieno. Dare loro un po' di ba-da-bing. Ma attenzione! Una saturazione eccessiva può portare a distorsioni indesiderate. Usate quindi il vostro giudizio e scegliete la strada della cautela. Soprattutto in questo caso, meno è sempre meglio.

Allargamento stereo:

Questo può aiutare un mix che suona troppo disordinato, allargando l'immagine stereo e distanziando i suoni. Può suonare bene, ma può anche causare problemi di fase quando l'audio è riprodotto in mono. Quindi, siate prudenti e, idealmente, evitate di usarlo a meno che non sia assolutamente necessario.

Fase 13: Limitazione

Il limiting è lo stadio finale della catena di mastering . Qui è possibile controllare il segnale per assicurarsi che non superi mai un certo livello e aumentare il volume complessivo percepito della traccia.

Avete indovinato: anche in questo caso sono necessarie impostazioni delicate.

  • Impostare l'uscita tra -0,3 e -0,8 dBFS,
  • Impostare il tempo di rilascio a 500 ms (o automatico se è un'opzione).
  • Aumentare il guadagno d'ingresso fino a ottenere una riduzione del guadagno di circa 2 dB.
  • Ridurre il più possibile il tempo di rilascio senza compromettere la qualità del suono.

Il modo migliore per padroneggiare una canzone

Nonostante ciò che 2 Illimitato ci dovrebbero essere dei limiti.

Alcuni impostano prima il limitatore e poi tornano agli stadi precedenti. Certo, così facendo si perde il momento magico in cui il limiter viene attivato e il pezzo quasi masterizzato viene immediatamente trasportato a Loudsville. Ma il vantaggio di lavorare al contrario è che le vostre scelte negli stadi di equalizzazione e compressione non saranno influenzate negativamente dal limitatore: lo sentirete già all'opera.

Con il limitatore, l'obiettivo è quello di far coincidere il livello con quello della traccia di riferimento.

Fase 14: Controllo finale del livello

Ci siamo quasi!

Ora che il master suona meglio della versione solo mix e lo avete confrontato con i vostri riferimenti, dovete ascoltare il risultato su diversi sistemi. L'ascoltatore medio non userà monitor da studio a risposta piatta. Molto probabilmente ascolterà la musica in auto, con gli auricolari o magari con un diffusore Bluetooth. Quindi, ascoltate il vostro master su diversi sistemi di riproduzione e a vari volumi per vedere come suona. Se il mastering è molto frequente, può essere utile avere a disposizione una scelta di opzioni di ascolto direttamente dal banco di missaggio.

L'ultima cosa da fare prima del rendering è controllare il livello di loudness finale. Questo può essere fatto con un misuratore LUFS o con un vero misuratore di picco.

Esercitazione di masterizzazione fai da te

Se la vostra DAW non dispone di un plug-in in grado di leggere il livello di loudness percepito, non preoccupatevi. A questo punto, vi siete guadagnati il diritto di darvi un po' di tregua.

La cosa principale è assicurarsi che non ci sia clipping sull'uscita master. In caso contrario, ridurre il guadagno d'ingresso del limiter.

Fase 15: rimbalzo del master finale

le fasi finali della masterizzazione di un brano

Evviva! Ce l'avete fatta! Vi siete guadagnati il diritto di trasformare il vostro brano in un file audio certificato oro da distribuire a tutti i servizi di streaming. Ecco alcune impostazioni di base da utilizzare per il rendering di un grande master:

  • Formato: WAV
  • Profondità di bit: 16 bit
  • Frequenza di campionamento: 44kHz
  • Spazio per la testa: 1dBFS

E se il file audio del solo mix aveva una frequenza di campionamento più alta, non dimenticate di ridurre il dithering per garantire una conversione fluida della frequenza di campionamento!

Come masterizzare una canzone con eMastered

Può capitare che non siate in grado di eseguire da soli il mastering: magari dovete consegnare il vostro brano per la distribuzione in un paio d'ore e le vostre orecchie sono cotte dal missaggio.

Qualunque sia il motivo, a volte è necessario affidarsi a un servizio online come eMastered per portare a termine il lavoro.

Con eMastered avrete la possibilità di provare prima di acquistare. Si tratta di una semplice interfaccia drag-and-drop in cui si carica il proprio mix e, se lo si desidera, una traccia di riferimento.

masterizzazione di un brano con emastered

Una volta che il file è stato caricato ed elaborato dal magico potere dell'IA, si accede a una pagina in cui è possibile provare diverse impostazioni del brano.

Guida alla masterizzazione fai da te dei brani

È possibile confrontare la differenza tra il master e il mix originale nella scheda di riproduzione.

come padroneggiare la propria musica

Se state masterizzando un gruppo di brani con un suono simile, potete sfruttare la pagina dei preset per memorizzare le vostre impostazioni preferite.

come padroneggiare l'audio

I vantaggi dell'utilizzo di un servizio online sono la velocità, l'efficienza e il basso costo. Se volete imparare a conoscere i dettagli del mastering e a capire come questo possa migliorare i vostri missaggi, potreste scegliere la strada del fai-da-te. Se invece siete un artista che ha trascorso molto tempo in studio con musicisti dal vivo per registrare un album, la soluzione migliore potrebbe essere quella di ingaggiare un tecnico di mastering. Consiglio di provare tutte e tre le strade, per vedere quale funziona per voi e per la vostra musica.

5 consigli per il mastering musicale per i principianti

Riposare spesso le orecchie

È facile affaticare le orecchie ascoltando sempre lo stesso brano musicale, quindi assicuratevi di fare delle pause regolari dal lavoro per mantenere le orecchie fresche.

Utilizzare una traccia di riferimento

Utilizzate una traccia di riferimento durante la masterizzazione del vostro brano e assicuratevi di controllarla spesso. Come si comporta il vostro brano rispetto al riferimento? Troppo bassi? Non è abbastanza incisivo? Un riferimento vi aiuterà a mantenere la rotta per un ottimo master.

Monitoraggio a un volume ragionevole

È facile alzare il volume del sistema di riproduzione e pensare di fare un ottimo lavoro. Ma non fatelo. Monitorate a un livello confortevole per evitare che le vostre orecchie si affatichino rapidamente e per evitare di fare scelte incoerenti.

Non agonizzare sulle scelte

Anche se sono favorevole a fare qualcosa al meglio, c'è una linea sottile tra il fare bene e l'esagerare. In fin dei conti, imparare a padroneggiare è un viaggio che può durare tutta la vita. Fate del vostro meglio e passate al prossimo.

Meno è meglio

Sia per quanto riguarda il numero di plugin da utilizzare, sia per quanto riguarda il loro utilizzo: non esagerate. Consiglio di iniziare con tre soli plugin: EQ, compressione e limitazione dei picchi. E di effettuare qualsiasi regolazione in modo piccolo e ponderato. Se è necessario apportare grandi modifiche, si consiglia di tornare alla fase di missaggio.

Errori comuni dei principianti

Utilizzo di troppi plugin

Mentre imparate, attenetevi alle basi. EQ, compressione e un limitatore di picco sono gli strumenti di base. Quando avrete iniziato a imparare qualcosa di più sul mastering, potrete sperimentare l'immagine stereo, la saturazione e altri strumenti.

Mastering sul bus di missaggio

Sì, no. Potrebbe esserci la tentazione di fare tutto in un unico progetto, ma resistete! Rimbalzate il vostro mix come file lossless (cioè con la stessa frequenza di bit e di campionamento in cui è stato registrato) e importatelo in un progetto pulito e vuoto. Avrete a disposizione una maggiore potenza di elaborazione e non sarete distratti da infinite operazioni di mixaggio.

Sovraelaborazione

Se le vostre orecchie sono stanche per non aver fatto una pausa o non avete usato la vostra traccia di riferimento, è facile esagerare con l'equalizzazione e la compressione. Vale sempre la pena di tornare il giorno dopo per assicurarsi che quel potenziamento delle alte frequenze sia stato effettivamente una buona cosa.

Non controllare il file su diversi sistemi di riproduzione

Il file stereo finale può suonare benissimo con le vostre Yamaha NS10, ma avete controllato come suona con i diffusori del portatile di vostra sorella?

Affidarsi alle preimpostazioni

Non fraintendetemi: i preset sono un ottimo punto di partenza. Ma dovrete modificare il preset "Rock Ballad Master" sul vostro EQ per adattarlo alla vostra canzone. Quindi, sentitevi liberi di modificarli, ma non siate il principe (o la principessa) dei preset.

FAQ sul mastering fai da te

tutorial sul mastering musicale

Il mastering può risolvere un cattivo mix?

In una parola, no. Può aiutare a smussare le incongruenze e ad aggiungere chiarezza e brillantezza, ma non può mascherare un brano mixato male. Se durante il mastering si riscontrano problemi di missaggio, si consiglia di tornare alla fase di missaggio per risolvere i problemi.

A che volume si deve masterizzare la musica?

Assicuratevi sempre di lasciare almeno 1dBDS di headroom e di evitare il clipping sul canale master. I requisiti dei servizi di streaming e delle emittenti sono tutti diversi, ma una buona regola è quella di puntare a -14 LUFS integrati.

Come si padroneggia la gamma bassa?

Utilizzate la compressione multibanda per domare le basse frequenze. Ricordate di ridurre il guadagno in modo sottile, non più di -2 o -3 dB. Vale anche la pena di usare un taglio basso per eliminare tutto ciò che è al di sotto dei 3oHz. In questo modo si lascia spazio alle basse frequenze.

Quanto deve essere alto il volume del mio mix prima del mastering?

Anche se la tentazione di alzare il volume durante il mixaggio è forte, non fatelo! In fase di missaggio, le parti più forti del brano dovrebbero avere un picco di -6dB. E assicuratevi di non normalizzare un mix mentre lo fate uscire. Questa opzione è spesso selezionata di default in alcune DAW.

Quanto è forte un master SoundCloud?

SoundCloud normalizzerà il vostro brano a -14 LUFS, quindi cercate di ottenere un valore compreso tra -18 e -10 LUFS.

Come faccio a sapere se il mio maestro è bravo?

Ottima domanda! Provatelo su diversi diffusori e in diversi ambienti di ascolto. L'autoradio, il telefono, i diffusori del computer portatile, una soundbar. Riesci a sentire tutto chiaramente? C'è qualcosa che salta all'occhio? In ultima analisi, più vi eserciterete nel mastering e più diventerete bravi.

Dovreste usare un limiter prima del mastering?

Assolutamente no! Lasciate l'elaborazione dell'intero mix per la fase di masterizzazione. Sentitevi liberi di usare un po' di compressione e di equalizzazione sui canali ausiliari (ad esempio un bus di batteria) per rendere le cose più rigorose, ma lasciate il canale di uscita vuoto di qualsiasi plugin.

Quanta headroom devo lasciare per il mastering?

Puntate a far sì che le parti più forti del vostro mix abbiano un picco di -6dB in fase di mix. In questo modo avrete un ampio margine per l'elaborazione e aumenterete il volume percepito del brano.

Si deve normalizzare dopo il mastering?

Non selezionare mai la casella "normalizza" quando si esegue il bouncing del master finale! Distruggerà tutto il duro lavoro che avete fatto per arrivare a questo punto. Lasciate la normalizzazione ai servizi di streaming, che renderanno il vostro master secondo le loro esigenze.

Qual è il miglior software di masterizzazione?

Esistono molti singoli plugin e suite che possono aiutarvi a padroneggiare la musica. Ma la cosa più importante su cui fare affidamento sono le vostre orecchie. Tutte le tecniche discusse in questo articolo possono essere eseguite con i plug-in forniti in dotazione con la DAW, il che significa che potete esercitarvi prima di acquistare un software di lusso.

Il mastering è più difficile del mixaggio?

Alcune persone mescolano e padroneggiano. Altre persone preferiscono l'uno all'altro. Entrambi richiedono un buon paio di orecchie, conoscenze tecniche e la pazienza di fare pratica.

Quali plugin devo usare per il mastering?

Come minimo avrete bisogno di un equalizzatore, per controllare le diverse gamme di frequenza, di un compressore, per domare la dinamica, e di un limiter, per aumentare il volume percepito del brano e prevenire il clipping. Se la vostra DAW dispone di un vero misuratore di picco, è fantastico, ma per cominciare potete farne a meno.

Come posso migliorare nel mastering?

Lo stesso modo in cui si arriva alla Carnegie Hall: pratica, pratica, pratica! Ascoltate i vostri lavori e le uscite commerciali con un orecchio critico. Che cosa rende quella canzone "pop"? Come si colloca il vostro disco? Non rimanete bloccati in una routine di perfezionamento continuo di una canzone; passate alla successiva e concentratevi sul miglioramento del vostro mestiere ogni volta.

In conclusione...

Il mastering è un'arte misteriosa che richiede anni per essere compresa e una vita per essere perfezionata. La pratica non potrà che migliorarvi, quindi non lesinate sul tempo quando si tratta della fase di masterizzazione. Per ulteriori suggerimenti e trucchi sul mastering fai-da-te, consultate questo articolo .

Date vita alle vostre canzoni con un mastering di qualità professionale, in pochi secondi!